Gatti ipoallergenici: quali razze hanno meno reazioni allergiche?

Gatti ipoallergenici: quali razze hanno meno reazioni allergiche?









In questo articolo

Gatti ipoallergenici: quali razze hanno meno reazioni allergiche?




deporre





Sei allergico ai gatti, ma vorresti portarne uno a casa? Puoi: adottare un gatto ipoallergenico. Quali razze di gatti hanno meno probabilità di provocare una reazione allergica?





Leggi anche: Da dove viene l’allergia al gatto?


Allergico ai gatti





Getty_cat_allergy_2023.jpg

© Getty Images

Le persone parlano spesso di allergie ai peli di gatto. Tuttavia, contrariamente alla credenza popolare, non sono i capelli stessi a causare l’allergia. Anche i gatti senza pelo (come lo Sphynx) possono causare reazioni allergiche. Il principale colpevole dell’allergia al gatto è una glicoproteina chiamata Fel d1. Questa sostanza è prodotta dalle ghiandole salivari e sebacee del gatto e dalle ghiandole lacrimali e anali (in misura minore). In altre parole, la sostanza è presente nella saliva, nel sudore, nelle lacrime o nelle urine del gatto, e quindi nella lettiera.

Quando il gatto si pulisce, ricopre la sua pelliccia con questa proteina. Quando il gatto perde il pelo o si gratta, Fel d1 si diffonde facilmente nell’aria, attaccandosi a tappeti e vestiti. Questo spiega anche perché si può subire una reazione allergica se il gatto non c’è.

Leggi anche: Come riconoscere un’allergia?









Razze di gatti ipoallergenici





Nessun gatto è veramente ipoallergenico. Tutti i gatti producono la proteina Fel d1. Ipoallergenico significa che il rischio di allergia è molto più basso. Gli studi hanno dimostrato che alcune razze di gatti producono meno Fel d1 e quindi causano meno reazioni allergiche. Elenchiamone alcuni:

  • Il gatto siberiano: Uno studio sui gatti siberiani ha dimostrato che la specie è caratterizzata da una variante genetica che influenza la secrezione di Fel d1. Non è noto se l’effetto ipoallergenico sia dovuto alla scarsa produzione della proteina o se la proteina stessa abbia un effetto meno allergenico. Tuttavia, alcuni gatti siberiani sono più allergenici di altri.
  • Il gatto balinese (cugino del siamese): nonostante il pelo folto, il balinese produce meno Fel d1.
  • Il gatto del Bengala: Il Bengala è una razza di gatto corta e lucente che produce anche meno allergeni.
  • Il Devon Rex o la Sfinge sono talvolta menzionati negli elenchi di gatti ipoallergenici. Non producono meno Fel d1 degli altri gatti, ma hanno pochissimo pelo (per niente nel caso dello Sphinx), il che limita la diffusione degli allergeni.
Tieni presente che solo perché adotti un gatto ipoallergenico non significa che non avrai una reazione allergica. La tolleranza del gatto varia da persona a persona e da animale ad animale. Ecco perché è consigliabile trascorrere un’ora con il gatto prima di adottarlo. I segni di allergia includono starnuti, naso chiuso o che cola, prurito agli occhi, respiro sibilante o orticaria. Tuttavia, non puoi rispondere all’animale in questo momento, solo più tardi. La tua tolleranza per i gatti potrebbe cambiare. Dovresti anche sapere che un gatto ipoallergenico è costoso. Il prezzo di un gatto di razza varia dai 600 ai 3000 euro, e talvolta anche di più.

READ  Il laser più potente degli Stati Uniti si chiama ZEUS e ha una potenza di 3 petawatt (il peta è di 15 zeri)

Leggi anche: Immunoterapia delle allergie ai pollini, agli acari della polvere e agli animali






Perché l’effetto ipoallergenico non è garantito?





mailheader_123-allergic-pets-cat-cat-10-18.png

La quantità di allergeni prodotti da un gatto varia da animale ad animale. Possiamo quindi essere allergici a un gatto e non a un altro, anche se sono della stessa razza. L’età, il sesso, l’impronta genetica o lo stile di vita del gatto influenzano la produzione di Fel d1.

A proposito, un gatto produce almeno altri sette tipi di allergeni come Fel d2, Fel d4, Fel d7… Se sei sensibile a qualcuna di queste altre sostanze, adotta una delle razze elencate di seguito. qualsiasi risultato.

Leggi anche: Allergia agli animali: l’animale dovrebbe andarsene?






Quali sono i gatti più allergenici?





La produzione di Fel d1 varia notevolmente da un gatto all’altro, ma si evolve anche durante l’anno o addirittura la vita del gatto:

  • I gatti adulti secernono più Fel d1 dei gattini. Man mano che il gatto invecchia, la quantità di proteine ​​diminuisce nuovamente.
  • Non sorprende che i gatti a pelo lungo siano più allergenici.
  • I gatti maschi hanno maggiori probabilità di causare allergie rispetto alle femmine. Si pensa che la secrezione di Fel D1 sia collegata agli ormoni maschili (testosterone). Gli studi hanno dimostrato che i gatti maschi producono da 3 a 5 volte meno Fel d1 dopo la sterilizzazione.
  • Gatti a pelo chiaro: secondo uno studio svedese, i gatti neri producono in media due volte meno allergeni rispetto ai gatti a pelo chiaro. Tuttavia, altri studi contestano questi risultati.
  • Cambiare la dieta di un gatto potrebbe anche influenzare la produzione di Fel d1. La ricerca su questo è ancora in corso.
READ  la Stella di Betlemme è visibile ad occhio nudo. Ve lo diciamo noi quando e dove osservarlo »ILMETEO.it

Leggi anche: Cosa fare con un graffio di gatto?









Fonti:
https://dumas.ccsd.cnrs.fr
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov
https://www.ncbi.nlm.nih.gov
https://ctajournal.biomedcentral.com
https://www.ncbi.nlm.nih.gov
























Ultimo aggiornamento: maggio 2023


















Articoli sulla salute nella tua casella di posta? Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi un e-book gratuito con ricette sane per la colazione.













Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *