Djokovic ha vinto l’appello: “Deve essere rilasciato”. Ma per gli Australian Open il governo è pronto a fare appello, il fratello: vogliono ancora fermarlo

Novak Djokovic ha vinto la sua battaglia. Niente racchetta né palle, questa volta il successo arriva in un’aula di tribunale di Melbourne, dove il giudice Kelly in appello ha definito una “decisione irragionevole” quella di ritirare il visto al tennista serbo e rimandarlo in Europa come originariamente previsto per il caso del vaccino dopo l’atterraggio . Può quindi rimanere in Australia e allenarsi e competere (forse) per lui. Australian Open. Il condizionale è necessario perché il governo ha già annunciato che potrebbe espellerlo ancora dal Paese per tre anni. E infatti, secondo il fratello Giorgio, secondo le ultime informazioni, sembra che le autorità australiane sarebbero inclini a contestare la decisione del giudice ea ribadire il divieto di ingresso nel Paese per il campione serbo. “Le ultime informazioni dicono che voglio bloccarlo. Attualmente stiamo consultando avvocati “, ha affermato il fratello del tennista numero uno al mondo. “Novak è con i suoi avvocati in aula a discutere tutte le opzioni. È stata una grande sconfitta per le autorità australiane, e per questo ne stanno risentendo il colpo”, ha osservato Djordje Djokovic alla televisione privata serba Prva. Il tennista, però, non è stato arrestato., come riportato per la prima volta da alcuni media serbi.

La sentenza di oggi

Il giudice ha ordinato al governo di liberarlo dalla detenzione e ripristinare il visto che era stato cancellato perché il numero uno mondiale del tennis è arrivato in Australia senza essere vaccinato ma con un’esenzione medica (prevista dal regolamento del aperto dall’Australia). Un gesto che aveva fatto storcere il naso a tutti nel tennis e nello sport, per usare un eufemismo, provocando anche reazioni politiche. Come quello che lo ferma appena atterra dentro Australia e isolarlo ritirandogli il visto. I suoi avvocati, tuttavia, hanno impugnato la decisione e hanno vinto. Il giudizio arriva cinque giorni dopo che Novak è stato trattenuto in aeroporto all’arrivo su un volo da Dubai ma ancora non garantisce la certezza che Djokovic potrà partecipare al Grande Slam: il governo ha annunciato che potrebbe anche decidere di cancellare il visto una seconda volta dopo la sentenza del tribunale ai sensi della legge australiana sull’immigrazione. E poi buttarlo fuori e bandirlo dall’Australia per tre anni.

READ  Ronaldo vola a Dubai, nessuna quarantena al ritorno: polemica

Djokovic, ecco perché esentato dal vaccino Covid: “Ha contratto il virus a dicembre”

I documenti

Nella sentenza, il giudice Kelly ha letto il verbale che ordinava l’annullamento della decisione dell’ufficiale delle forze di frontiera australiane che aveva cancellato il visto di Djokovic, ordinandone il rilascio entro 30 minuti. Il giudice ha disposto la restituzione immediata del passaporto e degli effetti personali al numero 1 mondiale. “Se Djokovic avesse avuto più tempo per consultare i suoi legali, avrebbe risposto più chiaramente alla Border Force”, si legge nella motivazione. Djokovic aveva detto ai funzionari di frontiera entrando in Australia che non era vaccinato e che lo era avendo avuto il Covid due volte, nel giugno 2020 e il 16 dicembre, per poi diventare negativo il 22 dicembre.

Cosa può succedere adesso?

Il governo australiano potrebbe ribaltare ancora una volta la sentenza del giudice, ritirando nuovamente il passaporto al campione serbo: “Non ci sono indicazioni che abbia avuto una grave malattia acuta a dicembre, quando è risultato positivo”, si legge nella nota scritta presentata dal ministro . dentro Karen andrews il quale ha sottolineato come, se il giudice si pronunciasse a favore di Novak (cosa che di fatto è avvenuta), il governo potrebbe cancellargli il visto una seconda volta.

Giudice Kelly: sono molto preoccupato

“Nonostante la promulgazione di tale ordinanza, il ministro si è riservato la questione di sapere se esercitare il potere personale di revoca del visto del richiedente – ha spiegato il giudice Kelly -. Se il ministro decide di utilizzare la sua discrezione personale per annullare nuovamente il visto, sono molto preoccupato per il potenziale esito. “

READ  Trump vuole rinviare le elezioni: "Votando nella posta per frode". Quindi il passo laterale: "Far capire ai media i rischi, ma li vinceremo"

La difesa di Djokovic

“Sono arrivato qui a causa di questi documenti, altrimenti non mi sarebbe stato permesso di entrare”, ha detto Djokovic, dopo aver consegnato l’esenzione da Tennis Australia (sopra) ai funzionari dell’immigrazione. Djokovic ha appreso dell’avvertimento che voleva prendere in considerazione la cancellazione del visto poco prima delle 4 del mattino. Inizialmente gli furono concessi 20 minuti per trovare un motivo per poter entrare in Australia. “Sono stato messo in una posizione molto imbarazzante in cui alle quattro del mattino non potevo chiamare il direttore di Tennis Australia, non potevo interagire con nessuno del governo dello stato di Victoria attraverso Tennis Australia. Sono stato messo in una posizione molto imbarazzante “, ha spiegato. Djokovic è stato informato alle 5:20 che avrebbe potuto avere fino alle 8:30 per rispondere. Alle 6:14 gli è stato chiesto il suo commento. Alle 7:29 è stata presa la decisione di annullare il visto e gli è stata comunicata alle 7:42. Il giudice Kelly ha detto che se Djokovic fosse stato autorizzato fino alle 8:30, avrebbe potuto consultarsi con altri sulla decisione.

scenari

Ora Djokovic deve attendere la decisione del governo, che potrebbe ancora impugnare una legge sull’immigrazione ed espellerlo dal Paese per tre anni. In questo modo avrebbe partecipato non solo a questa edizione degli Australian Open ma anche alle prossime. La partita però non è ancora finita, perché gli avvocati non si fermeranno. E la battaglia legale continuerà.

Il caso del vaccino

Ma cosa è successo? Djokovic è arrivato in Australia con l’esenzione dal visto e dalla vaccinazione per partecipare al torneo, che inizia il 17 gennaio, ma i funzionari di frontiera hanno annullato il visto con il sostegno del primo ministro Scott Morrison. Il suo è diventato un caso globale: in più occasioni Djokovic ha chiesto riservatezza sulla sua scelta di farsi vaccinare o meno, alludendo però alla sua contrarietà. E fino alla scorsa settimana, non ha mai rivelato se era vaccinato o meno. Poi l’esenzione ha chiarito tutti gli aspetti. I suoi avvocati hanno detto sabato che il serbo è risultato positivo al coronavirus a metà dicembre e per questi motivi ha ottenuto l’esenzione dalla vaccinazione dai funzionari dell’Australian Open.

READ  Vaccini e terza dose, mascherina, pass verde: cosa ha detto Speranza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *