“Felice di tornare a casa. Facciamo saltare in aria San Siro”

Zlatan Ibrahimovic (Foto AC Milan)

ULTIME NOTIZIE NEWS MILANO – L’arrivo di Zlatan Ibrahimovic in Italia, all’aeroporto di Milano-Linate. Lo svedese doveva atterrare alle 23:00, ma l’aereo ha riportato un leggero ritardo: atterraggio alle 23:30.

Queste sono le sue prime parole, pronunciate in diretta sui social network e le applicazioni ufficiali del Milano: “Sono molto contento, alla fine va tutto bene. Potrei tornare dove mi sento a casa. Ora dobbiamo lavorare e andare avanti. Il riscaldamento è finito? Ora iniziamo a lavorare e portiamo più risultati. Dobbiamo continuare, quindi come ho sempre detto, non sono una mascotte ma per portare risultati, aiutare la squadra e riportare il Milan al suo posto“.

“Abbiamo fatto bene negli ultimi 6 mesi, ma non abbiamo vinto nulla. Devi lavorare sodo e fare sacrifici per raggiungere i tuoi obiettivi. Io sono magro. Un grande saluto ai fan, spero che possiate tornare presto allo stadio per aiutarci perché abbiamo bisogno di voi, facciamo esplodere San Siro insieme, andiamo sempre al Milan! “.

Ibrahimovic-Milan: terzo atto

L’avventura di Ibra ricomincia con il Milano. Il rinnovo del contratto è ormai completo: trovato l’accordo con il club. Zlatan riceverà uno stipendio ‘mostro” da oltre 38 anni: 7 milioni di euro netti, senza inserire un bonus vincolante.

Un grande spreco economico per i rossoneri, convinti però che l’impatto dello svedese vada oltre le semplici prestazioni in campo. E in effetti il ​​cambio di rotta Milano con lui in squadra, da gennaio 2020, e soprattutto nel post-lockdown, è stato semplicemente straordinario.

Ibrahimovic rappresenta la continuità del progetto avviato da pochi mesi e che dall’inizio del nuovo anno ha portato grandi risultati. Purtroppo non erano sufficienti per raggiungere il Champions League, ma la strada sembra a posto. E deve essere percorso, e continuato, con Zlatan a bordo.

READ  Atalanta, che spettacolo. Goal poker anche nella Lazio

Ora Ibra eseguirà il buffer, obbligatorio per chi rientra dall’estero e deve riprendere un’attività sportiva. Tutti i compagni di squadra hanno già fatto il test, alcuni a Milanello, alcuni in forma privata.

FUTURO KRUNIC-CALABRIA: ECCO LA STRATEGIA DEL MILAN >>>

DONNARUMMA, SUPER OFFERTA PRESTITO DI CHELSEA >>>

TONALI-MILAN: ULTIMI AGGIORNAMENTI >>>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *