Bernie Madoff, il finanziere dietro la più grande truffa finanziaria d’America, è morto

NEW YORK È stato condannato a 150 anni di prigione per il suo imbroglio che aveva derubato più di 37.000 persone in 136 paesi, ma Bernie madoff è morto oggi per insufficienza renale dopo essere stato ricoverato nell’infermeria della prigione Butner in North Carolina. Si dice che il finanziere traditore abbia aiutato l’83enne il 29 aprile. Le sue truffe hanno coinvolto anche personaggi famosi come il regista Steven Spielberg, l’attore Kevin Bacon e il premio Nobel per la pace Elie Weisel. In totale, Madoff aveva rubato 65 miliardi di dollari in quella che è stata definita la più grande frode finanziaria nella storia degli Stati Uniti.

New York, il finanziere Bernie Madoff chiede: “Ho solo 18 mesi, fammi uscire”

Il caso giudiziario

Nel 2009 si è dichiarato colpevole di aver mentito e imbrogliato per oltre 40 anni. La gigantesca frode è stata fermata dopo una lunga indagine, quando i suoi due figli hanno deciso di collaborare con le autorità. In una lettera dal carcere un anno dopo, il finanziere ha cambiato la sua testimonianza e ha sostenuto che è stata la crisi post-Guerra del Golfo dei primi anni ’90 che lo ha portato a frodare i clienti tramite un hedge fund che aveva aperto parallelamente alla sua legittima società finanziaria . . Sebbene Bernie affermasse che i suoi figli non sapevano nulla del suo imbroglio, i sospetti rimasero sulle loro teste, anche se lavoravano in un ramo della società diverso e distaccato.


Il figlio si suicida

Suo figlio Mark si è suicidato nel 2010, all’età di 46 anni, nell’anniversario della scoperta della truffa. Mark lasciò un biglietto a suo padre, che all’epoca era già in prigione: “Bernie, ora saprai che hai distrutto la vita dei tuoi figli, con la tua vita da truffatore, vai al diavolo”. Nel 2014, suo figlio Andrew è morto di cancro all’età di 48 anni. Anche lui incolpava suo padre per il ritorno del cancro, per lo stress e la depressione che gli aveva causato: “Anche in letto di morte, non posso perdonarti” era la sua ultima lettera a suo padre. Sua moglie, Ruth, non ha mai chiesto il divorzio da Bernie, ma non gli ha parlato da quando Mark si è suicidato. La signora vive in un piccolo appartamento in affitto nella provincia del Connecticut in totale isolamento. Bernie Madoff era considerato uno degli investitori più intelligenti e aveva nel suo portafoglio tipi di clienti molto diversi, dai pensionati che gli avevano affidato i loro risparmi, alle università, alle organizzazioni umanitarie, ai VIP di Hollyood, persino al Comitato Olimpico.

READ  In Belgio è la caccia a Jürgen Conings, il tiratore idolo della destra no vax che minaccia il virologo più famoso del Paese

“Il mago delle bugie”

Nel 2016, la HBO ha realizzato un film sulla storia, intitolato “Il mago delle bugie”. A interpretare Bernie c’era Robert De Niro. La ABC ha invece realizzato una miniserie, con l’attore Richard Dreyfuss. Madoff è nato nel Queens, e ha fondato la sua “Bernard L. Madoff Investment Securities” nel 1960. Ha rapidamente guadagnato fama, anche grazie all’astuzia di rimanere all’interno della comunità ebraica, di cui era un primo rappresentante. Piano, e spesso escluso dal i suoi investimenti anche persone di spicco, per darsi un’aria di esclusività. È stato presidente del Nasdaq tre volte. Dal 1992, la Securities Exchange Commission aveva ricevuto numerose segnalazioni di anomalie nella gestione dell’hedge fund che Madoff stava utilizzando per condurre i suoi giri. Ma la società finanziaria era riuscita a farla franca con cinque diverse indagini, anche se nel 2009 l’ispettore generale ha riscontrato che un’indagine ben condotta e approfondita non era mai stata condotta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *