Dall’inferno corona al paradiso in settimane: come il virus continua a sorprendere scienza e politica

Il codice arancione sta arrivando. In sette settimane, la politica della corona è passata da una chiusura completa del settore culturale a una “primavera ventosa”. Grazie all’ennesima sorpresa corona: omikron, la variante che non ha allagato gli ospedali. Uno sguardo dietro le quinte, pieno di frustrazione tra esperti e politica.

Stavros Kelepouris

L’ottimismo per la corona nella Wetstraat è eccezionalmente alto in questi giorni. venerdì va il barometro dal codice rosso al codice arancione, ma il felice arrivo del codice giallo è già stato annunciato in molte aziende. Praticamente nessuna misura si applica a questo proposito, e il maledetto Covid Safe Ticket scompare† Il Regno dei Liberi sta arrivando davvero questa volta, a quanto pare.

Tuttavia, solo poche settimane fa, il comitato consultivo era di umore serio. L’ultima variante della corona, omikron, ha dimostrato di essere molto più contagiosa del suo già malvagio fratello maggiore Delta. Rue de la Loi decide di peccare per eccesso di cautela. Scriviamo il 22 dicembre quando i capi di governo e gli alti ministri di questo Paese chiuderanno in un attimo l’intero settore culturale. Una decisione che durerà appena una settimana, dopo un doloroso intervento del Consiglio di Stato.

sospetto

Dopo il rapido susseguirsi delle commissioni consultive, con questo episodio la fiducia nella politica ha toccato il punto più basso. Soprattutto tra un gruppo di esperti scientifici. L’epidemiologo Marius Gilbert (ULB), da tempo membro del comitato scientifico consultivo del GEES, parla dell’RTBF come di una completa violazione della fiducia. Il virologo e membro del GEMS Marc Van Ranst (KU Leuven) reagisce con disprezzo dicendo che “il vin brulé ha conquistato la cultura”.

Il sospetto è reciproco. All’inizio di gennaio, dopo una nuova riunione del Comitato di consultazione, il presidente del Consiglio Alexander De Croo (Open Vld) può parlare di “buona interazione tra politica e scienza”, ma la realtà è meno allettante. “Van Ranst ci ha ucciso con quella dichiarazione di vin brulé”, ha detto all’epoca un importante giocatore di Wetstraat. “Van Ranst è un membro di GEMS. Bene, se seguissimo i loro consigli, ora saremmo in blocco.

Queste ciglia sono tipiche del nervosismo intorno a omikron. La politica trattiene il respiro. I successivi rapporti che il commissario della corona Pedro Facon ha presentato al comitato di consultazione mostrano quanto siano grandi l’incertezza e la disperazione e quanto sia sfuggente il virus della corona.

I modelli che Facon ha presentato al Comitato di Consultazione il 21 gennaio sono illustrativi. Il numero dei ricoveri giornalieri è salito a 300, mentre i modelli prevedono un picco di – a seconda dello scenario – da 700 a 1.200 ricoveri giornalieri, con un margine di errore di oltre 1.400.

L’incertezza è enorme. Fonti della politica Corona indicano che anche la comunicazione degli organi di esperti va in tutte le direzioni. In uno relazione del Gruppo di Valutazione dei Rischi (RAG) del 19 gennaio sembra che il nostro Paese sia ancora nella fase di massimo allarme. “Nel contesto attuale, è troppo presto per prendere in considerazione un allentamento”.

frustrazione

Ma nei giorni seguenti, i membri del GEMS Marc Van Ranst, che siede anche nei RAG e ha contribuito a redigere il consiglio, e Steven Van Gucht hanno rilasciato messaggi pieni di ottimismo, con la prospettiva di una distensione. Come spesso accade nella storia di questa pandemia, è principalmente la comunicazione di Van Ranst a frustrare i responsabili politici. “Queste persone ci consigliano in un modo completamente diverso da quello che poi spiegano nei media”, spiega una fonte della Wetstraat in quel momento.

Van Ranst la vede diversamente. “La valutazione RAG è una specie di opinione maggioritaria, non tutti devono essere completamente d’accordo. E penso: dovresti essere in grado di intraprendere azioni forti se necessario, rapidamente, e dovresti essere in grado di rilassarti se possibile”.

desideroso

Fonti accusano Van Ranst che dopo quasi due anni di pandemia, è molto ansioso di annunciare la fine della pandemia, un sentimento che si ritiene sia vivo anche tra alcuni membri del GEMS. Ma allo stesso tempo, è difficile negare che Van Ranst avesse ragione: il corona non tiene più la società in una morsa per il momento, il che significa che molte delle misure adottate nelle ultime settimane non sono più rilevanti. Poche persone pensano che la chiusura di mezzanotte del settore dell’ospitalità abbia avuto un grande impatto sulla pandemia la scorsa settimana.

E mentre Facon ha predicato grande cautela qualche settimana fa, deve anche concludere oggi che il coronavirus ci ha completamente sorpreso in modo positivo per la prima volta con la variante omikron. Nella sua ultima nota al Comitato consultivo, Facon scrive che anche in un “caso peggiore” con molti contatti e bassa efficacia del vaccino, il numero dei ricoveri rimarrà limitato. “Secondo il modello, in nessun caso avremo più picchi di contaminazione nei prossimi mesi come abbiamo fatto a gennaio”.

Ciò ha dato al Primo Ministro De Croo una certezza sufficiente per annunciare una “primavera ventilata” venerdì scorso, con il passaggio al codice arancione dalla fine di questa settimana. Il fatto che le regole per le maschere per la bocca nelle sale da concerto non abbiano molto senso e che il CST sia ancora utilizzato nonostante il suo uso limitato è visto come un problema in alcune pratiche. Dopotutto, il codice arancione è di breve durata, a quanto pare. Il codice giallo potrebbe entrare in vigore già a marzo.

READ  Il Sido, una spinta alla salute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *