Fare il pieno più caro, affittare il più possibile: cosa cambierà per il portafoglio dal 1° luglio?  – Controllo

Fare il pieno più caro, affittare il più possibile: cosa cambierà per il portafoglio dal 1° luglio? – Controllo

Fare il pieno più caro, affittare il più possibile: cosa cambierà per il portafoglio dal 1° luglio?  – Controllo

Oggi

Tempo di lettura 4 minuti

37480 visualizzazioni

Potere d'acquisto del denaro del portafoglio 1127

È quasi ora. Dal 1 luglio 2023 le cose cambieranno di nuovo, il che potrebbe influire sul tuo portafoglio. Quali misure hanno un effetto positivo o negativo? In questo articolo, elenchiamo gli otto più importanti.

1 – Aumento delle accise su benzina e gasolio

Il carburante è diventato molto più costoso ultimamente, ma il rifornimento costerà ancora di più dal 1 luglio 2023. I prezzi del carburante sono adeguati all’inflazione. E il accise su benzina e gasolio risale di nuovo. Nell’aprile 2022 è stata introdotta un’altra riduzione delle accise con l’aumento vertiginoso dei prezzi dell’energia. Ma questa misura è stata ora revocata. Sul sito del governo centrale dichiara quanto segue:

  • L’accisa sulla benzina sarà di 789,10 euro per 1000 litri dal 1° luglio (era 650,71 euro dal 1° aprile 2022).
  • L’accisa sul gasolio sarà di 516,25 euro per 1000 litri dal 1° luglio (era 417,46 euro dal 1° aprile 2022).
  • L’accisa sul gas auto sarà di 344,74 euro per 1000 chilogrammi dal 1 luglio (era 284,29 euro dal 1 aprile 2022).

2 – Paga extra per bicchieri di plastica e pacchi pasto

Molta plastica viene ancora spesso utilizzata per caffè da asporto, patatine fritte con patatine fritte o un pasto preconfezionato. A partire dal 1 luglio 2023 le aziende non sono quindi più autorizzate a regalare bicchieri di plastica e involucri per i pasti. Dovrai pagare un extra per questo da quel momento in poi. Le aziende possono decidere autonomamente l’importo.

Gli imballaggi senza plastica e a base di carta, invece, eludono la tassa. Il testo continua sotto il link.

3 – L’abbonamento telefonico sta diventando sempre più caro

I prezzi dei due maggiori fornitori Ziggo e KPN utilizzano una “correzione dell’inflazione”; un aumento della percentuale di inflazione. A partire dal 1° luglio 2023, come cliente di questi corrieri, pagherai di più ogni mese. Ziggo aumenta il prezzo medio dell’abbonamento di non meno dell’8,5%. Anche KPN sta aumentando il prezzo del 6,4%, con un massimo di 4 euro al mese.

READ  Un'ondata di caldo e prezzi esorbitanti dell'elettricità, ma ancora nessun piano di risparmio per l'aria condizionata | ADESSO

4 – Aumentano gli affitti

Se il tuo affitto viene aumentato, di solito accade il 1 luglio. Una volta all’anno, i proprietari possono aumentare l’affitto se lo hanno annunciato due mesi prima e ti hanno comunicato la possibilità di opporsi.

Per l’edilizia sociale vale quanto segue: il locatore può aumentare l’affitto fino a un massimo del 3,1% per un canone mensile di 300 euro o più. Stai pagando meno di 300 euro? Quindi, il proprietario può riscuotere fino a 25 euro aggiuntivi al mese.

Il tuo reddito è superiore a 48.836 euro come single o 56.513 euro in un nucleo familiare composto da più persone? In questo caso, è consentito un aumento dell’affitto maggiore. Naturalmente, questo è determinato dal tuo reddito.

Inoltre, un aumento massimo del 3,1% si applica anche a camere, roulotte e piazzole. Stai affittando una casa dal settore privato? In questo caso, dal 1° gennaio è in vigore un massimo del 4,1%.

Leggere qua scopri di più sugli aumenti degli affitti a partire dal 1° luglio 2023.

5 – Riduzione degli assegni familiari

Gli assegni familiari nel nostro Paese seguono l’evoluzione media dei prezzi. Dal momento che l’inflazione è scesa leggermente, il Assegni familiari. Puoi vedere quanto cambia di seguito:

  • Bambino fino a 5 anni compresi: 261,70 euro a trimestre (8,06 euro in meno rispetto ad oggi)
  • Bambino da 6 a 11 anni: 317,77 a trimestre (9,79 euro in meno rispetto ad oggi)
  • Bambino da 12 a 17 anni: 373,85 euro (11,52 euro in meno rispetto ad oggi)

All’inizio di ottobre genitori e tutori riceveranno per la prima volta il nuovo importo ridotto.

6 – Maggiorazione interessi di imposta

7- Il tasso di interesse massimo dei prestiti aumenta

I prestatori possono ora addebitare un interesse massimo del 12% per un prestito. Sarà dal 1 luglio 2023, un massimo del 14%. “In risposta a ciò, gli istituti di credito che si stanno già avvicinando al 12% con i loro tassi di interesse li aumenteranno nel prossimo futuro”, prevede Amanda Bulthuis, esperta di denaro e assicurazioni presso il sito di confronto finanziario geld.nl.

Per i prestiti personali, Bulthuis prevede che i tassi di interesse per importi di prestito inferiori aumenteranno in particolare dopo il 1 luglio. “Stiamo già vedendo gli istituti di credito addebitare interessi dell’11,9 o del 12% per prestiti fino a 2.500 euro. Con tali importi, gli istituti di credito saranno quindi i primi a utilizzare il margine aggiuntivo che ne deriva se autorizzati a chiedere un massimo del 14%.

8 – Il salario minimo e l’AOW aumenteranno

Una nota positiva è l’aumento del salario minimo. Dal 1 luglio aumenterà di 3,1%. Vuoi saperne di più su questo cambiamento? Quindi leggi l’articolo qui sotto.

Oltre al salario minimo, aumenterà anche la pensione statale. Ci sarà un totale di circa il 2 percento, sia lordo che netto.

Fonti: Business Insider Paesi Bassi, MAX Today, governo centrale, Meijburg.nl, Belastingdienst, Kassa, Ziggo, KPN, ct.nl

Di più:

accise, diesel, essenza, Involucro di plastica, abbonamento telefonico, affittare, Assegni familiari, interessi fiscali, pronto, salario minimo, OH, 1 luglio 2023

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *