“Con il Nutri-Score rendi stupido il consumatore”

“Con il Nutri-Score rendi stupido il consumatore”

PAPÀ

Lo trovi già in diversi supermercati olandesi: il Nutri-Score. Con questo logo per la scelta degli alimenti, puoi vedere a colpo d’occhio quanto è buono il valore nutritivo di un prodotto, questa è l’idea. L’etichetta potrebbe diventare obbligatoria in Europa entro la fine di quest’anno.

Ma ci sono molti dibattiti sull’utilità di una tale etichetta. Vari produttori alimentari non vedono alcun vantaggio in questo e c’è anche disaccordo tra gli esperti alimentari.

Grazie a questa etichetta, non è più necessario essere un dietista per analizzare il valore nutritivo dei prodotti.

Frank Lindner, Food Watch

Ad esempio, il sistema provoca grande rabbia tra i produttori alimentari dell’Europa meridionale, che lo trovano ingiusto e fuorviante. Prodotti come il parmigiano, il Roquefort e il prosciutto iberico hanno scarsi punteggi nutrizionali e hanno quella che viene definita una “denominazione di origine protetta”. Ciò significa che un prodotto può portare un certo nome solo se realizzato nel modo giusto e in un luogo specifico.

Questo stato impedisce che tali alimenti proprietari siano più economici da replicare al di fuori dell’Italia. Ma garantisce anche che i produttori non possano modificare la ricetta per ottenere un punteggio Nutri migliore.

Per questo una parte dell’industria alimentare sta facendo del suo meglio per impedire l’introduzione dell’etichetta nella sua forma attuale. Le aziende stanno andando molto lontano in questo settore. Lo sa da lontano il creatore francese di Nutri-Score, Serge Hercberg. “Stiamo affrontando molti attacchi personali e ci sono minacce tramite telefonate anonime”.

Confusione

Abbastanza sorprendentemente, le critiche non provengono solo dai produttori di alimenti, ma anche da organizzazioni che sostengono la trasparenza sugli imballaggi. Il Nutri-Score distingue diversi gruppi di prodotti. Ad esempio, una pizza surgelata relativamente sana può segnare una A verde, mentre un salmone affumicato grasso ottiene una D. Confuso, pensa Frank Lindner di Foodwatch. “Non consiglierei di mangiare una pizza così tutti i giorni.”

READ  Manifestazione contro i tagli, lavoratori incatenati alla DHL di Orio. L'azienda: trasloco completo pianificato

Anche lo scienziato alimentare IJsbrand Velzeboer ha delle riserve sui loghi delle scelte alimentari come il Nutri-Score. Pensa che le aziende adatteranno i loro prodotti in modo che quei prodotti abbiano un punteggio migliore senza rendere il prodotto più sano.

Trova anche importante che i consumatori imparino di più sul cibo, piuttosto che imparare a capire un’immagine con i colori. “Stai solo fuorviando il consumatore.”

PAPÀ

L’etichetta Nutri-Score su un sacchetto di cereali

Nonostante le riserve, Lindner vede anche il vantaggio di un’etichetta universale. Ad esempio, se sei in piedi davanti allo scaffale dei dolci e vuoi fare una scelta salutare, è sicuramente utile. “Fino a poco tempo, dovevi essere un tecnologo alimentare o un dietista per analizzare il valore nutrizionale dei prodotti. Il Nutri-Score lo cambierà”.

Rende più facili le scelte sane e aiuta a combattere le malattie del benessere come l’obesità e il cancro. Per questo motivo l’Organizzazione Mondiale della Sanità e l’Associazione dei Consumatori sono favorevoli a Nutri-Score.

Comitato Scientifico

L’etichetta aveva infatti già due anni fa deve essere inserito. La data di ingresso è stata posticipata per dare più tempo al comitato scientifico dietro l’etichetta per correggere le imperfezioni. Questo comitato è composto da scienziati indipendenti, tra cui due olandesi.

La nutrizionista Michelle van Roost pensa che sia una buona idea che il comitato si prenda il tempo necessario per gli adeguamenti finali. Ad esempio, il pane bianco non integrale riceveva un punteggio nutrizionale A. Ora viene fatta una distinzione tra pane integrale e non integrale, ma se si tratta di Van Roost, tale distinzione diventerà ancora più chiara. .

Se l’introduzione europea avverrà effettivamente dipende da un rapporto scientifico definitivo che potrà essere pubblicato in qualsiasi momento. Sulla base di questo rapporto, il Board of Health emette una raccomandazione formale. Se questo parere è positivo, i Paesi Bassi adotteranno integralmente il Nutri-Score.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *