“Che banalità” – Libero Quotidiano

“Che banalità ha detto. “Questo è il tweet beffardo di Lucarelli selvatici commentando la storia di Giorgia Meloni, fatto in Silvia toffanin una Verissimo, Va in onda ogni sabato su Canale 5. La manager di Fratelli d’Italia ha parlato della sua vita privata, della sua famiglia, della sua giovinezza e della sua infanzia. intimidito da alcuni coetanei: “Preso un proiettile, devo ringraziarli”. Ma la testimonianza del leader dell’opposizione non è piaciuta a Selvaggia Lucarelli che ha rapidamente twittato il suo dissenso.

L’incidente di bullismo di cui Meloni è stato vittima è avvenuto quando era solo un adolescente: “Nella mia giovinezza, ero un poco sovrappeso, Ho sempre combattuto con il peso, sono una cintura nera a dieta. Quando aveva 13 anni, sono stato vittima di bullismo. Mi sono avvicinato ad alcuni ragazzi per chiedere di giocare ma mi hanno tirato la palla e hanno detto “Vai alla grande”. Li ringrazio perché ho perso 10 chili in due mesi. Le persone che ti hanno ferito in un modo o nell’altro sono sempre utili, non dobbiamo scappare“, ha dichiarato il capo dei Fratelli d’Italia.

Crescendo, Meloni ora deve affrontare l’attacco degli haters: “Non è stato facile, soprattutto in un ambiente come il nostro. Ho reagito con determinazione, l’unica cosa che puoi fare è dare il buon esempio. La critica è la cosa più naturale del mondo, gli insulti sono diversi. Ho sofferto quando ha annunciato che stavo aspettando a Ginevra. L’ho fatto durante la giornata in famiglia e molti avrebbero voluto abortire. Ho sofferto la cosa perché per la prima volta ho esposto mia figlia, Mi sentivo in colpa per non averla protetta. Mi dicono che sono omofobo ma non è vero perché è verificabile, Faccio il mio lavoro da trent’anni e non trovi mai traccia. Mi hanno etichettato in quel modo in modo che i miei interlocutori non potessero rispondere alle mie domande ”, ricorda Meloni. Ma a Lucarelli ovviamente non piaceva.

READ  Guenda Goria confessa il dolore della malattia recentemente scoperta: questo è ciò di cui soffre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *