Conto corrente, 9 milioni di sequestri da giugno: chi rischia

Cattive notizie per molti titolari di account che potrebbero presto trovarsi di fronte a un vero e proprio pungiglione. Quindi entriamo nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere al riguardo.

Preclusione (Adobe)

Il coronavirus è entrato prepotentemente nelle nostre vite più di un anno fa, provocando ripercussioni negative, sia in termini di relazioni che di gestione. finanze personale. Molte aziende hanno dovuto chiudere i battenti, sempre più persone hanno serie difficoltà a far fronte alle varie spese. Un chiaro esempio di ciò è il fatto che approssimativamente 830.000 genitori hanno smesso di prendersi cura dei propri figli a causa della crisi economica in corso. Non sorprende quindi che in un momento particolarmente complicato come il presente, molti stiano volgendo gli occhi al mondo di risparmio.

La crescente incertezza sul futuro, infatti, porta a mantenere i i soldi ancora nel conto corrente, così da avere sempre a disposizione qualche euro in più in caso di imprevisti. Se tutto ciò non bastasse, molti hanno paura di dover fare i conti con debiti passati, che possono portare a a sequestro del conto corrente da parte dell’Agenzia delle Entrate. Una storia che purtroppo coinvolge un gran numero di persone. Quindi entriamo nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere al riguardo.

LEGGI ANCHE >>> Criptovalute e banche: un futuro da riscrivere

Conti correnti a rischio, 9 milioni di sequestri condivisi: cosa bisogna sapere

Il conto corrente è in aumento
conto corrente (Adobe)

Il periodo di sospensione dei procedimenti esecutivi scadrà il 31 maggio. convulsioni. Ciò significa quindi che dal 1 giugno riprenderà l’attività di riscossione delle imposte, salvo proroga ulteriore all’ultimo minuto. In particolare, secondo le ultime stime, l’Agenzia delle Entrate – Incassi si appresta a inserire circa 9 milioni di conti correnti.

READ  la merce rubata conserva il credito d'imposta InvestireOggi.it

Una situazione che preoccupa tutti coloro che sono alle prese con debiti pregressi con il fisco, che quindi rischiano di dover affrontare il temuto pignoramento. Da giugno, infatti, l’Agenzia delle Entrate ripartirà con l’invio delle fatture fiscali, ma soprattutto con il convulsioni in corso e quelli sospesi.

LEGGI ANCHE >>> Banca, attenti ai debiti: la tua macchina è in pericolo. Cosa potrebbe succedere

Inoltre, per quanto riguarda i sequestri, vi ricordiamo che ci sono dei limiti di cui tenere conto. In particolare, nel caso di conto cointestato, il sequestro non può superare il 50% dell’importo depositato. Inoltre, per quanto riguarda lo stipendio, è possibile inserire solo fino ad un quinto dell’importo netto mensile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *