È vietato conservare una copia e la data di scadenza

Guido Scorza, membro del Garante per la protezione dei dati personali, avverte i titolari di palestre e centri sportivi: proibito conservare una copia del Green Pass con il Data di scadenza. L’ente ha ricevuto diverse segnalazioni su questo tipo di richiesta, ritenuta necessaria per l’iscrizione o la partecipazione. Nel frattempo, l’emendamento su 12 mesi la validità del certificato verde.

È vietato richiedere copia del Green Pass

A seguito dell’entrata in vigore dell’obbligo di Green Pass Numerosi reclami in merito alla procedura di verifica sono pervenuti da diverse società. Per non perdere tempo a controllare i certificati dei clienti, qualcuno ha pensato di effettuare il controllo in anticipo, come ha sottolineato l’Avv. Guido Scorza. Alcune palestre richiedono l’invio di a copia del Green Pass, accompagnato dal certificato di sana e robusta costituzione.

Scorza ricorda che l’unico metodo autorizzato è il controllo dell’ingresso da parte delApplicazione VerificaC19, perché viene determinata solo la validità del certificato. L’analisi non rivela la condizione (vaccino, tampone o cura) che ha portato al rilascio del Green Pass o alla sua data di scadenza.

Queste due informazioni sono piuttosto presenti sulla copia del certificato, quindi le palestre si impegnano a violazione della disciplina in materia di protezione dei dati personali. È quindi E’ assolutamente vietato richiedere e conservare copia del Green Pass, perché i database (non sicuri) si moltiplicherebbero con più informazioni del necessario.

La data di scadenza mostra se il cliente ha ricevuto il vaccino, ha prelevato il campione o ha avuto il virus. Inoltre, la copia non è più valida se l’abbonato era contagiati prima della scadenza. Senza il controllo degli accessi, potrebbe infettare altri frequentatori di palestra.

READ  Nuova Toyota Rav4 Hybrid Black Edition, il SUV si veste di nero

L’emendamento adottato ieri si estende a 12 mesi la validità del Green Pass per i cittadini vaccinati con due dosi e per i guariti vaccinati con una dose. Il certificato può essere ottenuto anche con a test della saliva. La notizia dovrebbe essere approvata dal parlamento la prossima settimana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *