Dopo l’ennesima rivolta razzista attorno a Lukaku: perché il calcio italiano è così marcio?  |  Una serie

Dopo l’ennesima rivolta razzista attorno a Lukaku: perché il calcio italiano è così marcio? | Una serie

Dopo l’ennesima rivolta razzista attorno a Lukaku: perché il calcio italiano è così marcio?  |  Una serie

La storia si ripete. Per l’ennesima volta, Romelu Lukaku è stato vittima del razzismo in Italia. Perché è così difficile cambiare mentalità? “La rivolta dura due giorni e poi ricomincia, è la struttura che deve cambiare”.

“Signore e signori, è il 2019. Invece di andare avanti, sembra che stiamo tornando indietro”.

Quattro anni fa, sul suo account Instagram risuonava una richiesta di aiuto dopo i rumori della giungla contro il Cagliari. Eppure, anche Romelu Lukaku ha dovuto rilasciare un’altra dichiarazione contro il razzismo oggi, nel 2023.

“La storia si ripete”, si rende conto.

Il numero di messaggi di sostegno di colleghi di spicco come Mbappé e Vinicius dimostra che la questione imperversa ancora ovunque.

E soprattutto in Italia.

“Cosa ti aspettavi lì?” Suonava persino nei commenti di Radja Nainggolan. Questo è indicativo della cattiva reputazione che il paese si è costruito nel corso degli anni.

In Serie A sembra non passi mese senza rissa razziale.

Catalizzatore sociale

Balotelli, Koulibaly, Kean, Boateng e ora ancora Lukaku…

L’esperto italiano Willem Haak conosce il problema e fa un respiro profondo: “Non credo di esagerare quando dico che in ogni partita italiana a cui sono stato ho sentito i suoni della giungla. O i giocatori slavi chiamati zingari .”

I numeri dimostrano anche che si tratta di un problema diffuso. Quasi tutti i club sono stati sanzionati negli ultimi anni. Haak l’ha persino studiato per la sua tesi qualche anno fa.

“Ho raccolto le cifre relative alle condanne pronunciate tra il 2000 e il 2018”, afferma il giornalista olandese. “Ha dimostrato che il problema è solo peggiorato”.

Ma cosa rende il calcio italiano così suscettibile a tutto questo male?

“Il bullismo degli stranieri è nell’uovo dell’Italia”, dice Haak. “Sono molto meno aperti a persone di diverso colore della pelle o nazionalità rispetto a noi”.

“Certo, non possiamo mettere tutti gli italiani nello stesso sacco, ma lì il razzismo è ancora più tollerato e meno punito. Lo vedi anche in politica, dove molti hanno un passato razzista”.

E così anche in tanti stadi: “Il calcio rimane una sorta di catalizzatore per la società, una sorta di sfogo. Così spesso vediamo emergere il peggio nelle persone”.

Modifiche strutturali

Tuttavia, la Federcalcio italiana ha intrapreso diverse iniziative in passato per ridurre il razzismo nel calcio.

Chiaramente nessun effetto.

Nessuna sorpresa per Haak, che ha visto che diverse campagne sono state completamente mal gestite: “Come quando un artista ha dipinto delle … scimmie. organizzando iniziative del genere all’estero”.

Secondo Haak, anche i media dovrebbero fare di meglio: “È stato sorprendente che questo non fosse un tema nei tre principali quotidiani di oggi. È stato solo dopo che il resto dell’Europa è saltato su di esso. che si sono svegliati. (sigh) poca attenzione , ma questa dovrebbe essere una grande novità ogni volta”.

Anche se la vera chiave per le soluzioni è altrove, secondo il giornalista: “Troppo spesso vediamo la melodia: i rumori razzisti pubblicizzano e diventano una rivolta. La rivolta dura due giorni e ricomincia. La struttura era semplicemente pessima. per molto tempo per vietare definitivamente il razzismo, spesso vengono prese misure insufficienti. Questo deve cambiare”.

Altrimenti, i numeri continueranno ad accumularsi…

READ  38 morti e oltre 50 feriti durante un comizio religioso - Corriere.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *