Chi offre alla brasiliana Manoela o all’italiana Alida una casa accogliente a Hoogeveen?

Decine di studenti in scambio provenienti da tutto il mondo realizzeranno il loro sogno a partire dalla fine di agosto. Per un periodo da tre a dieci mesi, gli studenti sono immersi nella cultura olandese. Durante questo periodo, gli studenti vivono presso famiglie ospitanti e frequentano la scuola secondaria. Diversi studenti stanno ancora cercando una famiglia ospitante.

Uno scambio culturale non è solo un’avventura per lo studente straniero ma anche per la famiglia ospitante. Vivendo insieme, studenti e famiglie ospitanti conoscono meglio la cultura dell’altro. I Paesi Bassi sembrano diventare sempre più popolari come destinazione per le scuole superiori. I Paesi Bassi sono considerati un paese sicuro e ospitale. Cresce il programma High School Holland, per un numero di studenti che verranno nel nostro Paese a fine agosto, il business Travel Active ancora alla ricerca di una famiglia ospitante entusiasta chi può fornire a questi studenti una casa calda per tre, cinque o dieci mesi.

Chi sono gli studenti?

Gli studenti provengono da tutto il mondo. Manoela, una degli studenti, dal Brasile cerca una famiglia ospitante. Manoela ha una passione per la danza e ama cucinare con la sua famiglia. Anche Alida dall’Italia sta cercando un alloggio. Ha appena iniziato l’atletica e vuole saperne di più sul mondo in seguito mentre viaggia. Oltre a questi due studenti, sempre più studenti cercano una famiglia ospitante nei Paesi Bassi.

Esperienze

Molte famiglie ospitanti hanno già intrapreso l’avventura. Filippo, 17 anni, italiano, ha vissuto l’anno scorso temporaneamente con una famiglia ospitante a Geesbrug. Nelle vicinanze abitava anche l’italiana Elisabetta: IJhorst. Andò al College Roelof van Echten a 4 vwo. È diventata un’esperienza indimenticabile per lei e la sua famiglia ospitante.

READ  Covid, nuova ordinanza: 5 regioni in arancione e nessuna in rosso, in attesa del Dpcm. Ma le infezioni stanno aumentando | Un campionato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *