Energia più costosa: ma giochi variabile o opti per la certezza?

Energia più costosa: ma giochi variabile o opti per la certezza?

La risposta a questo non può essere risolta con un semplice “scegli fisso” o “scegli variabile”. Ha a che fare con 1: tariffe attuali, 2: aspettative sui prezzi futuri dell’energia, 3: con gli sviluppi della guerra in Ucraina e, soprattutto, 4: con il proprio carattere.

Li esamineremo tutti e quattro.

1. Tariffe attuali

Logicamente, controlla le tariffe e confronta quelle dei diversi fornitori. Perché queste tariffe non sono certo sempre le stesse. “Un certo numero di fornitori applica tariffe elevate, con altri la tariffa variabile è ragionevole. È uno spreco di portafoglio se inconsapevolmente scegli la costosa tariffa variabile”.

Così dice l’esperta di energia Sinie Oskam del sito di confronto Gaslicht.com. Vede che le domande in quest’area stanno aumentando e ora che c’è di nuovo qualcosa tra cui scegliere, possono anche consigliare meglio. “In primavera abbiamo detto: siediti dove sei. Ma nelle ultime settimane c’è stata più offerta”. Quando si conclude un nuovo contratto, la cosa più importante è: fare una buona ricerca.

2. Tassi futuri

Se opti per un CDI, sei nel posto giusto se i prezzi continuano a salire. Se le tariffe scendono per qualsiasi motivo, non ne trarrai vantaggio. Tu scegli la certezza.

È bello vedere quali sono i possibili premi nel (prossimo) futuro. L’economista energetico Hans van Cleef di ABN Amro afferma che il prezzo all’ingrosso del gas per il prossimo inverno è ora di 101 centesimi per metro cubo. Questo potrebbe non significare molto per te, ma anche le tariffe del fornitore di energia sono determinate in base a questi prezzi. Quei 101 centesimi sono molto alti.

READ  Il VVD segue PvdA e CDA (grazie a Mark Rutte)

Molto alti, quindi, ma la domanda è se aumenteranno ulteriormente. In tal caso, accetterai un contratto a tempo indeterminato. Ma non c’è molto da dire al riguardo. “Non sai come andrà la guerra. La situazione è incerta”, ha detto il portavoce dell’Associazione dei consumatori Babs van der Staak.

C’è ancora qualcosa da dire a lungo termine. I prezzi previsti per l’inverno 2023 sono già leggermente inferiori, ma ancora alti a 80 centesimi, afferma l’economista Van Cleef. E va sempre detto: è solo un’aspettativa. Con la situazione attuale, tutto può cambiare così.

I prezzi scenderanno dopo il prossimo anno. Alla fine, anche sotto i 50 centesimi, Van Cleef lo sa. Ma le compagnie energetiche non vanno così lontano con i loro contratti. Troppa incertezza, quindi un contratto annuale è spesso il massimo raggiungibile.

3. Sviluppi in Ucraina

Già citato più volte in precedenza e quindi anche molto rilevante, il guerra in ucraina† L’economista Van Cleef afferma: “Se l’intera guerra finirà la prossima settimana, i prezzi della benzina cadranno di nuovo.

La guerra non dovrebbe finire presto, ma mostra quanta influenza ha il presidente russo Putin sulla nostra bolletta energetica. “Nessuno lo sa, non sai come andrà a finire”, afferma Van der Staak dell’Associazione dei consumatori.

Quindi può essere migliore, ma anche molto peggio. Ciò che incide anche sui prezzi sono le riserve per il prossimo inverno. La Gazprom russa, ad esempio, chiude il rubinetto del gas ai Paesi Bassi, il che rende più difficile riempire le riserve nei Paesi Bassi. “Non abbiamo ancora raggiunto il 50% di quelle riserve per il prossimo inverno”, afferma Van Cleef.

READ  Come ti muovi? Patrick (26): 'Faccio catering per divertimento' | ADESSO

Se queste riserve non sono effettivamente riempite a sufficienza, c’è da sperare che non faccia troppo freddo. “Con un inverno rigido, abbiamo davvero un problema serio. Quindi potrebbero esserci parti che non possono più essere consegnate”.

4. Il tuo carattere

“Non esiste la sfera di cristallo”, “nessuno sa cosa accadrà” e: “non esiste una risposta già pronta”. Anche gli esperti di questo articolo non sanno quale sarà il prezzo dell’energia tra un anno. E quindi la domanda su cosa fare, fisso o variabile, non può essere risolta all’istante. Attualmente, il 50% degli olandesi ha un contratto flessibile e l’altra metà un contratto a tempo indeterminato. Così ben distribuito.

Il tuo personaggio prende la decisione finale. “Le persone a cui piace la certezza saranno felici di questa scelta”, afferma Van der Staak dell’Associazione dei consumatori. E Sinie Oskam di Gaslicht.com: “Con cosa ti senti a tuo agio? Le tariffe potrebbero aumentare nuovamente il prossimo inverno. La sicurezza può essere un’opzione seria, quindi scegli la certezza. nel prossimo futuro, cadrà.

Ma sì, è anche possibile che i prezzi scendano davvero, e che con il tuo CDI paghi poco più dei tuoi vicini, che hanno scommesso e concluso un contratto variabile. Può – ripetiamo – andare in entrambe le direzioni.

Ancora. C’è una scelta, che è buona, dice Van der Staak: “Darà tranquillità a un gruppo di persone”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *