dramma a bordo e caos in pista, “telefonate alla polizia” – Libero Quotidiano

Una prova sensazionale, quella vissuta da 153 turisti, per lo più pugliesi, “prigionieri dell’aereo. O meglio, ostaggi”. Tutti a bordo di un aereo Ryanair che li deve trasportare da Bari a Zante, Grecia. Il volo era previsto per le 10:40 di oggi, ma come scrive il Corriere della Sera non partirà prima delle 14:10 “per motivi di traffico”. Lo hanno spiegato a bordo i membri dell’equipaggio, che hanno risposto alle ovvie lamentele dei passeggeri.

Il punto, come hanno spiegato alcuni passeggeri, è che le operazioni di imbarco erano state effettuate nonostante il prevedibile posticipo dell’orario di partenza, costringendo i passeggeri a rimanere a bordo per lungo tempo. Un passeggero arriva a lui correrebbe: “E qui c’è molta gente che inizia a salire e scendere con la mascherina”. E la tensione sta montando, ovviamente, come tutti sappiamo al tempo della pandemia.

I passeggeri hanno quindi chiesto di scendere dall’aereo e rimanere sulla pista, in attesa della partenza, circostanza però categoricamente esclusa dall’equipaggio di Ryanair. E ancora, un insegnante a bordo si è lamentato: “Siamo in tanti ad aver chiesto l’acqua, ma siamo fatti pagare, come se fosse un vantaggio e non una necessità vista la situazione”. Ma non è tutto: alcuni passeggeri hanno anche chiamato la polizia e le forze dell’ordine per denunciare l’accaduto.

Terrore in quota, il drone prende di mira un aereo di linea: la follia di un pensionato finisce male

Video su questo argomento

READ  Peugeot 308: annunciati i prezzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *