Coppie e famiglie di Bruxelles più diverse che mai

Quattro ricercatori del Knowledge Center for Family Science presso l’Università di scienze applicate dell’Odisee hanno esaminato l’evoluzione delle famiglie e delle coppie in termini di origine e composizione dal 2000 al 2021. La diminuzione del numero di coppie a Bruxelles in cui entrambi i partner hanno la nazionalità belga di l’origine è sorprendente. Nel 2000, il 48,5% delle coppie era ancora belga-belga. Nel 2010 era uno su tre (31,7%) e all’inizio del 2021 quella cifra è scesa al 19,9%, ovvero una su cinque di coppie non sposate e sposate.

Un belga su tre ha origini immigrate. Non sorprende che le città siano i luoghi più diversi del nostro paese. Ad esempio, Bruxelles oggi ha più di 180 nazionalità diverse.

Dall’inizio del secolo, Bruxelles è stata a minoranza maggioritaria-città. È una città dove la (grande) maggioranza della popolazione è di origine immigrata. La regione di Bruxelles ha tre residenti di Bruxelles su quattro con un background di immigrazione.

La super diversità in Belgio si riflette logicamente anche nelle composizioni di coppia e familiari. Ad esempio, i ricercatori scrivono che la proporzione di coppie di origine esclusivamente belga è in diminuzione. La quota di relazioni miste, in cui entrambi i partner hanno una diversa nazionalità di origine, è nuovamente in aumento.

coppie

Secondo il sondaggio, un quinto delle coppie in Belgio, nel 2021, sarà mista (cioè almeno un partner non ha nazionalità belga per origine). A Bruxelles, questo sale a un terzo. I ricercatori definiscono le coppie come coppie sposate e come coppie conviventi legalmente e di fatto.

Negli ultimi 21 anni, i ricercatori hanno riscontrato una notevole diminuzione del numero di coppie a Bruxelles in cui entrambi i partner hanno la nazionalità belga per origine. Nel 2000, il 48,5% delle coppie era ancora belga-belga. Nel 2010 era uno su tre (31,7%) e all’inizio del 2021 quella cifra era scesa al 19,9%, ovvero una su cinque di coppie non sposate e sposate.

READ  La dipendenza dagli spray nasali colpisce molte persone: "A un certo punto non puoi farne a meno"

Le coppie in cui un partner ha la nazionalità belga e l’altro non ha sempre rappresentato circa il 16% del totale dal 2000, questa cifra rimane stabile fino ad oggi.

Inoltre, i ricercatori fanno una distinzione tra coppie con la stessa nazionalità di origine non belga e coppie in cui entrambi i partner hanno nazionalità diverse, non belghe. Il primo gruppo rappresenta quasi la metà (47,7%) di tutte le coppie, secondo l’indagine del 2021. Il secondo gruppo rappresenta il 16,9% delle coppie a Bruxelles.

In totale, quindi, due coppie su tre (64,6%) a Bruxelles sono coppie in cui nessuno dei partner ha la nazionalità belga per origine.

Famiglie

Anche le famiglie si stanno diversificando. A Bruxelles il numero delle famiglie di origine belga è sceso dal 48,3% nel 2000 al 21,9% nel 2021. D’altra parte, le famiglie di origine al di fuori dell’Unione Europea sono scese dal 30,3% nel 2000 alla metà (50%) delle famiglie di Bruxelles nel 2021. In Belgio nel suo insieme, questa quota è aumentata a quasi un quinto di tutte le famiglie nel 2021.

Questo rapido cambiamento demografico espone anche una serie di punti deboli, mostrano i ricercatori. L’attuale gamma di sostegno familiare spesso non raggiunge sufficientemente queste famiglie diverse, il che si riflette, ad esempio, nel numero di divorzi. Questo è più alto per i matrimoni misti, perché queste famiglie sono spesso più vulnerabili, secondo i ricercatori.

Ci sono due ipotesi a questo, spiega Dirk Geldof, uno dei ricercatori. “La prima è che le persone che vivono insieme e che provengono da ambienti diversi entrano in conflitto un po’ più spesso. Ad esempio, possono avere opinioni diverse sulle relazioni, il che porta a conflitti. Una seconda ipotesi riguarda i fattori socio-economici. Le famiglie di origine immigrata hanno spesso maggiori difficoltà, finanziarie o abitative.

READ  Ecco cosa fanno i neurologi stessi per alleviare o prevenire il mal di testa

Il gruppo di ricerca raccomanda quindi un’estensione mirata degli aiuti alle famiglie di origine non europea. “Attualmente, le offerte di politiche familiari hanno un forte pregiudizio della classe media bianca, ma le famiglie non sono mai state così diverse come lo sono oggi. Le politiche familiari devono davvero rispondere molto di più a questo”, afferma Geldof.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.