Giornata internazionale della donna nel mondo |  Informazione

Giornata internazionale della donna nel mondo | Informazione

Varie | 08-03-2023 | 12:38

Oggi celebriamo la Giornata Internazionale della Donna. Il Ministero degli Affari Esteri è impegnato per la partecipazione politica delle donne, l’emancipazione economica delle donne, la lotta contro la violenza contro le donne e l’attuazione della risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite su donne, pace e sicurezza. E questo è necessario. Scopri come si celebra la Giornata internazionale della donna nel mondo e come lo fanno le nostre pubblicazioni.

Argentina

Ogni anno, l’8 marzo, si svolgono diverse manifestazioni in tutto il Paese, che riuniscono decine di migliaia di persone. La più grande marcia di protesta si svolge sempre a Buenos Aires, con il Congresso Nazionale come epicentro. Gruppi femministi, partiti politici, organizzazioni sociali, istituzioni educative, sindacati, mondo dell’arte e della cultura e donne di tutte le età si stanno unendo per chiedere maggiore uguaglianza e rifiutare la violenza di genere. L’8 marzo, anche le donne di tutto il paese presenteranno il loro lavoro il più possibile per rendere visibili i tanti lavori invisibili che le donne fanno.

Ingrandisci immagine

Immagine: Getty Images

L’Argentina ha un forte movimento femminista. All’interno della lotta generale per i diritti delle donne, ci sono anche gruppi che sostengono questioni specifiche. Ad esempio, c’è un gruppo “Ni Una Menos” (Non uno di meno) che si impegna a combattere il femminicidio – l’uccisione di una donna perché è una donna. Per molto tempo c’è stato anche un grande movimento di tutti i tipi di organizzazioni diverse che si sono impegnate per il diritto all’aborto. Con risultato; la legge sull’aborto è finalmente entrata in vigore nel dicembre 2020.

Nonostante l’attenzione prestata ai diritti delle donne nel processo decisionale e l’ambizioso quadro legislativo, permangono molti problemi, come la violenza domestica e il femminicidio, la sovrarappresentazione delle donne nelle fasce più povere della popolazione e il divario retributivo.

Quest’anno, varie attività saranno organizzate dall’ambasciata olandese per parlare ai paesi dei diritti delle donne e dell’uguaglianza di genere. Ambasciatrici di diversi paesi che hanno un paese estero femminista o che stanno sviluppandone uno parleranno tra loro. Anche le donne leader nei settori dell’agricoltura, della logistica e dell’acqua si incontrano per discutere dei problemi.

Ucraina

Prima della guerra in Ucraina, durante la Giornata internazionale della donna si svolgevano tutti i tipi di attività ed eventi. Conferenze, presentazioni e incontri pubblici sono stati organizzati per promuovere l’uguaglianza di genere, le pari opportunità, i diritti delle donne e altre questioni correlate. Molte persone acquistano fiori, dolci e altri regali durante la Giornata internazionale della donna in Ucraina per colleghi, fidanzate, partner o parenti o altre donne importanti nella loro vita.

Nel 2020, i nostri colleghi dell’Ambasciata e l’Ambasciatore hanno partecipato all’annuale Marcia delle donne, che si è poi concentrata sulla ratifica e l’attuazione della Convenzione di Istanbul. Nel giugno 2022, la convenzione è stata ratificata dal presidente Zelensky. Per inciso, la fondatrice della Women’s March e anche vincitrice del 2022 Human Rights Postal Tulip, Olena Shevchenko, è stata recentemente nominata una delle “Donne dell’anno 2023” del TIME.

Quest’anno alcune donne saranno invitate alla residenza per un incontro informale. Queste donne provengono dal settore agricolo, dalla società civile, dal mondo degli affari e dal governo. Insieme, riflettiamo su cosa ha significato lo scorso anno di guerra per la posizione delle donne: il ruolo delle donne è cambiato? Come è cambiato il ruolo degli uomini? Vediamo che la posizione delle donne, ad esempio, nell’esercito, nel governo, nell’economia e anche nella famiglia è cambiata? Anche quest’anno, l’8 marzo non è un giorno da festeggiare, ma è un giorno per riflettere sull’impatto della guerra sulle donne e anche su come continuare a promuovere i diritti delle donne, anche durante la guerra e (presto) la ricostruzione.

Italia

Il Primo Ministro Rutte è oggi in visita in Italia e presenterà al Primo Ministro Meloni un mazzo di mimose. Durante la presentazione, il primo ministro Rutte rifletterà sull’importanza della leadership femminile e sullo sviluppo delle donne.

L’8 marzo le donne in Italia ricevono tradizionalmente mazzetti di piccole mimose gialle. Poco dopo la seconda guerra mondiale, la mimosa fu scelta come simbolo della Giornata internazionale della donna. All’epoca l’Unione Donne Italiane, un’organizzazione femminista, era alla ricerca di un fiore da utilizzare per l’occasione. La mimosa è stata scelta perché era uno dei pochi fiori che solitamente sbocciano a marzo; inoltre, era facile da trovare e relativamente poco costoso.

Ingrandisci immagine

Sebbene la tradizione della mimosa fosse originariamente un simbolo femminista e di sinistra, nel tempo ha perso il suo significato politico ed è diventata una pratica universale. È consuetudine che le donne si offrano reciprocamente delle mimose in segno di solidarietà femminile. Ma anche che gli uomini distribuiscano rami di mimosa alle donne per mostrare il loro rispetto e apprezzamento per il ruolo delle donne nella società. Essendo un paese incentrato sul cibo, troverai anche torte e pasta fatte con vivaci colori gialli per sembrare farina.

L’Italia ha visto grandi miglioramenti nell’uguaglianza di genere negli ultimi decenni, ma c’è ancora molta strada da fare. Secondo l’Istat, il tasso di occupazione delle donne nel 2022 sarà del 51,3% (rispetto al 69,6% degli uomini). Tuttavia, la Giornata internazionale della donna 2023 sarà la prima volta nella storia in cui il primo ministro Meloni e il leader dell’opposizione Schlein saranno donne.

Lituania

L’8 marzo, Giornata internazionale della donna, non è automaticamente designato come giorno festivo in tutti i paesi del mondo. La Lituania è stata occupata dall’URSS dal 1944 al 1990/91. Durante questo periodo, oltre ai kolkhoz (fattorie collettive) e alle cooperative, furono introdotte anche festività commemorative e pubbliche come l’8 marzo. La giornata rimane quindi inevitabilmente legata a questo tragico periodo di occupazione della storia lituana.

Da quando ha riconquistato la sua indipendenza, la Lituania ha superato molti traguardi. Il paese aveva già un presidente donna e attualmente il primo ministro e il presidente del parlamento sono donne. Le donne hanno anche maggiori probabilità di ricoprire posizioni di leadership negli affari, nel mondo accademico e nei media. Tuttavia, c’è ancora un mondo da vincere, ad esempio in termini di parità salariale.

L’8 marzo non è un giorno festivo in Lituania, ma ciò non significa che non vi prestiamo attenzione. Dai media, dalle ONG, ma anche dal governo. Inoltre, molti uomini comprano ancora fiori per le loro mogli in questo giorno. Ed è una giornata che offre l’occasione per muoversi e avere le discussioni necessarie. Al lavoro, in famiglia, a scuola, all’università e in un gruppo di amici. In sintesi, si potrebbe dire che la Giornata internazionale della donna torna utile ogni anno.

Ingrandisci immagine

Dal 2017, i Paesi Bassi hanno partecipato con 270 soldati alla Enhanced Forward Presence (eFP) in Lituania. La Giornata internazionale della donna ci offre un’eccellente opportunità per celebrare e convalidare la preziosa esperienza femminile all’interno dell’esercito. Nel 2022, l’Ambasciata ha ospitato un incontro con tutte le donne soldato eFP per discutere le sfide che le donne devono affrontare in particolare perché sono donne nell’esercito e in missione.

Quest’anno verrà pubblicato un messaggio sui social network dell’ambasciata con una foto di tutte le donne militari nell’attuale parte olandese dell’eFP in Lituania.

Ingrandisci immagine

Armenia

L’8 marzo è un giorno speciale per il popolo armeno poiché viene celebrato come Giornata internazionale della donna. È un giorno in cui le donne e le ragazze sono apprezzate e in cui uomini e ragazzi regalano a donne e ragazze fiori e altri doni. È un bellissimo gesto che riflette l’amore e l’apprezzamento del popolo armeno per le donne della loro vita.

Ingrandisci immagine

In questo giorno si svolgono anche vari eventi culturali, tra cui concerti e mostre. Questa giornata ci ricorda l’importante ruolo che le donne svolgono nella nostra vita ed è una celebrazione della loro forza, resilienza e bellezza.

Iran

In occasione della Giornata internazionale della donna, l’8 marzo 1979, si tenne a Teheran, in Iran, una marcia femminile. La marcia era originariamente prevista per celebrare la Giornata internazionale della donna, ma si è trasformata in proteste di massa contro i cambiamenti nei diritti delle donne durante la rivoluzione iraniana, in particolare l’introduzione dell’hijab (velo) obbligatorio, annunciato il giorno prima. Le manifestazioni durarono sei giorni, dall’8 al 14 marzo 1979, e vi parteciparono migliaia di donne.

In Iran, l’attenzione è rivolta ai diritti delle donne, compresa la partecipazione delle donne e la partecipazione al lavoro. Quest’anno i diritti delle donne sono sotto una luce diversa rispetto a quanto accaduto negli ultimi mesi. Dopo la morte della studentessa di 22 anni Mahsa Amini il 16 settembre 2022, migliaia di iraniani sono scesi in piazza. Uomini e donne manifestano per una maggiore libertà e pari diritti e anche per combattere l’oppressione subita dalle donne in Iran. Di conseguenza, tutto in Iran è ora sotto una lente d’ingrandimento e le opportunità per la comunità internazionale di riflettere sulla Giornata internazionale della donna sono limitate. Al fine di attirare l’attenzione e migliorare i diritti delle donne in Iran, diverse ambasciate dell’UE, tra cui quella dei Paesi Bassi, hanno congiuntamente video fatto e stanno condividendo questo video tramite i social media.

Alla vigilia della Giornata internazionale della donna, è stato adottato il pacchetto di sanzioni dell’Unione europea per la violenza sessuale e le violazioni su larga scala dei diritti delle donne. Ciò significa che gli individui e le organizzazioni colpevoli di violenza sessuale e violazioni dei diritti delle donne saranno ritenuti responsabili e inseriti in un elenco di sanzioni. Il pacchetto di sanzioni si concentra anche sull’Iran sanzionando il carcere femminile di Qarchak. Il pacchetto di sanzioni è un nuovo modo per aumentare la consapevolezza sulla violenza sessuale e inviare un segnale globale che tali azioni sono inaccettabili.

READ  Coronavirus, per il mondo è il giorno più nero: quasi 300mila nuovi casi su 24, mai così tanti. La Francia verso la maschera obbligatoria in compagnia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *