Canoni Rai, cosa bisogna fare per ottenere l’esenzione

Vediamo chi ha la possibilità di non pagare il canone Rai e cosa fare per ottenere l’esenzione dalla tassa inclusa nella bolletta elettrica.

La possibilità di non pagare il Canone Rai esiste, anche se non è esteso a tutti i contribuenti. Bisogna inserire determinati parametri per ottenere questo rilievo, necessariamente molto ambito da tutti

La tassa è di 90 euro all’anno ed è inclusa nella bolletta elettrica. Si divide in 10 rate da 9 euro ciascuna, se si opta per la rata mensile. In caso di fatture bimestrali il costo è di 18 euro per 5 mesi.

Canoni Rai: requisiti, tempi e modalità per ottenere l’esenzione

Solitamente il termine ultimo per la presentazione della richiesta di esenzione dal canone Rai è il 31 luglio. Quest’anno a causa del rinvio delle scadenze fiscali al periodo successivo al Metà agosto, il termine per la domanda è stato prorogato fino al 20 agosto 2021.

Ovviamente è necessario essere in possesso dei requisiti indicati nel Imposta. Vediamo quali sono nello specifico:

  • Avere 75 anni entro il 31 luglio al più tardi
  • Reddito annuo inferiore a 8mila euro (si tiene conto della somma del reddito del richiedente e di quello del codice),
  • Non convivere con soggetti aventi reddito proprio, ad eccezione di colf, assistenti infermieristiche o colf,
  • Avere un televisore all’interno della casa in cui risiede il richiedente. Se la residenza reale è diversa, decade la possibilità di ottenere l’esenzione.

Chi ha queste caratteristiche, ha diritto all’eliminazione della metà del totale costi. Una volta verificato anche questo aspetto, non resta che compilare ed inviare l’apposito modulo di domanda predisposto daAgenzia delle Entrate (che è tornata a dare un’occhiata ai conti correnti), in cui deve inserire il dati personali e specificare di essere in adeguatezza con i parametri richiesti per ottenere ilesenzione.

READ  le banche supportano il Ftse Mib

LEGGI ANCHE >>> Licenza Rai e fattura, le strade stanno per separarsi: l’onere sarà tolto

Per tutti gli altri, invece, è previsto il regolare pagamento del canone. Seppur spesso “sgradevole”, è necessaria per il sostentamento della televisione di Stato che dagli anni Cinquanta accompagna i cittadini del Bel Paese.

Una questione che però genera ancora molte polemiche, visto che oggi con tutte le modalità di utilizzo esistenti, molti si stanno allontanando dalla vecchia cara “Maman Rai”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *