Gli esperti propongono una soluzione ferma alla crisi dell’accoglienza: “Tutti i giudici respingono” |  ADESSO

Gli esperti propongono una soluzione ferma alla crisi dell’accoglienza: “Tutti i giudici respingono” | ADESSO

Venerdì, il gabinetto ha presentato una serie di misure che dovrebbero risolvere la situazione di crisi dell’accoglienza. Ma gli esperti affermano inequivocabilmente che una parte significativa dei piani è legalmente insostenibile: “L’intero piano è per la scena. Un arresto per asilo non è affatto possibile. Ogni giudice lo getterà via”.

A causa della crisi dell’accoglienza, la coalizione VVD, D66, ChristenUnie e CDA vuole limitare temporaneamente il ricongiungimento familiare dei richiedenti asilo. Presto sarà più difficile per i richiedenti asilo recarsi nei Paesi Bassi al seguito dei loro parenti. La misura, che si applicherà fino al 2023, fa seguito al cumulo di abusi nell’accoglienza dei richiedenti asilo nei Paesi Bassi, in particolare a Ter Apel.

“Il diritto al ricongiungimento familiare dei rifugiati è un elemento fondamentale della Convenzione europea dei diritti dell’uomo”, afferma Saskia Bonjour, professore associato di scienze politiche all’Università di Amsterdam.

Bonjour è specializzato in politiche migratorie. “L’idea alla base di questa regola è che le famiglie non possono essere riunite nel paese di origine, ecco perché sono fuggite”.

“Il ricongiungimento familiare è una norma ampiamente supportata”

Anche i Paesi Bassi hanno firmato questo trattato in un contesto europeo. “In pratica, lasciare questo trattato significherebbe che i Paesi Bassi dovrebbero lasciare l’Unione Europea”, ha affermato Bonjour. “Il trattato è stato scritto perché si tratta di una norma ampiamente supportata: le famiglie dovrebbero stare insieme. Fortunatamente, quel sostegno è ancora lì in Europa”.

L’assistente professore di scienze politiche non capisce perché lo studio propone questo provvedimento se ogni avvocato del dipartimento ha bisogno di sapere quanto sia insostenibile questa costruzione. “Qualsiasi giudice, se diventa un caso, getterà questo piano nella spazzatura”, prevede Bonjour.

READ  'In The Hague': Robert-Jan non è stato assunto a causa del suo accento

“Ma questo tipo di procedure richiede molto tempo. Poi sei a un anno di distanza. Forse è la tattica dell’azienda: allenarsi e risparmiare tempo. Ma questo non ha nulla a che fare con il buon governo”.

“Il Gabinetto offre consigli invece di soluzioni”

Wil Eikelboom è presidente dell’Association of Lawyers and Asylum Advocates nei Paesi Bassi (VAJN). “L’azienda sta nuovamente optando per trucchi creativi invece di soluzioni strutturali e sostenibili”, sospira. “E il governo ignora il fatto che questo collo di bottiglia a Ter Apel è il risultato di dieci anni di cattiva politica. È sbagliato e sproporzionato far soffrire di nuovo i richiedenti asilo”.

L’attuale piano volto a ritardare teoricamente il ricongiungimento familiare non cambia la pressione ora esercitata sui luoghi di afflusso e di accoglienza. “Al contrario: la procedura per gli status holder richiede solo più tempo”, spiega Eikelboom. “Significa che queste persone devono rimanere più a lungo nei centri per l’asilo. Per non parlare dei problemi psicologici e dell’incertezza che gli imponete”.

L’Europa chiede che la procedura sia completata rapidamente

Il mancato ricongiungimento familiare dei beneficiari non interessa a nessuno, aggiunge Hello, docente universitario. “Le direttive europee prescrivono che se qualcuno ha ottenuto uno status, la procedura deve essere completata il prima possibile”, afferma.

“Ogni studio mostra anche quanto sia grave per i bambini ritardare il ricongiungimento familiare. Inoltre, è nell’interesse del Paese che ospita i rifugiati integrare queste persone il più rapidamente possibile”.

È vero che anche alcuni paesi, come Danimarca, Germania, Austria e Svezia, hanno sospeso per un certo periodo il ricongiungimento familiare durante la “crisi dei rifugiati” nel 2015. “Ma in questi paesi hanno sempre due tipi di status che a rifugiato può ottenere”, spiega Bonjour.

READ  Sono 371 i nuovi punti positivi nel Mantova: è un record

“La seconda variante, la cosiddetta protezione sussidiaria, offre effettivamente questo scopo in teoria. Ma non conosciamo questa variante nei Paesi Bassi dal 2000. È stata legalmente abolita per evitare infinite procedure di protesta dopo il rifiuto di uno status”.

“Migliaia di persone ora sono nel panico a causa delle loro famiglie”

Eikelboom sottolinea inoltre che i piani dell’azienda di sospendere il ricongiungimento familiare non resisteranno a nessun giudice. “L’intero piano serve per il palcoscenico, per inviare un segnale agli elettori di destra che si sta facendo di tutto per arginare il flusso di richiedenti asilo”, analizza l’avvocato. “Si parla di fermare l’asilo, quando questo è irraggiungibile a causa di tutti i trattati che i Paesi Bassi hanno firmato. E i diritti e i sentimenti dei rifugiati non vengono presi in considerazione in alcun modo”.

Il presidente del VAJN prevede che queste regole poco chiare – il gabinetto non ha ancora fornito molti dettagli – causeranno principalmente un’ondata di panico e incertezza tra i beneficiari che ora aspettano le loro famiglie. “Questo nuovo urto potrebbe significare un altro anno di ritardo”, calcola Eikelboom.

“Si tratta di migliaia di persone che non vedranno le loro famiglie per almeno un anno, quando questi familiari si trovano spesso in una situazione pericolosa e precaria nel loro Paese di origine. Per non parlare dell’onere aggiuntivo per la giustizia in cui lavano i loro ci penseranno i nasi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *