Ecco una foto di un’incredibile esplosione di raggi X da un buco nero

Questa foto di incredibile bellezza è stata appena pubblicata sul sito ufficiale della NASA: possiamo ammirare l’effetto degli “echi luminosi” di un buco nero, ovvero questi anelli concentrici emessi nei raggi X da un mostro cosmico a quasi 7.800 anni luce dalla Terra.

L’immagine è stata catturata utilizzando il Osservatorio a raggi X Chandra della NASA (famoso per le sue foto uniche e bizzarre), combinando i dati con le indagini effettuate da Esploratore Swift Gamma Ray Burst (SWIFT). L’origine di questi curiosi anelli concentrici è un buco nero situato nel sistema binario V404 Cygni, parte di quello che viene chiamato microquasar.

Il buco nero attrae attivamente la materia da una stella compagna – circa la metà della massa del Sole – creando un disco di accrescimento attorno all’oggetto invisibile. Questa materia vorticosa, spinta a velocità vertiginosa, brilla in varie emissioni dello spettro elettromagnetico ma soprattutto nei raggi X.

Il 5 giugno 2015, SWIFT ha scoperto una singolare e potente emissione di raggi X (una vera e propria esplosione) da V404 Cygni, generando ciò che vediamo nella foto come anelli ad alta energia, creando un effetto noto come “eco di luce“È stato possibile osservarli perché i raggi X del buco nero – in viaggio verso la Terra – si scontrano con la materia interstellare, come la polvere cosmica, lasciando ‘firme’. In questa illustrazione grafica puoi capire meglio come sono stati prodotti i cerchi di luce.

Gli anelli che vediamo nella foto in calce alla notizia possono dire molto: non solo ci dicono molto sul comportamento dei buchi neri, ma ci danno anche un’idea dell’ambiente cosmico che circonda questi mostri cosmici.

READ  Ciò che era semplice sembra diventare ogni giorno più complesso

Quello che non deve ingannarci è la “profondità” che non può essere espressa nella foto: sebbene i cerchi sembrino essere sullo stesso piano, in realtà sono ordinati e distribuiti su tutta la distanza tra la Terra e V404 Cygni. I cerchi più grandi sono i “più vicini” al nostro pianeta, mentre i più sottili sono i più lontani.

Diritti immagine: NASA / CXC / U. Wisc-Madison / S. Heinz et al./IR: Pan-STARRS.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.