Il governo italiano vuole promuovere la massiccia caccia ai cinghiali

Il governo italiano vuole promuovere la massiccia caccia ai cinghiali

L’Italia ha bisogno di allentare le sue leggi sulla caccia per trovare un modo per combattere l’invasione di cinghiali che il paese sta affrontando. Lo ha reso noto il governo italiano. L’iniziativa del partito di governo Fratelli d’Italia (FDI) deve ancora essere approvata dal parlamento italiano. Il partito verde Europa Verde ha annunciato che si opporrà alla proposta.

Perché questo è importante?

Molti cinghiali possono essere avvistati nelle campagne italiane, ma gli animali sono sempre più visti anche nel centro della capitale italiana, Roma. I cinghiali sono attratti dalla spazzatura della città. Il fastidio del cinghiale è quindi un’ulteriore conseguenza dei cronici problemi di rifiuti che Roma deve affrontare.

Grande disturbo: L’emendamento alla legislazione nazionale sulla caccia è stato proposto da Fratelli d’Italia (FDI), il partito del primo ministro italiano Giorgia Meloni.

  • I nuovi regolamenti consentono la cattura e l’uccisione di animali selvatici nelle aree urbane e protette.
    • Tuttavia, questo può essere fatto solo da agenti di polizia locale e regionale, ranger e cacciatori privati ​​autorizzati.
    • La nuova normativa prevede inoltre che anche gli animali uccisi possano essere mangiati, a condizione che le autorità sanitarie italiane diano l’autorizzazione al consumo umano.
READ  Voorburg Dagblad | Il Brasile è favorito e sfavorito degli Orange ai controversi Mondiali del 2022

È richiesta un’azione: La Coldiretti, la federazione del settore agricolo italiano, ha risposto con soddisfazione alla riforma della normativa.

  • “Occorre un’azione rapida”, ha detto Ettore Prandini, presidente di Coldiretti. “L’Italia è invasa da 2,3 milioni di cinghiali”.
    • “Escono i cinghiali gravi disagi sia nelle aree urbane che rurali creare. Gli animali si avvicinano a case, scuole e parchi.
    • “I cinghiali distruggono i raccolti, attaccano gli animali nelle fattorie e causano regolarmente incidenti stradali”.
  • “L’invasione è vista come una vera necessità dai cittadini italiani”, ha detto Prandini. “La ricerca ha dimostrato che l’81% degli italiani lo crede occorre assumere personale specializzato per cacciare il cinghiale.
    • “Attualmente anche in Italia c’è un cinghiale ogni ventisei abitanti. Gli animali causano un incidente ogni 41 ore e forma con la loro predilezione per i rifiuti anche una minaccia per l’igiene e la salute della popolazione italiana.
    • “Inoltre, rappresentano anche una minaccia per l’equilibrio naturale degli ecosistemi, con i cinghiali responsabili della perdita di biodiversità di flora e fauna”.
    • “A causa del rischio di possibile diffusione della peste africana possono anche compromettere l’offerta culinaria italiana.

Violazione delle norme: Angelo Bonelli, leader del partito ambientalista italiano Europa Verde, ha definito la misura un dolcificante per la lobby della caccia.

READ  Nuovo DPCM: Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna, Calabria e Sicilia verso la zona arancio
  • Bonelli ha avvertito che questa decisione viola la costituzione italiana, ma viola anche la legge dell’Unione europea sulla protezione della natura.
    • Bonelli ha detto che il suo partito non solo continuerà a opporsi alla nuova caccia al parlamento italiano, ma presenterà anche denuncia all’Unione Europea.
    • Ha aggiunto di essere convinto che la Commissione europea prenderà le misure necessarie contro l’Italia in questo caso.
  • Tuttavia, il deputato italiano Francesco Michelotti, membro di Fratelli d’Italia, ha affermato di non riuscire a capire che qualcuno possa opporsi alla legge.
    • Secondo Michelotti, un’iniziativa del genere poteva essere attesa solo da persone portate da una cieca ideologia ecologica o dall’élite che vive in aree urbane ricche ed esclusive.
    • Secondo il deputato, ci sono motivi più che sufficienti per concordare con la caccia ai cinghiali.
      • Dai sondaggi emerge che il 26% degli italiani adulti si è trovato almeno una volta faccia a faccia con un cinghiale. Nelle città, molti residenti vivono nella paura.
      • Il numero di incidenti gravi con morti e feriti sulle strade provinciali a causa dei cinghiali è aumentato dell’81% in dieci anni.
      • Nelle zone rurali, i cinghiali hanno già distrutto 800.000 ettari di terreno fertile. “Questa zona non solo ha perso ogni produttività, ma ora è anche soggetta all’erosione e al dissesto idrogeologico”, notano i sostenitori della caccia.
READ  Il caso di corruzione del Parlamento europeo 'coinvolge troppi italiani per non parlare di 'lavoro italiano'

(cenere)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *