Capiamo da dove provenisse un misterioso segnale spaziale, e ora il mistero si infittisce

Da tempo si parla tanto di “misteriosi segnali radio” nello spazio: il fenomeno infatti è affascinante, e ne abbiamo parlato. Oms. Uno dei grandi misteri dell’universo sono i lampi radio rapidi (FRB). Gli astrofisici continuano a studiarli, cercando di ottenere nuove informazioni e avere idee più chiare su cosa potrebbero essere.

Fondamentalmente io raffica radio rapida sono impulsi di energia che durano pochi millisecondi e provengono quasi sempre dall’esterno della galassia. Da cosa o da chi (!) Sono causati? Una risposta certa non esiste ma le ipotesi sono numerose.

Immagini di escursioniGetty Images

Ultimamente, tuttavia, è stata trovata la più vicina esplosione radio extragalattica mai scoperta, originata da una località distante “appena” 11,7 milioni di anni luce. E non è tutto, ciò che ha sorpreso gli astronomi è il tipo di luogo da cui è partito: un ammasso globulare.

Si è sempre pensato che forme di energia come questa potessero provenire da stelle di neutroni o magnetar. Gli ammassi globulari, invece, sono gruppi compatti di stelle che tendono ad essere molto vecchie e longeve, oltre che di massa bassa, nessuna maggiore della massa del Sole. Tutte le loro stelle si sarebbero formate contemporaneamente dalla stessa nube di gas. Non era mai successo che masse di corpi come questo producessero questi fulmini.

Questa scoperta mina le certezze di molti astronomi. Forse una stella di neutroni sta crescendo nell’ammasso globulare, o forse è la nascita di un buco nero? Chissà, ora non è il momento giusto per scoprire il mistero dietro questi raggi di energia.

Questo contenuto viene creato e gestito da una terza parte e caricato su questa pagina per aiutare gli utenti a fornire i propri indirizzi e-mail. Potresti essere in grado di trovare maggiori informazioni su questo e altri contenuti simili su piano.io

READ  Covid, su Science una lettera di 18 scienziati di alto livello: "Occorre un'indagine rigorosa sull'ipotesi dell'incidente di laboratorio"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *