Fiat Panda 4×4, che potenza su neve e ghiaccio: il video della performance

La Fiat Panda 4 × 4 in azione su neve e ghiaccio: lo spettacolare video della performance del “Pandino”

Fiat Panda 4 × 4 (screenshot Youtube)

Il Fiat Panda è l’auto più venduta del marchio italiano, un vero evergreen sin dalla sua prima edizione nel 1980. Un vero successo, amato dagli italiani sin dall’inizio e ancora oggi, con la nuova versione, continua ad essere leader nella classifica speciale di vendita.

Tuttavia, esiste la seconda versione, la 750 per così dire, che continua a deliziare gli appassionati del genere. E il 4 × 4 di questa fascia è stato protagonista della pista di ghiaccio di Livigno, in Lombardia. Un modello sicuramente rivisitato rispetto all’originale, con ogni probabilità sotto il cofano, visto il rombo del motore.

La versione originale, la seconda della serie Panda, incorpora la trazione integrale, che è davvero potente e in grado di affrontare tutti gli ostacoli possibili e immaginabili. Un motore di 34 cavalli con 770 cilindrata che salì a 45 o 50 nei 999 cc. Motori antincendio a 4 cilindri raffreddati a liquido.

LEGGI ANCHE >>> Fiat Panda 4 × 4 traina la Range Rover sulla neve, che potenza | video

Fiat Panda 4 × 4 in azione a “The Ice Challenge 2021” Livigno

La versione completa è stata sviluppata dagli austriaci Steyr-Puch, per la prima volta 4 × 4 con motore trasversale per una city car. Il motore aveva 48 cavalli e 965 cilindrate. La trazione integrale è stata selezionata manualmente, con prima marcia ridotta.

Carrozzeria gialla con paraurti – anteriore e posteriore – in blu come gli specchietti e il grande alettone, la Panda in questione e protagonista del video, ha fatto davvero una bella impressione sulL’Ice Challenge 2021Maneggevolezza, deriva e guida fluida, anche solida con trazione integrale che conferisce alla vettura grande stabilità.

READ  Ecoincentivi: la proposta, tramite il deposito di rottamazione

Un plauso per la piccola Fiat che non si è stupita di fronte ad altre auto molto più apprezzate e, soprattutto, più moderne e costose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *