Canonical adotta lo strumento di gestione dei container LXD e non lo rende uno snap-in proprietario – IT – News

Secondo Canonical stesso, sembra più una VM: https://ubuntu.com/blog/lxd-vs-docker

Il che è un po’ vago, perché ArchLinux indica che può essere utilizzato anche per LXC. Penso che LXC/LXD sia più per l’esecuzione di più contenitori del sistema operativo su una singola macchina e Docker/Podman sia più per l’esecuzione di app in un contenitore.

Personalmente, non ho esperienza con esso e sto lontano dalla tecnologia in questi giorni. di Canonico. Nessuno usa/vuole Snap, nessuno usa Mir, nessuno usa Upstart oltre a se stesso, nessuno usa Unity,..

Red Hat e Oracle possono essere controversi, ma aiutano con la tecnologia. che quasi tutti usano o vogliono usare. Sono davvero sorpreso che Canonical esista ancora, perché tutto ciò che toccano alla fine si sgretola. Sono un po’ come Google, il loro prodotto principale rimane in circolazione, ma per il resto non sai mai per quanto tempo lo rimarranno.

Vedo di più in Podman e Docker. Non sono macchine virtuali, ma con Podman non devi eseguire nulla come root, il che sembra essere il caso di LXD. Inoltre, i container (docker) sono molto flessibili e puoi anche eseguirli perfettamente in produzione. Inoltre, non è necessario utilizzare Docker Hub, ci sono anche altri registri. Punto chiave: LXD è solo Linux. Se volevi eseguirlo su macOS o Windows, ad esempio non è possibile. Questo è utile con Docker, ad esempio, puoi condividere fantastiche applicazioni con qualsiasi sistema operativo come sviluppatore, purché eseguano il motore Docker.

READ  Rumor: Elon Musk vuole tagliare i posti di lavoro su Twitter e pagare meno i dirigenti - IT Pro - News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *