Artico: bombe termiche sottomarine – Focus.it

Un team internazionale di ricercatori coordinati dall’oceanografo Jennifer MacKinnon, della Scripps Institution of Oceanography (University of California), ha studiato la dinamica dei flussi d’acqua che entrano nell’Oceano Pacifico nell’Oceano Artico e che, essendo a una temperatura più elevata (circa 7 ° C) rispetto alle acque in cui entrano (circa 0 ° C), accelerano fortemente lo scioglimento del ghiaccio marino agendo dal basso. il studio, pubblicato su Nature Communications, descrive questi fenomeni chiamati “bombe termiche sottomarine”, fino ad allora poco conosciuti, sottolineando che sono uno dei tanti meccanismi attraverso i quali il riscaldamento globale modifica le caratteristiche del mare artico più rapidamente di qualsiasi altro luogo sulla Terra.

Un robot sottomarino utilizzato dai ricercatori per studiare le caratteristiche delle acque artiche.

Un robot sottomarino utilizzato dai ricercatori per studiare le caratteristiche delle acque artiche.
© San Nguyen

La complessità diartico. Attraverso MacKinnon, “IOIl tasso di accelerazione dello scioglimento del ghiaccio marino nell’Artico è difficile valutare perché interazioni complesse tra ghiaccio, oceano e atmosfera: ioil nostro lavoro lo dimostra Ma comeacqua dil’oceano gioca un ruolo importante nel riscaldamento globalela zona. I dati raccolti hanno consentito trainterrompere il flusso d’acqua dal Pacifico e, aggiunge Yueng-Djern Lenn (Università di Bangor, Regno Unito), “analizzare il loro impatto sull’apporto di nutrienti al fitoplancton vicino al Beaufort Sea, dove la maggior parte dell’acqua raggiunge la temperatura più alta ”.

Borse dell’acqua calda. L’Artico è un oceano insolito perché è stratificato dalla salinità piuttosto che dalla temperatura. In effetti, la maggior parte degli oceani del mondo ha acqua più calda vicino alla superficie, entro 100-200 metri, e acqua progressivamente più fresca al di sotto. Nell’Artico, d’altra parte, c’è uno strato superficiale di acqua fredda e poco salata che proviene dal deflusso dei fiumi e dallo scioglimento del ghiaccio. Quando l’acqua relativamente più calda, più salata e quindi più densa arriva dall’Oceano Pacifico, “si immerge” e scorre sotto lo strato superficiale freddo dell’Artico. Questo crea sacche di acqua più calda intrappolate sotto l’acqua superficiale: “un fenomeno in aumento negli ultimi dieci anni”, afferma MacKinnon.

READ  Coronavirus, i contagi a Cesenate restano sotto i 100. Piangono altre 5 vittime

Bombe termiche sottomarine artiche: l'origine delle sacche di acqua calda sotto la banchisa e il loro ruolo nello scioglimento del ghiaccio.

Il riquadro A mostra la regione studiata, vicino al stretto di Bering, che collega l’Oceano Pacifico all’Oceano Artico: in nero sono le masse terrestri. Il riquadro B mostra la fotografia satellitare dell’area di studio, scattata da Strumenti MODIS dei satelliti Terra e Aqua (NASA) il 15 settembre 2018: sopra sono tracciati i linee batimetriche di 100 (blu) e 1000 metri (magenta). Il riquadro C è un altro ingrandimento grafico e di seguito è riportata la legenda per temperature e profondità (profondità).
© MacKinnon et al., 2021

Sotto l’acqua fredda. Queste sacche sono “bombe termiche”: sufficientemente circoscritte da rimanere compatte per mesi o addirittura anni, si spostano a nord sotto il lastrone di ghiaccio, trasportate dalle correnti. Il loro calore contenuto si propaga gradualmente ma costantemente verso l’alto, destabilizzando il ghiaccio superficiale.

Questo processo non era mai stato osservato prima, e non è stato compreso, il che ha portato all’ignoranza o all’ignoranza dei climatologi nei modelli previsionali, che quindi sottovalutano l’accelerazione dei tassi di scioglimento del ghiaccio marino. Invece, il nuovo lavoro assume una visione molto specifica guarda cosa sta succedendo e poiché l’afflusso di acqua calda dal Pacifico è aumentato negli ultimi dieci anni, è ora imperativo rivisitare i modelli di scioglimento del ghiaccio artico, che è una fonte di instabilità climatica globale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *