dalla Cina a Hollywood tutti alla corte del Techno King del mondo – Corriere.it

a partire dal Federico ramini

Nel film “Don’t Look Up” una maligna parodia del guru di Tesla e SpaceX, l’uomo più ricco del pianeta che sa irritare (ma allo stesso tempo affascinare) i giovani

Hollywood lo vede come il cattivo, il miliardario che salva se stesso e alcuni amici intimi dall’Apocalisse planetaria fuggendo nello spazio. La Cina la tratta come una superpotenza a tutti gli effetti, protesta alle Nazioni Unite per la sua presunta procrastinazione spaziale. Elon Musk ha chiuso il 2021 come l’uomo più ricco del mondo (273 miliardi di dollari) ma non solo. È l’unico magnate-guru che riesce ad affascinare e ad arrabbiare i giovani allo stesso tempo. È in prima linea nelle nuove tecnologie, comprese le criptovalute, ma apertamente ostile al politicamente corretto; mostra un’ideologia libertaria di destra.

Il cinema non poteva ignorarlo. Nel film satirico di fantasia non cercare di Adam McKay Il miliardario della tecnologia Peter Isherwell (Mark Rylance) è un’ovvia parodia di Musk. dannoso: fallisce nel suo piano di smembrare un meteorite per ottenere minerali rari, poi abbandona la Terra al suo triste destino. Il vero Musk in realtà ha detto: “Voglio morire su Marte, ma non schiantarmi all’impatto”. Sembra in grado di rendere lo spazio un business credibile, non solo un gioco di miliardari egocentrici. La NASA ha una tale fiducia in lui che utilizza la sua società SpaceX per trasportare astronauti e attrezzature alla Stazione Spaziale Internazionale. Con 27 lanci in 12 mesi, SpaceX ha surclassato tutti i suoi concorrenti statunitensi. La NASA lo ha scelto anche per costruire il prossimo Moon Lander, un modulo di atterraggio sulla luna.

(Federico Rampini firma ogni sabato la newsletter “Globale”: per iscriversi basta andare qui: www.corriere.it/global).

Le sfide si moltiplicano. Musk è stato il pioniere del primo missile multilancio completamente riutilizzabile progettato per la missione su Marte. “Questo segnerà – ha detto – la differenza tra l’umanità come specie con un percorso e l’umanità come specie con più percorsi”. I costi esorbitanti di una spedizione su Marte? Vuole finanziarli con la sua più grande impresa commerciale nello spazio: fino a 30.000 satelliti per telecomunicazioni a banda larga Starlink, Internet alla portata di tutti coloro che non dispongono ancora di collegamenti adeguati (paesi poveri, regioni isolate, navi e aerei, ma anche per transazioni ad altissima frequenza tra scambi). Ne ha già messi in orbita 1.800 ed è qui che è nato il casus belli con Xi Jinping.. Pechino afferma che i suoi astronauti hanno dovuto svolgere “operazioni di emergenza” con la stazione spaziale made in China per evitare collisioni con i satelliti di Musk. L’aspetto interessante è che il governo comunista non ha protestato alla Casa Bianca, ma ha fatto appello all’ONU: riconoscendo implicitamente che Musk deve essere trattato come uno stato sovrano.

Chi continua a sospettare di essere un geniale ipnotizzatore dalla folla, deve fare i conti con i solidi risultati della sua Tesla. Il 2021 è stato il primo anno completo di profitti e il marchio di auto elettriche è ora nel club delle aziende da “trilioni di dollari” (oltre un trilione di dollari di valore di mercato). Contro coloro che la vedono come una bolla, ci sono dati sostanziali sul commercio e sull’industria. Le vendite di Tesla sono aumentate dell’80% nel 2021, mentre i volumi globali di auto vendute sono diminuiti dell’1%. Altre case automobilistiche hanno subito tagli alla produzione a causa di una carenza di semiconduttori. Tesla no: ha bypassato la rarità perché la sua autonomia nell’ingegneria elettronica è quasi unica al mondo, ha quindi “riscritto” il software delle auto per integrare chip elettronici alternativi. “Due terzi delle auto elettriche vendute negli Stati Uniti portano il marchio Tesla”, ha proclamato il direttore generale, che ora vuole cambiare lavoro. Un’altra provocazione: ha depositato una pratica formale presso l’autorità di borsa per ribattezzarsi il “techno-re” di Tesla.

READ  Covid: polizia e vigilantes per lo shopping natalizio in strada - Cronaca

I problemi abbondano. Tra i più gravi: incidenti gravi in ​​cui alcune Tesla sono inciampate in modalità autonoma; e le accuse (di nuovo) della Cina contro le presunte attività di spionaggio di queste auto sul suo territorio. Ma gli investitori sono fiduciosi che Musk supererà qualsiasi ostacolo e, negli ultimi giorni dello scorso anno, un balzo dei prezzi ha aggiunto $ 200 miliardi a Tesla, che è più di quanto valgono insieme Ford e General Motors. “Forse – ha commentato il quotidiano di Wall Street
–—Tesla fa in un anno quello che Amazon ha fatto in vent’anni, cioè dimostrare a se stesso da campione che la sua bolla è giustificata”.

Il personaggio Muschio, essendo all’avanguardia nella tecnologia dello sviluppo sostenibile, affascina i giovani, dai Millennials alle generazioni X e Z. Nel 2021, più della copertura di Volta la sua personale nel programma satirico è stata emblematica di lui Sabato sera in diretta. La sua adesione alle criptovalute coincide con l’ascesa di queste valute alternative, o la alimenta: 3 trilioni di dollari di valore, il 16% degli americani lo possiede o l’ha avuto (rispetto all’1% di sei anni fa).

Musk il politico prende molti giovani contro corrente. Ha combattuto via Twitter con due estremisti di sinistra, i senatori Elizabeth Warren e Bernie Sanders, che hanno sede tra i Millennial. Dopo le due nuove tasse proposte sui miliardari accusandoli di elusione, Musk ha reagito. “Sarò l’americano che pagherà più tasse della storia”. 11 miliardi nel 2021, per la precisione. A Warren: “Non spendere all’improvviso. A Sanders, 80 anni: “Continuo a dimenticare che sei ancora vivo”.

Una differenza con Donald Trump che è stato eliminato dai social media popolari, Musk ha 66 milioni di follower su Twitter. Inaugura una sorta di populismo finanziario proprio sulla questione fiscale. Citando la polemica contro i miliardari che evadono le tasse perché evitano di riscuotere plusvalenze di mercato, ha chiesto ai suoi sostenitori se è il caso di convertire le stock option e vendere le azioni per pagare le tasse. La consultazione su Twitter (con 3,5 milioni di votanti) ha dato il 58% di sì e ha venduto.

READ  Alfa Romeo, nuova 4C in collaborazione con Maserati - Mondo Auto

Il gesto più provocatorio lo ha fatto “votare con i piedi”. È la scelta di trasferirsi, personalmente e come sede aziendale di Tesla, dalla California al Texas. Ha abbracciato lo status di vetrina dei repubblicani, voltando le spalle alla roccaforte di sinistra. Il Texas non ha un’imposta aggiuntiva sul reddito delle persone fisiche, è per molti versi un paradiso fiscale, ha meno regole e burocrazia. La California ha una delle più alte pressioni fiscali negli Stati Uniti. Sig.l’usk considera il modello californiano come un concentrato dei “fallimenti del socialismo”: record di senzatetto, aumento del costo della vita, carenza di alloggi sociali, esodo di residenti.

Nelle ultime elezioni, ha finanziato in egual modo Democratici e Repubblicani, ha approvato un concorrente per la nomination democratica (l’imprenditore tecnologico Andrew Yang). Tuttavia, Musk è una spina nel fianco dei Democratici, la controparte di vari Bill Gates e Mark Zuckerberg: è l’unica celebrità della Big Tech il cui cuore batte bene. Quando denuncia la vecchia sinistra statalista “tassa e spendi”, è una giovane America ad ascoltarlo, magari stringendo i denti.

3 gennaio 2022 (modificato il 3 gennaio 2022 | 21:46)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *