Bill troppo alto? La correzione di questo errore può aiutare

L’aumento della bolletta elettrica non è solo colpa del momento storico. A volte sono le nostre abitudini a dare impulso al meccanismo dell’aumento dei prezzi.

Foto © Adobe Stock

I prezzi stanno aumentando in bolletta per questo inverno e chissà per quanto tempo. Il problema dell’approvvigionamento delle materie prime ha portato a decisioni drastiche (come la riaccensione di alcuni pali del carbone) e, soprattutto, ad una spesa non indifferente per tutte le famiglie italiane. Un grosso problema, visto che l’aumento delle bollette corrisponde al periodo di piena attività dell’amministrazione fiscale e altre limitazioni a cui prestare attenzione per evitare travestimenti sanzionatori. In questo contesto, esiste una sola strategia: non privarsi palesemente del beneficio delle utenze domestiche. Ma risparmio sui consumi, sì. In effetti, a fine mese, il conto fa sempre paura. Per questo, nei diversi giorni, è bene cercare di limitare il più possibile gli errori.

Sì, perché nessuno è infallibile. E spesso siamo noi stessi a dare alle apparecchiature un piccolo aumento del costo della vita, ad esempio utilizzando i dispositivi in ​​modo scorretto o eccessivo. Altri ancora dimenticano di spegnerli (completamente), lasciando anche un consumo latente continuare anche se il dispositivo è apparentemente inutilizzato. Cercare di evitare questi errori è importante ma non fondamentale se non si punta a non farne altri decisamente più dannosi. In effetti, molto spesso, le abitudini funzionano contro di noi. Ecco perché non è facile fare due cose: prima notarle e seconda evitarle.

Quanto ci costa il riscaldamento: consigli per un inverno caldo e bolletta leggera

Bill, come mitigare l’aumento dei prezzi fissando un’abitudine

Gli elettrodomestici in casa sono tanti e sarebbe davvero ammirevole poter conciliare il loro utilizzo senza aumentare il conto finale. Tuttavia, alcuni piccoli accorgimenti potrebbero essere decisivi, senza nemmeno accorgersene. Alcuni elettrodomestici, più di altri, finiscono per incidere sul costo finale della bolletta elettrica. Colpevolezza non solo dalla loro predisposizione a maggiori consumi ma anche quanto spesso li usiamo. Pensa a una lavastoviglie o all’elettricità stessa. Il semplice fatto di dimenticare una presa collegata può contribuire ad un aumento “invisibile” dei consumi. Errori comuni che portano il conto finale a prezzi che non ci aspetteremmo, almeno in modo sensato. Inconsciamente, infatti, è probabile che ognuno di noi sappia quali sono gli errori più frequenti.

READ  Ftse Mib, focus su Atlantia e Generali

Il conto è alle stelle: ecco alcuni pratici consigli per risparmiare

Uno di quegli elettrodomestici che guardiamo, però, è probabilmente il microonde. Un dispositivo utile, senza dubbio, per la sua velocità di azione e la sua capacità di farci accendere il gas il meno possibile. In ogni caso, se da una parte risparmi, dall’altra rischi di fare molto peggio. Riscaldare cibi e bevande, magari biberon, è una pratica molto comune. Eppure è proprio qui che sta l’errore. Molti di noi, infatti, non prestano attenzione al tipo di contenitore utilizzato. Al contrario, è un elemento decisivo: inserire le scatole usa e getta nel microonde, o lasciare il coperchio su una di esse, equivale a spingere il dispositivo a un consumo maggiore. La ragione di ciò è ovviamente il tempo più lungo necessario per riscaldare il cibo. Una di quelle abitudini a cui non presti attenzione ma che, se operi frequentemente, si fanno sentire al momento dei conti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *