Spicca la cabina della funivia tra Stresa e Mottarone: “14 vittime. Un bambino gravemente ferito. Il cavo della funivia è stato sganciato”

Il cavo si è rotto Il punto più alto, A 100 metri dall’ultimo pilone prima della stazione di arrivo e dalla cabina della funivia di collegamento Stresa con il Mottarone è caduta nel bosco. Là è stata trovata dai soccorritori, spiegazzato contro due tronchi, in uno dei punti più impervi del percorso. Io sono 14 i morti nell’incidente intorno all’ora di pranzo a Verbano, in Piemonte. Due bambini di 9 e 5 anni, sopravvissuti all’impatto, sono stati trasportati in codice rosso all’ospedale Regina Margherita di Torino. Il più giovane ha subito traumi cranici, traumi toraco-addominali e fratture agli arti inferiori ed è cosciente. Il secondo è stato rianimato ed è stato sottoposto a TAC, ma non ha avuto successo: in serata, la sua morte è stata comunicata all’ospedale. Sul luogo dell’incidente, le squadre di Soccorso alpino e Speleologico ha lavorato tutto il giorno con il Vigili del fuoco e lì Carabinieri.

In questi momenti sono arrivati ​​molti messaggi di cordoglio. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha espresso “un richiamo al rigoroso rispetto di tutte le norme di sicurezza per tutte le condizioni riguardanti il ​​trasporto di persone”. E ha ribadito la sua vicinanza: “Il tragico incidente causa profondo dolore alle vittime e grande apprensione a chi in queste ore si batte per la vita. Parlo alle famiglie colpite e alle comunità in lutto la partecipazione di tutta Italia“. Il primo ministro Mario draghi ha espresso “le condoglianze di tutto il governo”, mentre il ministro dei Trasporti Enrico Giovannini ha detto di seguire gli sviluppi in contatto con le autorità e domani, 24 maggio, sarà sul posto con il capo della protezione civile Fabrizio Curcio.

Contestualmente la Procura di Verbania ha disposto il sequestro della funivia: “Sono in corso le operazioni di recupero delle vittime, così come le attività di raccolta tecnica in preparazione delle indagini”, ha spiegato. Giorgio Santacroce, comandante dell’unità fucilieri operativi di Verbania. “È un po ‘presto per spiegare le dinamiche: quello che abbiamo visto è quello un cavo d’acciaio – dovrebbe essere il cavo di supporto della funivia – si è allentato e di conseguenza ci saranno state azioni di concatenamento che hanno portato al uscita funivia il resto dei cavi è rimasto intatto. “Sul posto è arrivato anche il sindaco di Stresa Marcella Severino: “Una scena devastante”, ha detto ai giornalisti. “È un brutto momento per me, per la nostra comunità e per tutta l’Italia, in un momento in cui c’era un po ‘di ripresa. Tutti pensano che siano più usciti da questo brutto periodo che stiamo attraversando piuttosto che ci sia un destino fatale, una disgrazia ”. Il primo cittadino ha anche detto che la fabbrica è stata riaperta poche settimane fa e “quattro anni fa aveva subito un pesante restauroE ha concluso: “Da domani penseremo ai motivi di quanto accaduto oggi, piangiamo queste persone”. Quanto alle dinamiche, Severino ha spiegato: “Due escursionisti hanno sentito un grande sibilo e hanno visto che questo rifugio che ha raggiunto la cima improvvisamente iniziò a ritirarsi rapidamentepoi ha preso un pilone e ha saltato, ha fatto due salti sul terreno scosceso e si è fermata contro i pini ”.

READ  Enrico Vaime - Corriere.it è morto

La funivia ha riaperto un mese fa – La funivia è stata costruita 50 anni fa per offrire la vista di uno dei paesaggi più belli d’Italia. Quello del Mottarone era stato inaugurato nel 1970 e aveva sostituito il treno a cremagliera che aveva interrotto le sue corse sette anni prima. L’incidente è avvenuto nella parte più alta del percorso da cui, da Lago Maggiore arriva in quota 1.491 metri. La capanna è crollata in un tratto boscoso e inaccessibile, dove le operazioni di soccorso non sono facili. La funivia era aperto il 24 aprile dopo il periodo di chiusura per restrizioni Covid. La funivia, gestita da Società dell’Alto Adige Leitner de Vipiteno con Mottarone Ferrovie srl, era stato chiuso nel 2014 ed è stato sottoposto a lavori di manutenzione ed è stato riaperto nel 2016. Un’altra lunga fermata è avvenuta alla fine degli anni 90. Nel luglio 2001 è stata bloccata, in questo caso nel primo tratto dopo aver lasciato Stresa ed è stato necessario l’intervento dei soccorritori per soccorrere una quarantina di turisti. La ristrutturazione della Funivia Stresa-Mottarone è stata eseguita nel 2016 da Leitner, una delle più importanti aziende operanti nel settore del trasporto via cavo che ha inviato in cantiere i propri tecnici.

Condoglianze da Draghi e dal governo. Il ministro Giovannini: “Ora commissione per capire cosa è successo” – Il ministro delle Infrastrutture sostenibili e della mobilità Enrico Giovannini ha fatto sapere di aver avviato “i passi per costituire una commissione su quanto accaduto” e “avviato i controlli dei controlli che in passato venivano effettuati in fabbrica. “Domani mattina sarò a Stresa con il capo della protezione civile Curcio per incontrare il prefetto e le altre autorità per acquisire scopri di più su cosa è successo e decidi cosa fare“.

READ  Santo Stefano, l'isola della quarantena e la rivolta dei turisti: "Rapimento"

Anche il primo ministro Mario draghi segue tutti gli sviluppi della storia. “Ho appreso con profonda tristezza la notizia del tragico incidente”, si legge in una nota pubblicata da Palazzo Chigi nel pomeriggio. “Esprimo le condoglianze di tutto il governo alle famiglie delle vittime, con un pensiero speciale per i bambini gravemente feriti e le loro famiglie”. Subito dopo sono intervenuti anche il secondo e il terzo ufficio statale. Elisabetta Casellati e Roberto Fico. “Oggi è un giorno di dolore per tutto il Paese: la tragedia della funivia del Mottarone lacera i cuori di tutti gli italiani“Ha detto il Presidente del Senato. “Un pensiero commovente ai bambini che lottano per la vita, l’Italia è al loro fianco con speranza”. Mentre il Presidente della Camera ha aggiunto su Twitter: “È un colpo al cuore, una terribile tragedia. La mia vicinanza alle famiglie delle vittime e i miei migliori auguri ai feriti per una pronta guarigione ”. Molti messaggi sono arrivati ​​da tutti i rappresentanti politici e non solo in Italia. Tra questi c’è anche il Presidente del Parlamento Europeo David Sassoli chi ha chiesto “le cause di questa assurda tragedia vengono subito chiarite“.

I precedenti in Italia – L’incidente della funivia di Stresa ha una lunga serie di precedenti che purtroppo hanno avuto un pesante tributo in vite umane. In Italia, in particolare, le due tragedie del Cermis, quello del marzo 1976 quando la funivia si schiantò a seguito di un incidente tecnico uccidendo 42 persone e l’altro del febbraio 1998, quando un aereo militare americano tagliò i cavi della fabbrica uccidendo 20 persone. Il 13 luglio 1972, la cabina di una funivia si schiantò a Betten-Bettmeralp, nelle Alpi svizzere, uccidendo 13 persone. 9 marzo 1976: nei pressi di Cavalese (Trentino) precipita una cabina della funivia del Cermis: 42 morti. 13 febbraio 1983: a Champoluc (Valle d’Aosta), tre cabine della funivia che hanno portato all’incidente di Crest: 11 morti. 3 febbraio 1998: un aereo dei Marines americani proveniente da Aviano taglia un cavo della funivia del Cermis in Italia, facendo cadere nel vuoto una cabina: 20 morti. Non tutti gli incidenti sono stati fatali. Il 22 marzo 2008 a Pragelato al Sestriere nelle valli piemontesi ci sono stati 14 feriti, l’8 settembre 2016 la Funivia Panoramica del Monte Bianco, che collega l’Aiguille du Midi a Punta Helbronner, versante italiano del massiccio, gela a altitudine a causa di una faglia del Monte Bianco. Tutte le oltre 100 persone coinvolte sono state salvate. 24 dicembre 2016: Il maltempo fa salire a Cervinia le funi della Funivia Plan Maison-Cime Bianchi Laghi. In un’operazione durata più di sette ore, i 153 sciatori bloccati sono stati soccorsi.

READ  GF Vip 2020, Dayane si scusa, da De Blanck: ventunesimo bollettino degli episodi

Foto del Soccorso Alpino Italiano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *