Clienti che non pagano le bollette: “Il tuo ritardo nel pagamento non li disturba” |  Thijs Launspach

Clienti che non pagano le bollette: “Il tuo ritardo nel pagamento non li disturba” | Thijs Launspach

Lo psicologo Thijs Launspach è uno psicologo ed esperto di stress e autore del libro Pressione di allevamento. Si meraviglia del lavoro moderno e dà consigli settimanali per più felicità e meno stress sul lavoro. Oggi: bollette non pagate.

Questa settimana, una domanda di un lettore che recentemente è diventato indipendente dopo un’emivita di lavoro retribuito. Bello, questa libertà di organizzare il tuo lavoro, di decidere tu stesso con chi lavorare e come, e non avere un capo che ti dica cosa fare. D’altra parte, ora c’è anche la sicurezza di un importo fisso di stipendio sul suo conto bancario ogni mese. Da qui la sua domanda: come fai a dormire la notte mentre aspetti una fattura non pagata da un cliente?

Una questione molto attuale in un momento in cui sempre più persone preferiscono la libertà di una vita indipendente alla prevedibilità del rapporto di lavoro. Come libero professionista, sei flessibile e puoi sfruttare al meglio un campo di lavoro in continua evoluzione. Ma: ci sono anche degli svantaggi. Come lavoratore autonomo sei vulnerabile e non puoi ripiegare sulle certezze che hai in un lavoro a tempo indeterminato – niente giorni di ferie, se sei malato non verrai pagato e devi sottoscrivere tu stesso la tua assicurazione invalidità (difficile!). E sì, devi anche fare i conti con i capricci dei tuoi clienti. Anche quando una fattura non pagata porta a notti insonni.


Preventivo

Come lavoratore autonomo, sei vulnerabile e non puoi ripiegare sulle certezze che hai in termini di lavoro a tempo indeterminato

READ  "Il servizio digitale partirà da Roma"

chiama sempre

Spero che con dieci anni di imprenditorialità alle spalle, sarò in grado di rassicurare l’interrogante. Secondo la mia esperienza, i clienti impiegano quasi sempre molto più tempo per pagare una fattura di quanto pensi sia ragionevole come libero professionista. A loro non importano le tue condizioni di pagamento: “Paghiamo sempre il 21 dei mesi dispari!” Niente panico: in questo caso la scadenza è molto raramente un aggiustamento. Posso contare da un lato il numero di fatture che alla fine si sono rivelate inesigibili. Il pagamento arriva, anche se a volte a passo di lumaca.

Il reparto finanziario del cliente non conosce il livello delle tue esigenze. Quindi, se continui ad aspettare un pagamento, puoi sempre chiamare e chiedere dove sono i tuoi soldi. Forse può essere fatto un po’ più velocemente in consultazione? No, non è invadente. Hai semplicemente lavorato quelle ore e hai quindi diritto al pagamento entro un tempo ragionevole.

E la soluzione che in teoria è la più facile, ma in pratica spesso ingannevolmente complicata: tenere diversi ferri sul fuoco. Renditi meno dipendente dai pagamenti di un cliente lavorando per più di uno. Dopotutto, non hai lasciato il tuo lavoro e hai finito per dipendere da un solo capo!

Reagire può essere trovato in fondo a questo articolo. Verranno pubblicati solo i commenti con un nome completo. Lo facciamo perché vogliamo un dibattito con persone che difendono ciò che dicono e ci mettono il loro nome. Se hai ancora bisogno di inserire il tuo nome, puoi farlo cliccando su “Accedi” in alto a destra del nostro sito.

READ  Banche, "Da gennaio niente conti rossi". L'allarme di un'azienda - Economia

Thijs Launspach è uno psicologo e specialista dello stress. È autore, tra gli altri: Ne hai già avuto abbastanza – Mentalmente sano in un mondo pazzo (2022), Si può anche lavorare (2020) e Pressione di allevamento (2018).






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *