De Jonge può restare, la mozione di censura non ottiene maggioranza: “Ora c’è ancora lavoro”

De Jonge può restare, la mozione di censura non ottiene maggioranza: “Ora c’è ancora lavoro”

All’inizio del dibattito, De Jonge ha offerto “scuse sincere” alla Camera dei rappresentanti e ai media per informazioni incomplete sull’accordo Sywert, ma con quello la mia colpa l’opposizione non era soddisfatta. Il deputato PvdA Kuiken ha presentato una mozione di sfiducia, annullando così la fiducia nel ministro dell’edilizia abitativa e della pianificazione territoriale. Questo cartellino rosso è stato sostenuto da 52 parlamentari, tra cui DENK, SP, Partito per gli Animali, BBB, PVV, Forum e Volt. Non è bastato per una maggioranza, ma è un segno di sfiducia generale.

Dopo il dibattito, De Jonge ha riconosciuto ancora una volta di aver contribuito “alla confusione” non riportando in anticipo contatti rilevanti dall’app a media e parlamento: “Non ho informato a sufficienza la Camera. C’è del lavoro da fare”.

Quando l’onorevole PvdA Kuiken ha presentato la mozione di sfiducia poco prima, ha detto: “Per me è difficile, ma De Jonge non ha informato la Camera in modo onesto, non in tempo e non completamente, mentre l’informazione è richiesta per un anno”.

Studio Deloitte

Anche se De Jonge potrebbe rimanere, ciò non significa che lo stoccaggio sia finito per quanto riguarda l’accordo Sywert. Altre cose verranno fuori nell’ordine del milione di dollari, seguirà un’indagine Deloitte, proprio come un’indagine parlamentare. Il membro dell’SGP Kees van der Staaij lo ha definito un dibattito “scomodo”. Ha parlato di ‘punteggio intermedio’ e non vuole dare giudizi oggi. E, come ha detto il parlamentare D66 Wieke Paulusma: “Per ora, siamo soddisfatti delle scuse del ministro”.

Perché non è stata ancora detta l’ultima parola sull’ormai famigerato affare da 100 milioni di euro concluso da Sywert van Lienden, membro del CDA. Van Lienden – noto per programmi come De Wereld Draait Door – ha affermato di farlo nei media “senza scopo di lucro”. Successivamente è stato rivelato che lui e i suoi due soci in affari avevano guadagnato milioni.

Secondo il dirigente di GroenLinks Jesse Klaver, “si può vedere uno schema” nella risposta del governo. “Ero coinvolto, ma non ero coinvolto”, rievoca la fragile linea di difesa del ministro CDA.

Circa otto ore dopo l’inizio del dibattito, lo stesso ministro è venuto a discutere. “Ho avuto contatti su Van Lienden al dipartimento, quindi il mio coinvolgimento non è stato adeguatamente spiegato e vorrei scusarmi sinceramente con la Camera per questo”, ha detto De Jonge. “È così che ho creato la confusione, mi dispiace. Il quadro del mio coinvolgimento era involontariamente incompleto.

Partecipazione

Alle domande di questo sito, tra le altre cose, sul suo coinvolgimento e se fosse stato in contatto con Sywert van Lienden, De Jonge ha risposto in diverse occasioni l’anno scorso di “non essere coinvolto”. Così sbagliato. “Il coinvolgimento è stato maggiore di quanto indicato nelle risposte. Avremmo dovuto farlo notare, avremmo dovuto farlo in modo più completo. Sarebbe stato “più completo”, ha detto De Jonge.

La deputata del PVV Fleur Agema resta estremamente critica e sottolinea che i funzionari, su sua richiesta, scrivono di aver iniziato a “coccolare” Sywert: “Il ministro continua a insistere sul fatto che non fosse coinvolto nell’accordo. Ma se si confronta con l’acquisto di una casa, la firma è solo una piccola parte dell’accordo”.

‘Nessun favoritismo’

Tuttavia, non si trattava assolutamente di favoritismi, afferma il ministro del CDA. “Volevo impedire la concorrenza di Van Lienden vicino al nostro centro acquisti nazionale”. De Jonge ritiene che il CDA sia accusato ingiustamente. La definisce addirittura “un’accusa velenosa, perché è così difficile difendersi da essa”. “Con esso è stata persino usata la bruttissima parola nepotismo. L’ho buttato via da me.

Secondo i partiti di opposizione, De Jonge sta minimizzando il proprio ruolo nell’accordo. “Eri entusiasta dei contatti con Van Lienden, quindi punti a un accordo? Perché non lo dici e basta”, ha detto la deputata SP Maarten Hijink. La deputata PvdA Attje Kuiken chiama De Jonge “il negoziatore”: “Prima ero un funzionario pubblico. Se un ministro invia messaggi con così tanto entusiasmo, lo sono semplicemente ordini, i funzionari li eseguono.

Ma De Jonge insiste: non mirava a un ordine di Van Lienden. Potrebbe essere stato aggiornato nel frattempo, “ma non me ne ricordo”, dice De Jonge. In retrospettiva, dice, è facile dire che l’accordo non è andato bene “perché ora sappiamo come è andata a finire”. “Tutti pensano che Van Lienden si stia nascondendo, giusto?”

Il ministro dell'assistenza medica Martin van Rijn invia un SMS a Hugo de Jonge.  Il ministro del PvdA reagisce con scetticismo all'offerta aggiuntiva di Van Lienden.  foto VW

Il ministro dell’assistenza medica Martin van Rijn invia un SMS a Hugo de Jonge. Il ministro del PvdA reagisce con scetticismo all’offerta aggiuntiva di Van Lienden.foto VW

Hugo de Jonge ha mandato un messaggio a un funzionario sconosciuto.  Deve andare a

Hugo de Jonge ha mandato un messaggio a un funzionario sconosciuto. Deve andare a “coccolare” Sywert.foto VW

READ  ecco le situazioni in cui rischia la prima casa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *