Capodanno spaventoso a New York: la desolazione della vuota Times Square

DALL’APPROCCIO A NEW YORK. Il tradizionale ballo che segna il passaggio dal vecchio al nuovo anno ha seguito la tradizione di Times Square, ma la cerimonia si è svolta per la prima volta davanti a una piazza deserta, a parte la polizia che ha dovuto impedire alle persone di avvicinarsi per evitare infezioni, e ai tecnici televisivi che hanno trasmesso questo momento di speranza in tutto il mondo.

La desolazione di Times Square è stata un segno dei tempi, che ci ha ricordato quanto l’emergenza Covid sia ancora centrale per le nostre vite. Allo stesso tempo, però, la determinazione a mantenere viva la tradizione, con il Sindaco di Blasio che ancora conduce la cerimonia che richiama ogni anno migliaia di persone nella piazza del paese dove non si dorme mai, ha mandato un segnale. Certo, non sarà il cambio di data a cambiare il nostro destino, né la superstizione dello sfortunato anno alle nostre spalle, ma la voglia di guardare avanti aiuta.

Il problema principale negli Stati Uniti è il flop dei vaccini, l’ultimo fallimento lasciato dalla morente amministrazione Trump, tutto coinvolto in cause inutili per ribaltare la vittoria di Biden alle elezioni del 3 novembre. Il presidente aveva promesso di vaccinare almeno 20 milioni di americani entro la fine dell’anno, ma finora sono state somministrate solo 2,8 milioni di iniezioni, poco più del 10% annunciato. A New York, su quasi dieci milioni di cittadini legali e illegali, solo 88.000 persone hanno ricevuto il vaccino. E questo poiché le infezioni continuano a viaggiare con una media nazionale di oltre 200.000 al giorno e le morti hanno quasi raggiunto la soglia di 4.000 entro 24 ore.

READ  Joe Biden ha quasi vinto

Come è successo in passato, l’amministrazione Trump sta cercando di dare la colpa agli stati: il vaccino – questa è la difesa della Casa Bianca – è pronto, ma le autorità locali non erano pronte a inocularlo abbastanza rapidamente. Gli stati rispondono che per fare ciò avrebbero avuto bisogno di risorse economiche che il governo federale non ha mai messo a disposizione, e forse dell’aiuto delle forze armate, che sole hanno la manodopera e la logistica necessarie per realizzare una campagna nazionale di questa portata.

Con Trump, dopotutto, è sempre stato così. Da un lato, il presidente vuole tutelare il diritto degli Stati di prendere decisioni a livello locale, perché questo fa parte dell’ideologia repubblicana consolidata; dall’altra li usa come capri espiatori dei suoi errori, soprattutto quelli governati dai Democratici.

Il problema, però, è che Covid è un’emergenza nazionale, che avrebbe richiesto una risposta nazionale coordinata finanziata dal governo federale. Quella risposta non c’è mai stata, e anzi Trump l’ha boicottata da tempo, politicizzando l’epidemia, dividendo ancora il Paese tra chi l’ha riconosciuta e chi l’ha negata, rifiutandosi persino ostinatamente di indossare il mascherare e spingere per il suo utilizzo. , fino al suo contagio.

Il risultato è la catastrofe sanitaria, economica e geopolitica che gli Stati Uniti hanno vissuto, con il più alto numero di infezioni e morti nel mondo, crescita vertiginosa e posti di lavoro, e rivali come la Cina stanno guadagnando terreno. Su tutti i fronti. Il proiettile sganciato ieri a mezzanotte a Times Square non sarà sufficiente per rimediare, ma l’America è certamente ansiosa di voltare pagina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *