Chi aiuterà Henk (67) di Roodeschool a sbarazzarsi dei suoi 100.000 pezzi di cavolo rosso?

Cavolo rosso Roodeschool. Sembra buono, dice il coltivatore Henk Landwehr, ma il suo cavolo rosso e bianco è stato rifiutato per l’esportazione. Ora sta cercando di vendere lui stesso i 100.000 carboni.

La signora Van Lingen (80) cammina con sua figlia attraverso il Goudgewas Farm Shop a Roodeschool. Ci sono 4 carboni rossi nel suo carrello. ,,Sono deliziosi”, afferma la signora Van Lingen. “Ne ho comprati 6 qui a fine settembre. Li trito finemente, li lesso, li scuoto un po’ e quando si sono raffreddati li metto in freezer. Quando ho voglia di cavolo rosso, tiro fuori una porzione di freezer e preparala, io aggiungo sempre un po’ di cannella e un po’ di aceto.”

Vive a Warfstermolen, a circa 50 chilometri da Roodeschool. Sa che Goudge era tramite suo figlio che lavora a Delfzijl ed è rimasta entusiasta del negozio. Sua figlia si vantava di Goudgewas cavolo e da allora ha fatto la spesa lì regolarmente.

“Rimuovi ancora il foglio esterno”

Il produttore Henk Landwehr (67), che possiede anche il negozio della fattoria Goudgewas, è entusiasta quanto i clienti per il suo cavolo rosso. Ha raccolto solo una piccola parte dell’1,5 ettaro di cavolo rosso e bianco del Tilweg a Roodeschool. Il terreno è troppo bagnato.

Quello che raccoglieva era carbone pregiato, disse. “A causa dell’enorme siccità, c’è una piccola crescita sulla foglia esterna, ma puoi ancora rimuoverla. Guarda, ecco un cavolo tagliato a metà. Non c’è niente di sbagliato in questo.”

“Il crack marcirà”

Richard Kruijer di Tuindersbelang la pensa diversamente. Come mediatore tra il produttore e il commerciante, ispeziona i raccolti. La scorsa settimana ha esaminato il paese di Landwehr e il cavolo rosso e bianco non era accettabile, ha pensato. “Sono rimasto deluso. Se strappi la foglia di cavolo, troverai una crepa nella terza o quarta foglia, e quella crepa marcirà.”

READ  Morto l'ex pilota delle Frecce tricolori "Giampi" Gropplero: fuggito dall'inferno di Ramstein

Kruijer dice che vuole ancora guardarlo, ma pensa che il cavolo Roodeschool non si adatti al suo percorso normale: ai grossisti di tutta Europa e occasionalmente a Israele e Dubai.

Acquista un cavolo rosso Roodeschool per il banco alimentare

Landwehr afferma di aver reagito con rassegnazione alla dichiarazione di Kruijer secondo cui non avrebbe acquistato carbone da essa. “Sono un imprenditore e parto dal positivo. Vendo i germogli qui a Goudgewas a un euro l’uno. Non voglio pensare che siano sprecati, è uno spreco di buona qualità e il nostro investimento”.

Dice che lavora con la banca del cibo e ha inventato uno slogan. ,,’Dai e mangia: compra il cavolo rosso alla Roodeschool.’ Puoi comprare il cavolo rosso così come donare denaro, vero?”

Una volta, ha dovuto distruggere un carico di verdure, ma pensa che sia uno scenario a cui non vuole pensare in questo momento.

Pyt Sipma si è ritrovata con 100.000 chili di carote

L’anno scorso l’agricoltore Pyt Sipma (49) del Frisone Engwierum ha sperimentato questo scenario. Il suo abituale produttore di succhi tedesco ha improvvisamente smesso di acquistare le sue carote biologiche, lasciandolo con 100.000 chili di carote. Ci sarà un altro processo, disse.

Dopo molte riflessioni, decise di vendere quante più carote possibile ai clienti vicini. “In questo modo abbiamo venduto ancora 20.000 chili di carote: 5 chili per 5 euro. Il resto è andato all’industria dei mangimi.

Sipma ha smesso di coltivare carote ed è passata al grano. Secondo lui, le regole stanno ancora andando nella direzione sbagliata. “Se avessi 15 quintali di carote ne venderei 5 quintali al consumatore, il resto era troppo grosso, troppo contorto, troppo piccolo o troppo lungo e finiva per essere mangime. Non dovremmo volere questo spreco, vero? Al consumatore non interessa l’aspetto della carota, purché abbia un buon sapore”.

READ  Google acquista un terreno per un possibile nuovo data center nella provincia dell'Hainaut - IT Pro - News

“Il cavolo rosso è gustoso e salutare”

Lo chef Paul Rodenberg di Groningen adora il cavolo rosso. Secondo lui, molte persone lo sanno da un barattolo, ma un vero cavolo rosso ha molto più sapore e colore. ,,Nelle insalate, negli stufati, nelle zuppe, con la composta di mele, con le aringhe, nelle frittelle: con il cavolo rosso si possono fare tante cose. È un ortaggio antico, prescritto dai medici nei tempi antichi perché è così salutare. Se compri un cavolo rosso piccolo e grande, puoi mangiarlo per giorni: delizioso. Anche con carne macinata o selvaggina.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.