Differenze sociodemografiche nella mortalità da COVID-19 nel primo anno della pandemia di corona

Nei Paesi Bassi, la pandemia di corona è iniziata nel sud-est dei Paesi Bassi all’inizio di marzo 2020 e da lì si è gradualmente diffusa nel resto del paese. Durante la seconda ondata, i decessi per COVID-19 sono stati più comuni nelle città più grandi, dove i redditi tendono ad essere più bassi e dove vivono più persone con un background di immigrati. La mortalità totale per COVID-19 nel primo anno della pandemia della corona è stata di 28.000.

Le persone a basso reddito muoiono in media prima delle persone a reddito più alto per una serie di motivi. Questo vale anche per i decessi dovuti al COVID-19. Durante la prima ondata della pandemia di corona, queste differenze di reddito erano paragonabili a quelle della mortalità per altre cause di morte. Tuttavia, durante la seconda ondata della pandemia della corona, le differenze note nelle probabilità di mortalità per COVID-19 tra i gruppi di reddito sono aumentate ulteriormente.

I rischi relativi di morte per COVID-19 nelle persone di origine immigrata erano generalmente leggermente superiori rispetto alle persone di origine olandese. Ciò vale anche dopo aver controllato le differenze nelle caratteristiche socio-demografiche come il livello di prosperità. Il rischio di morte per COVID-19 era particolarmente alto tra le persone di origine marocchina, turca e surinamese.

READ  Si prevede che un campo di alghe due volte più grande del Belgio nell'Oceano Atlantico rallenti il ​​riscaldamento globale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *