Come un testimone chiave italiano può avere una grande influenza sul processo Marengo con Ridouan Taghi

Come un testimone chiave italiano può avere una grande influenza sul processo Marengo con Ridouan Taghi

Come un testimone chiave italiano può avere una grande influenza sul processo Marengo con Ridouan Taghi

Raffaele Imperiale è un ex collaboratore di Ridouan Taghi. Ora collabora con la Procura della Repubblica italiana in cambio di una pena ridotta. La ricerca mostra che l’Italia è un esempio nella lotta alla criminalità organizzata.

Quando fu arrestato a Dubai nel 2021, Raffaele Imperiale era uno dei criminali più ricercati d’Italia. Nel marzo 2022 è stato estradato in Italia. Da allora è detenuto nel carcere di Rebibbia a Roma. Secondo le autorità, è una figura chiave nel traffico internazionale di stupefacenti e riciclaggio di denaro.

Dichiarazioni incriminanti

Alla fine dello scorso anno è stato annunciato di voler collaborare con la giustizia italiana in cambio di una pena ridotta. Secondo quanto riferito, nella sua prima dichiarazione ha detto che lo stava facendo “per dare l’esempio ai suoi figli”.

Da allora, ha rilasciato dichiarazioni in tribunale che potrebbero essere incriminanti anche per altri criminali, tra cui Ridouan Taghi.

Linea di farmaci

Si dice che Imperiale abbia collaborato con Taghi e coordinato una linea di droga tra i Paesi Bassi e l’Italia da Dubai. Secondo i documenti del tribunale, camion che trasportavano più di 1.500 chili di cocaina hanno viaggiato verso l’Italia, che ha contrabbandato milioni di euro in contanti nei Paesi Bassi sulla via del ritorno.

Le dichiarazioni dei testimoni di Imperiale possono anche fornire informazioni di interesse per l’accusa olandese. Ha chiesto l’ergastolo contro Taghi l’anno scorso per il suo coinvolgimento in una serie di omicidi.

L’Italia è avanti, l’Olanda è dietro

L’Italia è un esempio mondiale nella lotta alle organizzazioni criminali, secondo uno studio pubblicato all’inizio di questo mese dall’Università di Groningen, commissionato dal ministero della Giustizia. Lo studio conclude che alcune misure italiane possono essere una fonte di ispirazione per i Paesi Bassi. Il coordinamento dell’approccio alla criminalità grave è menzionato nella relazione come uno degli aspetti più importanti.

READ  Coronavirus, Francia: oltre 3mila positivi in ​​24 ore. In Spagna più di 2400 nuovi contagi, 1600 in Germania: "Test per chi arriva da Parigi e dalla Provenza"

L’Italia dispone di una Procura nazionale antimafia che coordina le indagini penali sulle organizzazioni mafiose condotte dalle diverse procure, nonché la condivisione dei dati tra di esse. I Paesi Bassi hanno ancora troppo poco di un tale approccio nazionale, secondo il rapporto.

‘Molto efficace’

Giovanni Mellilo è attualmente capo della Procura nazionale antimafia. Precisa subito di non potersi pronunciare in questo momento sul caso specifico di Raffaele Imperiale. Ci tiene a dire che l’importanza del programma dei testimoni della corona è grande nella lotta alla mafia.

“È un sistema che abbiamo qui da oltre 30 anni e si è dimostrato molto efficace”, afferma Mellilo. “Le organizzazioni criminali e le organizzazioni mafiose sono molto chiuse e fanno affidamento sulla segretezza. È un modo per ottenere l’accesso.

Piena collaborazione

Se un sospettato sceglie di cooperare con la giustizia e diventare un cosiddetto “pentito” (rimpianto in olandese, ndr), deve cooperare pienamente e rispondere a tutte le domande. Ha poi 6 mesi per dire tutto quello che sa che potrebbe essere importante per il pubblico ministero. Dopo questo periodo, si decide se un indagato può beneficiare di una pena ridotta.

Durante questo periodo, la magistratura verifica se le dichiarazioni rese sono attendibili. “La legge italiana ha condizioni molto chiare”, dice Giovanni Mellilo. “Un sospettato deve collaborare pienamente e non può tornare indietro. Un sospettato deve essere affidabile e le sue dichiarazioni devono essere importanti per noi. La violazione delle condizioni significa immediatamente la fine del processo per diventare un testimone chiave”.

READ  Frese su grondaie regolabili fino a 3 file di altezza in Italia

Disposizione premurosa

La ricerca dell’Università di Groningen mostra che il sistema dei testimoni della corona in Italia è molto più ben congegnato e ha quadri legali più severi rispetto ai Paesi Bassi. Ad esempio, un testimone chiave in Italia non può avere contatti con la sua famiglia nella prima fase.

Anche la protezione dei testimoni chiave è stata slegata dagli impegni. È compito di un comitato speciale. I membri della famiglia minacciati dalle dichiarazioni del sospettato vengono portati in salvo e, in alcuni casi, ricevono nuove identità.

“La cooperazione può sempre essere migliore”

Nel 2022, in Italia, 892 testimoni dell’accusa sono caduti in regime di protezione. A titolo di confronto: dal programma dei testimoni della corona del 2006, i Paesi Bassi hanno schierato un testimone della corona una decina di volte. Ci sono molti contatti tra le autorità olandesi e italiane. Mellilo descrive la collaborazione come “buona”, anche se “come tutte le collaborazioni internazionali, può sempre essere migliore”.

Conferma che l’Italia è un esempio nella lotta alla criminalità organizzata. “La nostra esperienza può aiutare. Sappiamo da 40 anni che la criminalità organizzata richiede leggi speciali. La criminalità organizzata ora collabora su larga scala a livello internazionale. È quindi molto importante che le autorità dei diversi paesi facciano lo stesso”.

Informazione

Chiedere? Chiediglielo!

Hai domande dopo aver letto questo articolo o vuoi commentare? Inviaci un messaggio qui nella nostra chat.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *