Dopo l’ondata di Omikron: “Molti residenti di Bruxelles ora sono immuni dal corona”

Negli ultimi sei mesi, 282.000 residenti di Bruxelles sono risultati positivi al corona virus. In combinazione con la buona vaccinazione della popolazione anziana e le infezioni non rilevate o non registrate, ciò porta a un’immunità abbastanza buona nella popolazione di Bruxelles, secondo l’ispezione sanitaria di Bruxelles. A metà marzo si valuterà se i centri di vaccinazione debbano rimanere aperti.

Lo ha annunciato Inge Neven, capo dell’ispezione sanitaria di Bruxelles, in occasione del settimanale sulla situazione corona.

“Questi 282mila residenti a Bruxelles di età superiore ai 12 anni sono stati principalmente testati negli ultimi due mesi”, precisa Neven. Di queste 282.000 persone risultate positive, il 41% non è stato vaccinato, il 42,5% è stato vaccinato due volte e il 14% ha ricevuto un richiamo.

“La buona vaccinazione della popolazione anziana, in combinazione con il richiamo e le infezioni subite, porta a un’immunità abbastanza buona nella popolazione di Bruxelles”, specifica Neven. “La percentuale di casi positivi ai test è quindi in diminuzione. E poi ci sono tutte queste persone che sono risultate positive, ma che non sono state sottoposte al test. Ecco perché riteniamo che una gran parte della popolazione sia ora immune. La domanda è: ovviamente, per quanto tempo durerà quell’immunità”.

punti buoni

Inoltre, tutti gli indicatori dell’epidemia continuano a muoversi nella giusta direzione. Ad esempio, la percentuale di pazienti affetti da corona in unità di terapia intensiva è scesa dal 31% al 25% entro una settimana. Il valore di riproduzione del virus scende a 0,61, il che significa che il virus perde molta forza.

Sebbene l’incidenza rimanga elevata a 2.263 casi ogni 100.000 abitanti, la cifra continua a diminuire. “Adesso è il più basso di tutto il Paese”, ha detto Neven, forse a conferma della buona immunità della popolazione di Bruxelles.

READ  Perché puoi dire "io me"

Inoltre, vengono ancora effettuati da 1.500 a 2.000 primi scatti a settimana. Proseguirà anche il booster shot, anche se solo una parte abbastanza limitata della popolazione è stata potenziata a Bruxelles rispetto alle Fiandre. “Eppure vediamo tra gli over 65 che l’82% delle persone completamente vaccinate ha ricevuto anche un’iniezione di richiamo”.

I solleciti per i ragazzi di età compresa tra 12 e 17 anni non vengono ancora somministrati a Bruxelles. “Dobbiamo aspettare il parere del Consiglio superiore della sanità e dell’Agenzia europea per i medicinali per questo. I giovani possono andare nelle Fiandre se i centri di vaccinazione lo offrono, ma non li dirigeremo soprattutto ora, perché allora potremmo così come organizzarlo noi stessi.” disse Cugini.

Chiusura dei centri di vaccinazione

In vista del miglioramento della situazione epidemiologica, la Commissione Comunitaria mista prevede di chiudere (per il momento) alcuni centri di vaccinazione. “Abbiamo sempre pianificato di valutare se mantenere aperti o meno i centri di vaccinazione entro metà marzo”, afferma Neven. “L’idea è di mettere alcuni centri in modalità ibernazione, perché potremmo averne bisogno di nuovo in autunno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *