E PostePay? “Carta bloccata” è il nuovo inquietante messaggio che ha raggiunto molti

Se hai ricevuto un avviso PostePay che la tua carta è bloccata, dovresti stare molto attento. Qui perché.

Quello che succede agli utenti di PostePay è in realtà una truffa – Androiditaly.com

La lettera PostaPay è uno dei più usati in assoluto. È molto comodo da usare per qualsiasi tipo di pagamento, è molto facile da riempire e può essere utilizzato anche per i pagamenti online. Questo è associato con a costo di gestione molto basso, che comunque prevede diversi scatti in relazione al tipo di carta acquistata.

LEGGI ANCHE: PostePay, finalmente arriva la notizia che molti aspettavano che semplificherà il suo utilizzo

Se tutto questo ci permette di definire PostePay come una mappa molto comodo, e quindi molto diffuso, d’altronde la sua popolarità rischia di intaccare la propria sicurezza. Gli strumenti che ci consentono di effettuare pagamenti, soprattutto quando si tratta di Internet, sono sempre da utilizzare con il massima attenzione.

Ciò potrebbe portare alcuni utenti a clic errati, magari su un link sconosciuto o, peggio, a fornire dati attraverso pagine che sembrano a tutti gli effetti siti ufficiali. Ricordiamo agli utenti che, in queste situazioni, è necessario esercitare la massima cautela per evitare di ritrovarsi vittima della truffa.

Il messaggio dice “Carta bloccata”

Molti proprietari di PostePay ricevono messaggi che la tua carta è stata bloccata. Certo, è un evento raro, soprattutto quando ingenti somme di denaro non si muovono, ma sono comunque possibili. Molti poi rispondono al messaggio fornendo dati sensibili.

app con pagamento posticipato
Dobbiamo stare molto attenti a verificare che ci chiede che i dati siano una fonte ufficiale – Androiditaly.com

Il problema sono questi messaggi non sono ufficiali, cioè non sono del personale di PostePay. In alcuni casi, alcuni utenti hanno persino segnalato di aver ricevuto bandi con gli stessi obiettivi. I dati forniti sono quindi finiti in possesso degli ideatori di quello che è appunto a frode.

READ  Bancomat, evita i prelievi se noti questo: brutta sorpresa

Numeri di carta, codici, password: tutto è stato raccolto e poi utilizzato per effettuare prelievi fino a migliaia di euro. Tutto questo, da parte dei truffatori, è estremamente facile, poiché una volta che hanno i dati di una carta, questa diventa “praticamente” di loro proprietà, nel senso che possono farcela come meglio credono.

LEGGI ANCHE: PostePay tassata: assurdo ma una nuova tassa toccherà la carta Poste ampiamente utilizzata

Se anche tu hai ricevuto uno di questi messaggi, ti consigliamo di farlo Fai attenzione. La prudenza in questi casi non è mai eccessiva: paga assicurati al 100% che la fonte da cui provengono tali comunicazioni è PostePay.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *