È morto Gerd Muller, centravanti storico del Bayern e della Germania Ovest

Campione d’Europa nel 72 e campione del mondo nel 74: in entrambe le finali ha segnato i gol decisivi. Pallone d’Oro nel 1970. Dal 2008 soffre di demenza

Uno dei più grandi attaccanti che il mondo del calcio abbia mai visto se n’è andato. Gerd Müller è morto all’età di 75 anni nella sua casa. Era malato dal 2008 di demenza. Proprio a causa della sua malattia, Müller non si vedeva in pubblico da diversi anni.

Gerd è nato il 3 novembre 1945 a Monaco di Baviera ed è considerato il più grande centravanti tedesco della storia. Con la Germania Ovest, è stato campione d’Europa nel 1972 e campione del mondo nel 1974, segnando i gol decisivi in ​​entrambe le finali. Con il Bayern Monaco, squadra di cui è capocannoniere di tutti i tempi, ha vinto 4 scudetti tedeschi, 4 coppe nazionali, 1 coppa delle coppe, 3 coppe europee (consecutive, da 74 a 76) e un taglio intercontinentale. Ha anche vinto un Pallone d’Oro (1970) e due Scarpe d’Oro (1970 e 1972). In 788 partite ha fatto la bellezza di 730 gol. Ha iniziato la sua carriera nelle giovanili della squadra della sua città natale, il Nördlingen, prima di trasferirsi al Bayern nel ’64 per rimanerci fino al ’79. Ha concluso la sua carriera negli Stati Uniti indossando la maglia dei Nasl Fort Lauderdale Strikers.

Patologia

Lo scorso novembre sua moglie Uschi aveva descritto a Bild la situazione di Gerd, che aveva vissuto per cinque anni in una casa di cura. “Sta a letto quasi 24 ore al giorno. Raramente ha momenti di veglia, è così bello quando apre gli occhi, anche se solo per pochi minuti”. In un batter d’occhio, può rispondere sì o no alle domande che gli facciamo. A volte guardiamo la televisione insieme, anche se lui non capisce”.

READ  Covid, l'indice nazionale Rt scende di nuovo: ora è 0,78 | Terapia intensiva, nessuna regione al di sopra della soglia critica | CHI: i morti sono tre volte gli ufficiali

Ultimamente la situazione era peggiorata: “Gerd dorme proiettato verso la propria fine. Tiene gli occhi chiusi, prende solo poltiglia. Mi fa sentire calmo e sereno, non credo di provare dolore. Dorme verso l’aldilà. Spero solo che non possa riflettere sul suo destino e sulle condizioni attuali”. Oggi se n’è andato.

reazioni

“La notizia della morte di Gerd Müller ci tocca tutti profondamente – ha affermato Oliver Khan, amministratore delegato dei bavaresi -. È una delle più grandi leggende della storia del Bayern, i suoi successi sono senza precedenti e faranno per sempre parte della grande storia del nostro club e di tutto il calcio tedesco. Come giocatore e come persona, Gerd Müller era unico per il Bayern. Gerd sarà nei nostri cuori per sempre”.

“Oggi è un giorno triste per il Bayern e per tutti i suoi tifosi”, ha aggiunto il presidente del club Herbert Hainer. Gerd Müller è stato il più grande attaccante di tutti i tempi e una brava persona, una personalità nel calcio mondiale. Siamo vicini con profondo dolore a sua moglie Uschi e alla sua famiglia. Senza Gerd il Bayern non sarebbe il club che tutti amiamo oggi. Il suo nome e il suo ricordo vivranno per sempre”.

Al lutto si è unito Stefan Effenberg, ex giocatore della Fiorentina e capitano bavarese: “Che sia per il Bayern, per il calcio tedesco o per il calcio mondiale, Müller ha avuto un impatto enorme. Le parole sono difficili da trovare. Personalmente è sempre stato un grande onore per me scambiare idee con lui, era anche solo un uomo molto, molto grande sotto tutti i punti di vista”. “Müller è stato uno dei più grandi marcatori di tutti i tempi, non solo in Germania ma nel mondo – aggiunge Rudi Voller, ex attaccante della Roma e ora general manager del Bayer Leverkusen – è stato ovviamente un modello anche per me in quanto attaccante. È un giorno triste per il calcio, i successi di Gerd saranno ricordati”.

READ  Nuovo Dpcm, vertice governo-regioni per misure anti-Covid: le ipotesi sul tavolo. Giovedì si è riunito un nuovo vertice

Schweinsteiger e Lineker

Poi un altro grande ex del Bayern, Bastian Schweinsteiger su Twitter: “Grazie Gerd! Senza di lui il Bayern non sarebbe quello che è oggi e la maggior parte delle nostre carriere probabilmente non sarebbe stata possibile. I miei pensieri sono con la sua famiglia. ”“ Sono così dispiaciuto per la notizia della morte di Gerd Muller – ha detto Gary Lineker – Amavo guardarlo da bambino e ho imparato molto da lui. Il miglior attaccante in area di rigore che abbia mai visto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *