Bill Browder: “I Paesi Bassi devono mettere gli assassini russi in una lista di sanzioni” | ADESSO

L’ex uomo d’affari e attivista per i diritti umani Bill Browder ritiene che avvocati, consulenti fiscali e contabili che hanno aiutato gli oligarchi russi dovrebbero essere costretti a condividere le loro conoscenze con le autorità olandesi. “Il governo olandese può fare molto di più di quello che sta accadendo ora. Il vostro primo ministro Rutte ha dato la priorità alle relazioni commerciali con la Russia per troppo tempo”, ha detto il britannico a NU.nl.

Chi è Bill Browser?

  • Browder è uno dei più accaniti critici del presidente russo Vladimir Putin.
  • Nel 1996 ha fondato Hermitage Capital Management, il più grande fondo di investimento estero in Russia di tutti i tempi.
  • Dopo che Browder ha criticato la corruzione in Russia nel 2006, il governo russo ha inserito il britannico nella lista nera.
  • Browder accusa Putin di intascare denaro su larga scala.
  • Da 12 anni chiede sanzioni severe contro i colpevoli di pratiche di corruzione.
  • Queste leggi sulle sanzioni portano il nome di Sergei Magnitsky, il suo ex dipendente, che era sulle tracce di un grave scandalo di corruzione.
  • Il 16 novembre 2009 è stato assassinato in una cella russa dopo gravi torture.
  • L’allora presidente degli Stati Uniti Barack Obama firmò il Magnitsky Act, una legge americana piena di misure contro i russi di alto rango coinvolti nella corruzione.

Bill Browder è incredibilmente entusiasta dell’atteggiamento riluttante del governo olandese e del primo ministro Mark Rutte in particolare riguardo alle sanzioni contro la cricca attorno al presidente russo Vladimir Putin. “I russi hanno fatto saltare in aria un aereo con 189 olandesi a bordo. Era il tuo momento dell’11 settembre”, dice. “E cosa ha fatto Rutte? Ha impedito l’introduzione di sanzioni, gli interessi del gas erano più importanti. Non è andato a Bruxelles per promuovere una legge del genere”.

READ  Proteste in Francia contro la legge sulla sicurezza

Tratto anche dal rapporto dell’ex ministro Stef Blok sulle opzioni di sanzioni pubblicato venerdì sorsero, non è impressionato. “Ora sono stati sequestrati 600 milioni di euro. Posso dirvi che ci sono molti più soldi russi nei Paesi Bassi”.

Browder si concentra su avvocati, esperti fiscali e contabili di Amsterdam Zuidas che hanno aiutato per anni gli oligarchi russi e il Cremlino.

“Il governo olandese deve costringere questi esperti a mettere a disposizione tutte le loro conoscenze, per dire dove si nascondono i soldi. E se non collaborano, devono essere puniti. Blok ora sta raccogliendo i frutti a portata di mano. Mano, deve scavare più profondo.”

Browder è in Olanda per il suo nuovo libro Braccato dalla mafia di stato uscito la scorsa settimana e subito in cima alla lista dei bestseller di saggistica. “Questo libro si legge come un thriller di John le Carré”, ha detto un recensore di NRC Handelsblad questa settimana.

Browder vuole mettere gli assassini dei dipendenti dietro le sbarre

La vita di Browder è cambiata completamente dopo l’omicidio del suo socio Sergei Magnitsky il 16 novembre 2009. “Sergei era una figura eroica”, dice Browder. “Era sulle tracce di un importante caso di frode. È stato arrestato, ha trascorso 11 mesi in prigione e non si è arreso anche se è stato torturato”.

Browder era tormentato dal senso di colpa. “Magnitsky ha lavorato per me. Se non l’avesse fatto, sarebbe ancora vivo”, ha detto in una conversazione ad Amsterdam.

Quando Magnitsky muore dopo essere stato torturato in una cella russa nel novembre 2009, Browder promette solennemente a se stesso, alla moglie e al figlio di Magnitsky di mettere gli autori dietro le sbarre.

READ  In Ungheria, le coppie dello stesso sesso non potranno più adottare bambini

Browder, fino ad allora un uomo d’affari di successo e proprietario di Hermitage Capital Investment, lascia la sua azienda e diventa quello che chiama un attivista per i diritti umani a tempo pieno. Ha messo in guardia l’Occidente negli ultimi dieci anni contro Putin, che secondo lui sta solo cercando di proteggere i suoi miliardi rubati.

Browder ha pagato a caro prezzo la sua lotta

Grazie alla feroce lotta di Browder, paesi come il Canada e gli Stati Uniti hanno emanato il cosiddetto Magnitsky Act. In base a queste leggi, possono essere imposte sanzioni alle persone che commettono violazioni dei diritti umani o pratiche di corruzione.

In precedenza, le sanzioni potevano essere imposte solo a interi paesi. Le leggi Magnitsky hanno permesso di prendere di mira personalmente gli autori senza che un’intera popolazione subisse le misure punitive.

L’ex uomo d’affari ha pagato a caro prezzo la sua lotta contro il Cremlino. Magnitsky è stato assassinato, così come il politico russo dell’opposizione Boris Nemtsov, con il quale Browder ha lavorato a stretto contatto. Anche lo stesso Browder è stato minacciato. Inoltre, è stato ricercato dall’Interpol su richiesta della Russia e persino arrestato in Spagna, come descrive nel suo libro.

“Per me è più pericoloso che mai”

“Dall’invasione russa dell’Ucraina, per me è più pericoloso che mai”, dice. “Qualsiasi inibizione che i servizi segreti russi potessero aver avuto in precedenza ora sono scomparse. L’unico vantaggio è che gli assassini che lavorano per Putin ora sono così occupati a uccidere gli avversari che possono essere sovraccarichi di lavoro”.

Nei Paesi Bassi, Browder ha lavorato a stretto contatto con i parlamentari Pieter Omtzigt e Sjoerd Sjoerdsma. “Si sono davvero impegnati fin dall’inizio nell’attuazione del Magnitsky Act in Europa”.

Browder, invece, critica fortemente il premier Rutte, che si è opposto all’introduzione di una simile legge alla Camera. “Trovo incredibile che Rutte abbia fatto questo. E perché? Perché aveva paura di danneggiare le relazioni commerciali con la Russia. Incredibile, è stato dopo la distruzione dell’MH17”.

READ  Coronavirus nel mondo, Trump: "Positivo su un membro dello staff Covid alla Casa Bianca che non mi è vicino"

Secondo Browder, Rutte avrebbe dovuto intervenire e promuovere il Magnitsky Act in Europa. “E’ stato accolto a braccia aperte, soprattutto dal primo ministro olandese, ma non lo ha fatto”. La legislazione dell’UE è stata finalmente approvata nel dicembre 2020, in parte grazie agli sforzi di Omtzigt, Sjoerdsma e altri.

Approvata la legge europea, ma non intitolata a Magnitsky

Durante questo periodo, Browder parlò anche con l’allora ministro degli Esteri Stef Blok, che doveva sostenere l’introduzione della legge a nome dei Paesi Bassi. Blok è stato chiamato a farlo con una mozione approvata dalla Camera. Browder: “Blok mi ha detto di abbassare i toni, altrimenti paesi come l’Ungheria non sarebbero entrati a bordo. Ma cos’erano tutte queste sciocchezze? Lo sto attenuando? Non credo”.

La legge europea è stata finalmente approvata, ma non porta il nome di Magnitsky, perché l’Ungheria vi si è rassegnata. Inoltre, secondo la legge, possono essere puniti solo gli autori di violazioni dei diritti umani e non i colpevoli di corruzione.

“Trovo inaudito che l’UE e il Blok si siano rivolti all’Ungheria”, ha detto Browder. “Ora è il momento di cambiare la legge. Dopo l’invasione dell’Ucraina, tutti vedranno di cosa sono capaci la Russia e Putin. Speriamo di poter ora ancorare la legge per i prossimi 50 anni”.

E poi c’è qualcos’altro su cui Browder spera che i Paesi Bassi agiscano rapidamente: mettere gli assassini di Magnitsky nell’elenco delle sanzioni. “Com’è possibile che il vostro governo non l’abbia già fatto?” Ha ancora paura di offendere Putin?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.