Come una lumaca velenosa può aiutare i pazienti diabetici

Spero che non ti imbatti mai in una lumaca conica viva mentre raccogli conchiglie sulla spiaggia. La lumaca ha un piccolo pungiglione velenoso che le consente di iniettare un veleno potente e ad azione rapida nei corpi delle sue prede e dei suoi nemici. Una puntura può essere fatale.

È interessante notare che il veleno contiene insulina, un ormone che aiuta le cellule del corpo ad assorbire il glucosio. I pazienti diabetici devono iniettare regolarmente questo ormone per mantenere i livelli di zucchero nel sangue.

C’è qualcosa di speciale nell’insulina conica di lumaca. Nel corpo della preda, abbassa molto rapidamente i livelli di zucchero nel sangue. L’insulina umana funziona molto più lentamente. Prima si aggregherà, il che renderà più facile per il nostro corpo conservarlo. L’ormone diventa efficace solo quando i coaguli si dissolvono. Studiando il cono di lumaca, gli scienziati sperano di comprendere meglio l’insulina, che non coagula e quindi agisce più rapidamente.

Per uno studio sul diario Biologia della chimica della natura Helena Safavi-Hemami, biologa dell’Università di Copenaghen, e i suoi colleghi hanno esaminato la peculiare anatomia dell’insulina nel cono di lumaca cono kinoshitai. I ricercatori hanno aggiunto i suoi costituenti all’insulina umana. Hanno finito con una versione ibrida che non si ammassava.

I ricercatori avevano precedentemente condotto un esperimento simile nel 2020 con un’altra lumaca conica chiamata cono geografico. Avevano già scoperto che il processo di coagulazione è piuttosto breve. Questa era una ragione sufficiente per studiare anche altre specie. Ecco come sono finiti con il cono kinoshitai, la cui insulina funziona in un modo senza precedenti. L’insulina si lega con recettori cellulari, proprio come la controparte umana, ma senza aggregarsi.

READ  Era primavera quando i dinosauri morirono

Safavi-Hemami ha mostrato la nuova insulina di lumaca al suo collaboratore Danny Hung-Chieh Chou (Università di Stanford). Ha notato che una ricerca simile con gli ibridi era stata fatta prima e la biologia era completamente diversa. Queste nuove scoperte ci danno una migliore comprensione di come funziona l’insulina, ha detto il biochimico Mike Strauss, che non è stato coinvolto nello studio. “Questo crea opportunità per la produzione di insulina sintetica”.

Il team di ricerca sta attualmente testando la sicurezza e la stabilità dell’insulina ibrida. “Ecco perché è bello vedere il quadro generale”, afferma Safavi-Hemami. Le lumache a cono probabilmente possiedono ancora molti tipi unici di insulina e molecole preziose. Il loro veleno è costituito da migliaia di componenti. Chissà quali tesori hanno ancora da offrirci.

Traduzione: Gwen Pauwels

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.