chi lo possiede, quanto vale e come chiederlo

AGI

La Germania si assicura 30 milioni di dosi in più di BioNTech

AGI – La Germania si è assicurata ulteriori 30 milioni di dosi del vaccino Pfizer / BioNTech, che secondo il Ministero della Salute si sommano ai 55,8 milioni di dosi dello stesso vaccino, che arriveranno grazie all’accordo raggiunto da l’Unione Europea. Mentre il numero di decessi correlati al coronavirus ha superato la soglia simbolica di 30.000, in meno di 48 ore la Germania ha già vaccinato 21.566 persone, secondo quanto emerge dal monitoraggio della campagna di vaccinazione del Robert Koch Institute, il Centro epidemiologico tedesco, che viene gradualmente aggiornato nel rispettivo sito. Controverse reazioni si sono registrate in Italia alla stampa, fino all’intervento del Commissario straordinario per l’emergenza Covid, Domenico Arcuri. Ha ricordato che “l’Italia, insieme a Francia, Germania e Paesi Bassi, ha promosso gli acquisti europei centralizzati. Era e rimane una bella pagina dell’Europa. L’Unione europea compra per tutti i paesi membri e distribuisce i vaccini in base alla popolazione. Abbiamo il 13,5% dei vaccini. Siamo convinti che questa bella pagina non debba essere interrotta “, ha sottolineato l’assessore. E ‘stata ripresa dal direttore del centro malattie infettive del Ospedale Sacco di Milano, Massimo Galli: “Se confermata” la notizia dell’acquisto da parte della Germania di 30 milioni di dosi del vaccino Pfizer-Biontech è “posso dire, non eravamo noi gli scaltri che lo hanno fatto cose per garantirci vantaggi? Non è né corretto né piacevole da ascoltare ”, ha detto Galli. Nei giorni scorsi il ministro della Sanità tedesco Jens Spahn, che ha addirittura superato Angela Merkel nella classifica dei politici più apprezzati del Paese, secondo un sondaggio, ha annunciato che la Germania avrà 1,3 milioni di dosi di vaccino. entro la fine dell’anno. Pfizer / BioNTech e che a partire da gennaio 700.000 dosi verranno consegnate ai centri di immunizzazione negli stati federali ogni settimana. Un primo lotto di 400.000 dosi sarà disponibile all’inizio della campagna di vaccinazione. Si prevede che a gennaio arrivino dai 3 ai 4 milioni di dosi, entro il primo trimestre dell’anno il Dipartimento della Salute prevede di avere a disposizione tra gli 11 ei 13 milioni di dosi, che dovrebbero essere sufficienti per la vaccinazione di ‘circa 6,5 ​​milioni. persone perché il farmaco richiede due somministrazioni. In totale, la Germania ha ottenuto, in base all’accordo quadro all’interno dell’Unione europea, più di 300 milioni di dosi, inclusi altri vaccini oltre a Pfizer / BioNTEch, ovvero quelli sviluppati di AstraZeneca, CureVac e Moderna. Ci sono almeno 442 luoghi sparsi in tutto il paese che fungono da centri di vaccinazione, che possono contare su decine di migliaia di medici, infermieri e altro personale necessario per mantenerlo attivo. Solo nel centro di vaccinazione dell’aeroporto Tegel a Berlino saranno possibili fino a 5.000 iniezioni giornaliere. Tra gli altri, in Baviera sono stati istituiti 102 centri con una capacità totale di 30.000 vaccinazioni al giorno. Speciali squadre mobili si impegnano a vaccinare le persone che, a causa di disabilità, malattie o altri ostacoli, non possono raggiungere i centri di vaccinazione. La Germania riceverà anche 50,5 milioni di dosi del vaccino Moderna, che dovrebbe essere approvato all’inizio di gennaio, ancora in base agli accordi firmati da Bruxelles. Il governo federale sta negoziando dosi aggiuntive a livello nazionale. Il vaccino Moderna e il farmaco Biontech (insieme 136,3 milioni di dosi) saranno consegnati in Germania nel 2021, secondo il Ministero della Salute, in modo che le dosi saranno disponibili per i 68,15 milioni di cittadini tedeschi. La Germania ha ordinato più vaccini in attesa di approvazione: 42 milioni di dosi del farmaco sviluppato da Curevac arriveranno nell’UE, oltre ai 20 milioni di dosi aggiuntive che Berlino ha ottenuto a livello nazionale. La Germania riceverà anche 56,2 milioni di dosi del vaccino AstraZeneca dall’UE e 37,25 milioni di dosi del vaccino Johnson & Johnson. “No al nazionalismo vaccinale”, ha detto Spahn in un’intervista alla televisione pubblica Zdf. “Il fatto che il primo vaccino, e finora l’unico approvato dall’UE, provenisse da una compagnia farmaceutica tedesca non dovrebbe essere di beneficio per questo paese”, ha aggiunto. Il governo tedesco spera di aumentare la produzione di vaccini da parte della tedesca BioNTech e del suo partner americano Pfizer ed esclude il trasferimento della licenza ad altre società, come proposto dall’opposizione di sinistra. “Il nostro obiettivo è che più vaccini possano essere prodotti in Germania da febbraio e marzo, il che aumenterebbe significativamente la nostra capacità”, ha spiegato Spahn. BioNTech ha acquisito uno stabilimento a Marburg (ovest) dalla società svizzera Novartis, con la prospettiva di aumentare la produzione, ha ricordato il ministro. La produzione del vaccino comporta un “processo tecnico molto ambizioso e scrupoloso”, il cui ritmo non può essere “accelerato” o essere trasferito ad altre aziende.

READ  NOVAVAX, il nuovo VACCINO PROTEICO EFFICACE compare anche contro le VARIANTI. DETTAGLI »ILMETEO.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *