Dalla polizia alla porta di un funerale: Rutger (21) ha girato un film sulla prematura scomparsa dei suoi genitori

Dalla polizia alla porta di un funerale: Rutger (21) ha girato un film sulla prematura scomparsa dei suoi genitori

Questa è una delle domande più difficili da porsi in una situazione del genere: come stai? A prima vista, le cose stanno andando molto bene con Rutger e Finette. Diplomata questa settimana alla St. Joost School of Art & Design di Breda e presentata in anteprima al suo primo film a Tuschinksi, ha appena concluso il suo anno propedeutico in tutta sicurezza.

Vivono nella loro casa dei genitori a Geervliet, dove gestiscono insieme la famiglia. “In realtà sta andando molto bene, fatta eccezione per i soliti litigi sul cibo”, dice Rutger.

altare

Puoi capire perché questo è tutt’altro che ovvio nel loro soggiorno. Sul camino c’è un piccolo altare con rose, una bella foto dei loro genitori, la scheda del funerale e un ricordo di quando è successo: 21 aprile 2021, giorno della morte di Anton e Monica.

Erano in vacanza in Frisia e il gas velenoso è fuoriuscito dalla batteria della barca su cui stavano dormendo. Da quel momento in poi, Rutger e Finette sono rimaste improvvisamente orfane, anche se Rutger pensa che sia solo una parola stupida: “Sembra molto più senza genitori di quanto penso. Per me, sono ancora molto presenti. – Vivono solo su Giove”.

Questo è anche il titolo del suo film: I miei genitori vivono su Giove – il pianeta era visibile dalla finestra del loro soggiorno la settimana dopo l’accaduto. Quando Rutger ha avuto quel pensiero commovente – è qui che si trovano ora i miei genitori – è nata l’idea di farne il suo progetto di laurea. Ha studiato fotografia, cinema e digitale e voleva diventare regista.

Ha giocato per un po’ con l’idea di un documentario, “ma sembrerebbe in ritardo”. Inoltre, non voleva che fosse il “grande spettacolo cosa-siamo-tristi”, la storia doveva essere più universale della loro esperienza personale. E così è diventato un film di 40 minuti, con due attori che interpretano i ruoli di Ruben (Noa Claassen) e Floor (Suus Molenaar).

READ  Belen, in Tu Si Que Vales, twerga contro il concorrente: censura

Mentre la polizia suona il campanello

La storia ha abbastanza somiglianze con la realtà. Quelle prime ore surreali dopo aver appreso la notizia, chiedendo alla casa piena di famiglia, alla palude in cui si sono trovati (“E le tasse?”), la consapevolezza che sprofonda davvero solo quando vedono i loro genitori nelle loro scatole. Il film inizia con la polizia che suona il campanello e copre la prima settimana dopo, fino al funerale.

Ma l’interpretazione è diversa, i dialoghi e gli eventi vengono dalla penna di Rutger, non dalla sua memoria. Inoltre, il film parla di molto di più dei semplici fatti: di come soffri e di come potresti essere diverso l’uno dall’altro in questo senso. Quanto è difficile a volte parlare di morte. A proposito del sostegno di amici e familiari e di come non sia abbastanza se tutto ciò che vuoi è rivedere i tuoi genitori. E sulle battute, i momenti di aria e di resilienza, che appartengono anche a lui.

Molto motivato

“L’impulso era enorme per farlo”, dice Rutger. “Non sono mai stato così motivato per niente. Innanzitutto perché vedo quanto sia difficile per le persone parlare di morte. Fortunatamente ne avevamo discusso con i miei genitori. Mia madre lavorava in una casa di riposo, quindi la morte non era un argomento tabù . In effetti, ne avevamo discusso il giorno prima che partissero per le vacanze. Per scherzo. E se ti succedesse qualcosa?

“Beh, su questo erano chiari: mio padre voleva essere sepolto al piano di sotto, mia madre al piano di sopra. Voleva che la canzone fosse suonata al funerale. Non essere triste di Diggy Dex sarebbe stato interpretato da mio padre Il suono del silenzio di Disturbato. Tre giorni dopo, questa battuta era una dura realtà, ma ci ha aiutato molto. Dovevamo davvero solo scegliere il colore dei fiori, per il resto sapevamo cosa volevano di più”.

conversazione preziosa

Apparentemente, è una conversazione che pochi stanno avendo, ha osservato Rutger. “La gente pensava che fosse strano che ne parlassimo così apertamente, ma era così prezioso per noi. Spero I miei genitori vivono su Giove il motivo sarà che ne parliamo di più. Che dopo l’ultima scena, il funerale, si guardano e si chiedono: cosa vuoi veramente?

READ  "I Beatles mi conoscevano, ecco perché Yesterday è così uguale a Non sono vecchio" - Corriere.it

Durante la sua formazione, i suoi insegnanti non furono subito entusiasti dell’idea di Rutger di un film così super personale. “Avevano paura che stessi andando troppo veloce. Che il dolore fosse ancora troppo forte”. Ma farlo si è rivelato curativo. “Mi piaceva davvero essere coinvolto nella mia stessa storia in un modo diverso. Ero preoccupato per la regia: come sarebbe se la mia esperienza fosse tradotta da altri?”

Comoda distanza

“Ma Ruben e Floor non sono esattamente uguali a me e Finette. Ad esempio, ho accentuato i contrasti nel modo in cui affrontano il loro dolore. Floor è molto pratico, mentre Ruben indugia molto di più nella sua incredulità. Era davvero così leggermente diverso, ed era una distanza confortevole”.

“Ho diretto la situazione, non me stesso. E il film finale rende più facile riflettere su ciò che è successo e spiegare agli altri di cosa si tratta”.

Ciò che ha aiutato è stata anche la buona atmosfera nella squadra. “Ho ricevuto molto sostegno dal mio produttore Gido Krom. E abbiamo provato relativamente poco con il cast e abbiamo parlato molto. Finette veniva spesso sul set, in modo che Suus, l’attrice che la interpreta, potesse chiederle tutto”.

Il giorno della sua laurea, Anton e Monica erano anche un po’ in giro, proprio come quando Finette si è diplomata al liceo sei settimane dopo la loro morte. “Abbiamo una bella foto incorniciata dei miei genitori, che ci accompagna in questi momenti importanti”.

Il film sarà presto proiettato al cinema Pathé di Schouwburgplein a Rotterdam. In seguito potrebbero seguire altri cinema e festival. Rutger e il suo produttore Gido Krom stanno anche lavorando a un piano per mostrare il film nelle scuole, in modo che anche lì qualcosa di così pesante possa essere discusso in modo accessibile.

READ  Friends 2021, Rosa si sfoga su Instagram: "Ho ricevuto minacce"

Ma per ora, nei prossimi sei mesi, Rutger rimarrà per lo più in silenzio. “Fare il mio film mi ha fatto andare avanti ultimamente. Ora voglio riposarmi un po’ in modo da potermi abbattere se necessario”.

Lutto come una barca a remi

Perché la tristezza non va via. Un bellissimo detto che qualcuno gli ha dato: il lutto è come una barca. “Hai due pagaie. Una significa piangere e pensare al passato. L’altra significa andare avanti nella vita. Ma se remi solo con una pagaia, giri in cerchio, hai bisogno di entrambe allo stesso modo per andare avanti Il film era il due pagaie: era tanto da ricordare e commemorare quanto andare avanti e concentrarmi sul mio futuro”.

Immobile nel lutto, non comincia da lì. “Il motto dei miei genitori sulla loro carta funebre era: ‘Abbiamo vissuto il nostro sogno. Ora viviamo il nostro sogno.’ Finette e io vogliamo mantenere questo motto in ogni caso. Siamo entrambi maturati molto, ci siamo stati costretti, ovviamente, ma noto che mi ha anche reso molto più fiducioso. Penso che i miei genitori siano orgogliosi di noi , là su Giove.”

Intervista domenicale

Ogni domenica pubblichiamo un’intervista testuale e fotografica con qualcuno che sta facendo o ha vissuto qualcosa di speciale. Può essere un evento importante che gestisce in modo ammirevole. Le interviste della domenica hanno in comune che la storia ha una grande influenza sulla vita dell’intervistato.

Sei o conosci qualcuno che sarebbe adatto per un colloquio domenicale? Facci sapere tramite questo indirizzo email: [email protected]

Giglio qua le prime interviste della domenica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *