Borsa Italiana, commento della seduta odierna (8 settembre 2020)

I principali mercati finanziari europei accelerano al ribasso, sulla scia delle indicazioni negative dei contratti futures statunitensi e, in particolare, del Nasdaq100

io principali indici di Borsa Italiana e dei principali mercati finanziari europei accelerare verso il basso, sulla scia delle indicazioni negative dei contratti futures statunitensi e, in particolare, del Nasdaq100.

Alle 15:25 in poi FTSEMib scende del 2,54% a 19.237 punti, dopo aver oscillato tra un minimo di 19.202 punti e un massimo di 19.817 punti. Allo stesso tempo, il FTSE Italia All Share ha perso il 2,43%. Anche in rosso FTSE Italia Mid Cap (-1,48%) e il Star FTSE Italia (-1,85%).

L ‘Euro è sceso sotto 1,18 $, mentre il Bitcoin è salito a 10.000 dollari (circa 8.500 euro).

Lo spread Bund Btp quasi 160 punti.

Sull’altalena Mediaset dopo il rally registrato nelle ultime sessioni. L’azione del gruppo Biscoione ha guadagnato lo 0,87% a 1.846 euro. Secondo quanto scritto su La Repubblica, i vertici di Mediset e Vivendi dovrebbero incontrarsi per aprire un tavolo di trattativa. Il nuovo piano potrebbe prevedere una sinergia di contenuti che unisca Italia e Spagna e che possa includere anche altre realtà europee. Il progetto Mfe potrebbe trovare nuova vita in una chiave diversa e si potrebbe cercare uno spazio anche per CanalPlus o altre attività di Vivendi.

Tiscali registra un decremento del 18,6% a 0,0228 euro, dopo alcune sospensioni per eccesso di diminuzione. Secondo le comunicazioni pubblicate da Consob il 7 settembre 2020, risulta che in data 31 agosto il gruppo Investment Construction Technology ha ridotto la quota detenuta nel capitale della società al 2,132%. Consob comunica che in data 28 agosto la quota detenuta dal socio di Tiscali è passata dal 9,334% al 3,012%.

READ  Mercato della Juventus: scoppia il caso Arthur, il bianco e nero preoccupato

Alcune idee tra i titoli del settore bancario.

BancoBPM va in territorio negativo e perde lo 0,39% a 1.4145 euro. L’istituto ha comunicato di aver collocato un prestito obbligazionario subordinato Tier2 del controvalore di 500 milioni di euro, destinato a investitori istituzionali. L’obbligazione scade tra 10 anni e può essere rimborsata subito dopo i primi 5 anni.

Segno meno per Intesa Sanpaolo (-1,8% a 1.7616 euro). Borsa Italiana ha comunicato che in relazione all’obbligo di riacquisto di azioni di UBI Banca (-1,47%) dall’istituto guidato da Carlo Messina, al momento della richiesta di 6.002.028 azioni, pari al 5,343% dei titoli oggetto delle richieste di vendita. Intanto, secondo le comunicazioni pubblicate dalla Consob il 7 settembre 2020, si apprende che dal 1 settembre BlackRock è accreditata con una quota globale del 5,016% del capitale di IntesaSanpaolo.

A FTSEMib, l’ascesa al potere Pirelli (+ 1,17% a 3.721 euro). Gli analisti di Citigroup hanno innalzato l’obiettivo di prezzo della società a 4,6 euro e hanno migliorato il rating “Acquista”. Il nuovo price target prevede un aumento del 25% rispetto al prezzo di chiusura del titolo Pirelli del 7 settembre (3.678 euro).

Nei guai STM (-5,18% a 22,89 euro), che corrisponde alla tendenza negativa del settore tecnologico.

Il salto da Esprinet (+ 10,6%), dopo la pubblicazione dei risultati semestrali e delle stime per l’intero esercizio. Il management prevede di chiudere il 2020 (senza contare l’effetto del consolidamento di GTI) con un fatturato di oltre 4,3 miliardi di euro. L’EBITDA adjusted è previsto tra i 56 ei 61 milioni di euro, in forte crescita rispetto al 2019.

READ  Vidal chiama, ma la Juve non risponde


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *