Christian Prudhomme: “L’inizio del tour 2024 è ancora più difficile di quello del 2023”

Christian Prudhomme: “L’inizio del tour 2024 è ancora più difficile di quello del 2023”

Giovedì 22 dicembre 2022 alle 18:09

Il Tour de France non partirà in Francia nel 2024 per il terzo anno consecutivo. Dopo Copenhagen (2022) e Bilbao (2023), la Firenze italiana è la prossima città straniera a cui far fronte Ottima partenza può organizzare. Il direttore di gara Christian Prudhomme vede in esso la vocazione del Tour a varcare i confini nazionali, ha detto in una conversazione con Il gruppo.

“Quello che abbiamo vissuto in Danimarca a luglio mostra l’entusiasmo che il Tour de France può portare”, afferma Prudhomme. “Andare in questi paesi ci aiuterà a trovare nuovi fan. Ma non c’è Copenaghen o Bilbao senza Castelnau-Magnoac e Lacapelle-Marival. Il Tour riguarda le grandi città all’estero, ma anche i nostri villaggi francesi È questa interazione che rende il Tour così potente .

Grande partenza 2024
Il Tour de France 2024 partirà dunque con tre tappe sul suolo italiano. Il primo giorno, quando il gruppo passa da Firenze a Rimini, si dirige subito verso la media montagna. La terza tappa sembra essere per velocisti, ma anche la seconda tappa è tutt’altro che facile. Il San Luca (1,9 km al 10,6%) – conosciuto dal Giro dell’Emilia – dovrà essere salito due volte nel finale.

“Ho detto durante la presentazione del Tour 2023 che la partenza da Bilbao sarebbe stata molto difficile, ma è ancora più vero per l’inizio del Tour 2024. Quando abbiamo scelto l’Italia, non era certo a causa del terreno difficile da raggiungere evitare”, disse Prudhomme.

Dieci anni dopo
Mentre i Paesi Bassi Ottima partenza già organizzato sei volte, il Tour de France scatterà in Italia nel 2024 per la prima volta nella storia. Firenze è stata una delle contendenti per il Tour 2014, ma questo è stato annullato a causa dei successi dei ciclisti britannici dell’epoca. Lo Yorkshire ha preso il comando quell’anno.

READ  Ponte Morandi, il rapporto: "Controlli e manutenzioni avrebbero evitato il crollo"

“Firenze era la grande favorita all’epoca”, ricorda Prudhomme. “Ma nel 2012 Bradley Wiggins ha vinto la Parigi-Nizza e il Tour de France. Alle Olimpiadi di Londra abbiamo visto tre personaggi: la Regina, James Bond e Wiggins, in magliette gialle. Ci ha convinto a lasciare la Gran Bretagna nel 2014”.

La storia
Dieci anni dopo, il Tour de France riparte proprio da Firenze. Sono passati esattamente cento anni da quando il Tour de France fu vinto per la prima volta da un italiano: Ottavio Bottecchia, che vinse nel 1924 e nel 1925. “L’Italia è la culla del ciclismo con il suo Campionissimo, Fausto Coppi e tutti gli altri campionissimi. Questo Ottima partenza diventa come un viaggio romantico nel cuore del paese che ha segnato la storia del ciclismo.

“Ricordare i ricordi è essenziale per me, ma questo non significa tornare indietro nel tempo. Il Tour riguarda tanto la scoperta di nuovi luoghi quanto il rispetto della storia dei campioni del passato e delle leggende che hanno scritto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *