Che cosa sia un frutto o una verdura non è così semplice

Un vasetto di sugo per la pasta è una verdura? Sembra una domanda strana, ma martedì scorso il premier Rutte si è posto la domanda ad alta voce al Senato.

Per attuare la prevista riduzione dell’IVA su frutta e verdura allo zero per cento, è necessario determinare quali prodotti rientrano in questa categoria. E non è così facile.

Prodotti trasformati

Perché tutti andranno subito d’accordo su un cespo di lattuga o una banana. Ma tutti i tipi di succhi, insalate, salse e altri prodotti trasformati sono tecnicamente anche frutta o verdura, afferma Guido Camps, ricercatore nutrizionale dell’Università di Wageningen. Per lui, questo non significa che l’aliquota zero debba applicarsi a tutti questi prodotti. “È logico che diciamo: ci vuole un po’ prima di sapere esattamente come farlo”.

Il sugo citato da Rutte ne è un buon esempio: spesso viene condito con verdure come cipolle e pomodori. “Ma spesso contiene anche zucchero o olio, quindi probabilmente non rientra comunque in quel regolamento. E per di più: se lo fai bollire molto lontano, come con la passata di pomodoro, diventa improvvisamente il 16% di zucchero”.

L’insalata è una verdura? E i succhi di frutta sono frutta? Gli studenti di nutrizione e salute dell’Università di Wageningen differiscono su questo punto:

“Dev’essere davvero una questione di verdure pure”

Solo i prodotti freschi dovrebbero rientrare in questo regime? “È possibile, ma non possiamo mangiare alcun prodotto fresco”, afferma Camps. “Come i fagioli: sono stati essiccati e poi devono gonfiarsi e quindi sono molto più facili da mangiare da un barattolo. Vogliamo che le persone mangino i legumi, quindi dovrebbero essere inclusi secondo me”.

READ  Gli scioperanti di AH perseverano: 'Scaffali vuoti anche in altri supermercati'

Inoltre, non tutta la frutta fresca è ugualmente sana. Ad esempio, 100 grammi di mirtilli rossi secchi contengono quasi 65 grammi di zucchero, più di quattro volte di più rispetto alla stessa quantità di banana. Non dovresti incoraggiare neanche quello, dice Camps.

Nel prossimo futuro, il segretario di Stato Marnix van Rij per le finanze e Maarten van Ooijen per la sanità pubblica esamineranno quali prodotti sono frutta e verdura ai sensi della legge e dovrebbero quindi rientrare nella nuova tariffa.

Regole dell’UE

L’abbassamento dell’Iva sugli ortofrutticoli allo 0% è un piano uscito dall’attuale accordo di coalizione di governo. L’anno scorso, il Dipartimento della salute, del benessere e dello sport ha affermato che tale tariffa era contraria alle regole dell’UE, poiché una percentuale minima del 5% di IVA si applica ai prodotti sani nell’UE.

E questa tariffa causerebbe problemi alle autorità fiscali, perché i sistemi ICT non sono progettati per questo. Ma a marzo il Parlamento europeo voterà un piano in cui i paesi dell’UE possono imporre l’IVA allo 0% su prodotti sani, come frutta e verdura.

Se il Parlamento dà la sua approvazione, il piano dell’accordo di coalizione può quindi ancora essere attuato. E poi per il fisco non è un problema: in “pochi giorni” possono convertire l’aliquota IVA sugli ortofrutticoli allo 0%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *