Catharijneconvent svela l’ex presepe napoletano a Utrecht: ‘Deve diventare una tradizione’

Catharijneconvent svela l’ex presepe napoletano a Utrecht: ‘Deve diventare una tradizione’

Questo è stato il più grande progetto dell’anno per il Museum Catharijneconvent: il restauro e l’installazione del presepe napoletano appena acquisito. Il museo ha riaperto i battenti con grande orgoglio da questo fine settimana. Il presepe conta circa 700 personaggi, ognuno dei quali è stato rattoppato da una famiglia italiana specializzata in questo campo. L’arredamento, costruito nei Paesi Bassi, può essere ammirato da tutti i lati. Questo è possibile fino all’8 gennaio 2023.

Il Catharijneconvent Museum ospita da tempo un presepe. Le prime figure sono state acquistate anni fa. Nel tempo questa collezione, composta da un certo numero di personaggi, è cresciuta gradualmente fino a raggiungere una settantina di pezzi. Ma i “veri” presepi, come si facevano a Napoli nel Settecento, sono molto più grandi e molto più spettacolari. In realtà appartiene alla collezione del museo, pensa il curatore Pim Arts. Qualcosa come il Presepe Cuciniello al Museo di San Martino, per esempio. Le figure si ergono dinamicamente nel paesaggio collinare, alla locanda o intorno al presepe che contiene Gesù bambino bianco crema. Uno spettacolo barocco di cui non ti stancherai tanto presto.

Ma come fai a trovare una cosa del genere? Le statuine sono fragili e preziose, e quindi non facilmente reperibili in tutti i mercatini di Natale. Almeno non le figure originali del 18° secolo. Arts mostra rapidamente alcuni esempi di presepi di un genere nuovo: la gamma va da Berlusconi a Maradona (quest’ultimo con e senza ali). Si possono trovare in vari angoli delle strade di Napoli, in Italia.

Il testo continua sotto l’immagine

All’improvviso, il museo ha ricevuto una telefonata. Alla fine della fila c’era una famiglia belga. Gente che pulisce la casa dei genitori e cerca una nuova casa per la collezione di presepi di un presepe napoletano del ‘700. Davvero non potrebbe essere più bello. “Erano in piedi in una vetrina come soldatini”, dice Pim Arts. “La famiglia li possedeva da anni. È una combinazione di collezioni dalla Spagna e dall’Italia. I membri della famiglia pensavano che una cosa fosse importante, e cioè che l’intera collezione rimanesse unita.

READ  "Spetta all'Ue stabilire se si violano i trattati"

Anche mettere all’asta le statuette pezzo per pezzo sarebbe stata un’opzione, secondo il curatore, e avrebbe potuto portare più soldi. Ma non è quello che avevano in mente gli abitanti di Anversa. Tutto doveva finire con la stessa festa. Grazie a una semplice ricerca su Google, si sono ritrovati a Utrecht, al Museum Catharijneconvent.

Cosa rende queste figure del presepe così speciali? È sia all’esterno che all’interno dei personaggi – sono come le persone. Le figure sono della massima qualità immaginabile per quest’epoca. Era il decreto del re Carlo VII di Napoli. Nel 1734 colpì una città piena di povertà. La popolazione napoletana era stanca e affamata. Il nuovo re voleva cambiarlo. Napoli doveva diventare una città di prosperità. Lo ha fatto mettendo a lavorare con le figure del presepe i migliori intagliatori, tessitori e intagliatori del legno. Le teste dei personaggi sono in terracotta. Le mani e i piedi sono in legno e il corpo è in filo di ferro flessibile.

In questo modo, le figure possono essere messe in pose umane realistiche. Inoltre, i vestiti dei personaggi non sono solo vestiti per bambole. I tessuti sono veri e propri tessuti di seta alla moda dell’epoca, anche i motivi dei tessuti erano tessuti in miniatura.

Il testo continua sotto l’immagine

Foto scattata durante la costruzione

Il Catharijneconvent Museum ha accettato con orgoglio l’offerta e ha acquistato la collezione di statuine del presepe, ma intanto la gente ha anche pensato: “In che cosa ci stiamo cacciando? Perché tutte le figure della collezione dovevano essere controllate una per una. È stato necessario un restauro prima che le figure potessero tornare a brillare in un presepe. Per questo restauro, il museo ha chiesto l’aiuto del pubblico. Alcuni lettori lo ricorderanno. Chi fosse interessato potrebbe adottare una statuina da presepe attraverso il crowdfunding. Il Catharijneconvent Museum ha messo a disposizione alcune settimane per raccogliere l’importo richiesto. Non era necessario. L’importo obiettivo è stato raggiunto in pochi giorni. Alla fine le persone hanno aiutato il museo con oltre 80.000 euro per il restauro delle statuine del presepe e la costruzione della stalla. Per il restauro, quindi, il museo si è avvalso di esperti assoluti nel campo del restauro dei personaggi natalizi napoletani. Una famiglia italiana che fa questo lavoro da generazioni è anche responsabile del restauro dell’acquisizione del Museo Catharijneconvent.

READ  La guerra aumenta la domanda di patate in Italia

Il testo continua sotto l’immagine

Nel frattempo, nei Paesi Bassi si lavorava alacremente alla vetrina e all’ambientazione in cui le figure dovevano essere collocate. Nella Cattedrale di Santa Caterina sono state installate due sale vetrate di 16 metri quadrati ciascuna. Parte davanti ai banchi e il resto sopra. Le vetrine raffigurano quattro scene della famosa storia di Natale. “Queste sono le quattro scene che compaiono nella maggior parte degli asili nido”, afferma l’educatrice Merith Smals. “In questo presepe abbiamo incorporato elementi di Utrecht. In questo presepe, la scena della locanda si svolge al Winkel van Sinkel, dove le persone bevono allegramente. Al molo, vedi gente al mercato dei fiori. La scena successiva si svolge nel Pandhof vicino al Domkerk, dove arrivano i re. Abbiamo ancora creato una collina rocciosa per i pastori. È qui che avviene l’annuncio. E la sacra famiglia, che ovviamente risiede sotto la torre del Duomo.

Quando il display del presepe è completo, può essere smontato in pezzi. Le figure vengono sollevate dal paesaggio e poi lo scenario viene immagazzinato in blocchi. L’anno prossimo tutte le statuette, più quelle ancora in fase di restauro, potranno essere rimesse a posto. Tuttavia, non tutte le cifre possono essere visualizzate contemporaneamente. Semplicemente perché ce ne sono troppi. Ad esempio, ci sono ancora parecchie Maria sulla panchina delle riserve; il museo ha scelto di collocarla una volta in questo presepe.

Il presepe può essere visto dal 18 dicembre 2022 all’8 gennaio 2023 nella Cattedrale di Santa Caterina, accanto al Catharijneconvent Museum. L’ingresso è gratuito, il che dovrebbe rendere questo viaggio accessibile a tutti. “Questa dovrebbe diventare una nuova tradizione natalizia”, sentiamo dire in molti.

READ  Il Dpcm cambierà. Zone rosse locali più severe, fine settimana come il Natale: indicazioni Cts


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *