In Ue minaccia il blocco temporaneo di Facebook e Instagram: lo ha preceduto |  ADESSO

In Ue minaccia il blocco temporaneo di Facebook e Instagram: lo ha preceduto | ADESSO

C’è una piccola possibilità che Facebook e Instagram siano temporaneamente offline per gli europei entro la fine dell’anno. Il regolatore irlandese della privacy DPC vuole vietare alla società madre Meta di inviare informazioni sugli utenti europei negli Stati Uniti. Non è ancora noto se ciò accadrà, ma il blocco è la possibile conclusione di anni di contrattazioni sullo scambio di dati tra Stati Uniti e UE.

Tutto è iniziato nel 2013, quando l’attivista austriaco per la privacy Max Schrems ha intentato una causa contro Facebook. Lo ha fatto presso l’autorità di regolamentazione in Irlanda, dove si trova la sede europea di Facebook (ora Meta). Schrems ritiene inaccettabile che l’azienda memorizzi i dati degli utenti europei negli Stati Uniti, poiché i dati potrebbero finire nelle mani dei servizi di intelligence.

La denuncia è stata respinta, dopo di che Schrems è andato in tribunale. Ha affermato che lo scambio di dati ha violato la legge sulla privacy dell’UE. La Corte di giustizia dell’Unione europea si è pronunciata a favore di Schrems nel 2015. Successivamente, Safe Harbor, l’allora accordo di riservatezza tra l’UE e gli Stati Uniti, è stato dichiarato non valido.

Un anno dopo è arrivato un nuovo trattato: Privacy Shield. Sebbene ciò fornisse una migliore protezione dei dati dei cittadini europei, aziende come Facebook sono state comunque in grado di inviare molti dati degli utenti negli Stati Uniti. Schrems non era convinto che la protezione fosse sufficiente e tornò in tribunale.

L’attivista per la privacy Max Schrems.


L'attivista per la privacy Max Schrems.

L’attivista per la privacy Max Schrems.

Foto: AFP

Un nuovo trattato sulla privacy in lavorazione

Di conseguenza, anche il Privacy Shield è stato dichiarato non valido nel 2020. La Corte europea ha concordato con l’attivista sulla privacy che il trattato non proteggeva ancora sufficientemente i dati dei cittadini europei. L’obiezione principale era che non è possibile vedere quali dati sono memorizzati. Ciò è richiesto dalla legge europea sulla privacy.

READ  Crisi aiuti giovani: "Se non facciamo niente ora ci saranno morti"

Attualmente stiamo lavorando dietro le quinte su un successore di Privacy Shield. Ma si prevede che ci vorrà almeno fino alla fine di quest’anno prima che sia pronto.

Nel frattempo, aziende come Meta utilizzano clausole contrattuali standard. Questi sono i termini e le condizioni stabiliti dall’UE e dai responsabili del trattamento conformi al Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR). Se le società rispettano queste condizioni, possono continuare a trasferire i dati negli Stati Uniti.

Ora anche il regolatore irlandese vuole bloccare questo contratto da Meta, ha scritto Politica questa settimana. Ciò potrebbe significare che Facebook non può più condividere i dati, quindi le sue app potrebbero dover essere chiuse in Europa per un po’. In ogni caso, questo riguarda Facebook e Instagram. Non è chiaro cosa accadrebbe a WhatsApp.

La chiusura dei servizi Meta può avere un “impatto devastante”

La stessa Meta ha spesso espresso preoccupazione per la (mancanza di) accordi che dovrebbero rendere possibile lo scambio di dati. In un rapporto annuale, Meta ha già scritto che l’azienda potrebbe non essere più in grado di offrire le sue applicazioni in Europa se non viene trovata una soluzione.

Secondo Meta, la mossa potrebbe avere “un impatto devastante” sull’azienda. La Società si basa sui dati degli utenti per fornire pubblicità online mirata.

Meta ha risposto al piano irlandese in una dichiarazione. “La decisione preliminare riguarda una controversia tra Ue e Stati Uniti, su cui stiamo lavorando. Attendiamo con impazienza una soluzione che consenta una continua condivisione dei dati. E speriamo che la soluzione ci aiuti a connettere famiglie, gruppi e società tra loro”.

READ  Frigorifero aperto e chiuso: come sprecare meno energia possibile? | Cibo e bevande

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *