Dalla pioggia italiana alle gocce

Dalla pioggia italiana alle gocce

Seguo il Giro d’Italia da uno studio da due settimane. Con gli analisti Bobbie Traksel e Jip van den Bos e un eccellente team di Eurosport. Siamo stati fuori tutti i giorni per alcuni anni. All’inizio e alla fine, aspetta i corridori. Niente di meglio che essere nel cuore della corsa, in luoghi privilegiati della fantastica Bella Italia. Finché non arriva una telefonata a febbraio, “Faremo un programma in studio. E non a Hilversum…’

Ciò significava niente villaggi pittoreschi, niente chat dal vivo con i motociclisti, niente vera pasta o pesto italiano.

Ora che siamo in viaggio da due settimane, si sta rivelando un’ottima scelta. Forse non hai ancora visto il Giro, ma piove a dirotto. I raggi del sole si contano sulle dita di una mano. Grandine, neve, temporali e temperature gelide sono più la regola che l’eccezione.

Studio Giro Italiano

E che mentre sono qui nello studio in cui ci troviamo, faccio una passeggiata quotidiana al sole e posso esplorare bene la zona. Dov’è, non posso rivelarlo formalmente se non dopo il Giro. Ma l’Amore Infinito per il Giro ora è anche Amore Infinito per questa città.

Non invidio i miei colleghi in Italia, figuriamoci i corridori che soffrono di intorpidimento e forti raffreddori. E così la battuta d’arresto iniziale si rivela un enorme vantaggio. Più di quello. Dalla pioggia alla pioggerellina in Italia, la seguo da uno studio caldo e secco. E la pietà per i piloti porta segretamente a una felicità ancora maggiore alla consolle interna di Eurosport.

READ  Juve-Genoa 2-0, gol di Cuadrado e Dybala

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *