Crisi dell’azoto: le forze di difesa degli agricoltori avvertono di importanti azioni degli agricoltori

Gli obiettivi del governo per una drastica riduzione delle emissioni di azoto rappresentano un “taglio netto irrealistico”. Lo ha annunciato l’organizzazione agricola e orticola LTO Nederland. Il ministro Christianne van der Wal (Natura e azoto) ha inviato venerdì alla Camera dei rappresentanti guidando gli obiettivi per area.

Questi sono drastici per gli agricoltori, in particolare. Secondo questi obiettivi, le emissioni di Noord-Brabant, Gelderse Vallei e Limburg devono essere ridotte di oltre la metà. Nelle aree naturali protette, le emissioni devono essere ridotte almeno del 95%, e nell’anello intorno a queste aree del 70%.

Secondo il RIVM, il 45% delle precipitazioni di azoto proviene dal settore agricolo. In alcune aree, molti agricoltori dovranno andarsene o dovranno ridurre significativamente le proprie emissioni in altri modi. “Le proposte del gabinetto rappresentano un taglio chiaro e irrealistico. Dalle campagne, dagli agricoltori e dagli orticoltori, ma anche dalla natura”, ha affermato in una nota il presidente dell’LTO Nederland Sjaak van der Tak. “Nonostante alcune parole empatiche, vediamo per lo più dettati dall’alto, contro gli accordi dell’accordo di coalizione. Non funzionerà”.

Secondo Van der Tak, la notizia colpisce duramente. “Abbiamo esercitato forti pressioni nell’interesse dei nostri membri. Tuttavia, riteniamo che sia stato fatto troppo poco con le proposte realistiche e ampiamente supportate che abbiamo fatto con partiti di settore e altre organizzazioni. LTO Nederland traccia attualmente una linea per il governo: noi non può aiutare in questo.”

LTO Nederland afferma anche che l’azienda è bloccata in un pantano legale di standard irraggiungibili. “La responsabilità è riposta nei panni delle Province. Inoltre, lo stallo che crea non aiuta la natura. Questo è davvero un peccato, soprattutto perché sono state avanzate proposte realistiche e ampiamente supportate da agricoltori, natura e organizzazioni commerciali.

READ  Scavi per fibra ottica, il passato riemerge: è l'antica Via Popilia?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *