Dati memorizzati nel genoma dei batteri viventi, un approccio rivoluzionario che va oltre il DNA

Un team di ricercatori della Columbia University di New York conduce interessanti esperimenti sui batteri Escherichia coli. Sottoponendo i batteri a piccole scale elettriche, alterano i propri schemi genomici. In sostanza, i ricercatori possono attivare o disattivare due diversi modelli genomici, uno con “elettricità accesa” e uno con “elettricità spenta”.
A cosa serve tutto questo? Questi due stati possono essere l’equivalente di 1 e 0 utilizzati nei computer, specialmente nel sistema binario.

Con precise sequenze di scariche elettriche, ad esempio, a ciascuna sequenza può essere assegnata una lettera dell’alfabeto, un numero o un altro carattere esistente.
Il bello è che i batteri possono trasmettere il loro profilo genomico, e quindi i “dati” ai loro discendenti. I dati vengono quindi “copiati” in modo ridondante di generazione in generazione e questo può proteggere gli stessi dati dal degrado che può essere causato, ad esempio, da contaminanti.
Inoltre, i ricercatori si sono resi conto durante gli esperimenti che gli stessi dati e quindi i messaggi possono essere letti anche quando il fileEscherichia coli è stato mischiato con altre specie batteriche, come nota la Natura.

Potrebbe quindi essere un nuovo modo di immagazzinare dati digitali direttamente nel genoma di cellule batteriche viventi e quindi non in molecole di DNA. Uno studio dettagliato di questa procedura è stato pubblicato in Biologia chimica della natura.
“Dimostriamo la codifica di dati multiplex in popolazioni di cellule di codici a barre per produrre grandi capacità di archiviazione di informazioni e capacità fino a 72 bit, che possono essere mantenute per molte generazioni in ambienti naturali aperti”. , spiegano gli stessi ricercatori in sintesi di studi che affermano di aver utilizzato la tecnologia CRISPR adattata a questo scopo.

READ  Un asteroide gigante si sta dirigendo verso il Sole e gli scienziati vogliono sapere cosa farà

Approfondimenti

articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *