Secondo Amazon, la convivenza tra umani e robot nei magazzini non è affatto male

I magazzini Amazon dove ci sono più robot sono anche quelli dove ci sono più infortuni sul lavoro? E il tasso di incidenti è molto più alto che in altre società dello stesso settore? L’indomani pubblicazione dell’indagine del Center for Investigative Journalism sul sito Reveal, rilanciato da alcuni dei giornali e delle televisioni più seguite al mondo, l’azienda di Jeff Bezos risponde con qualcosa di più della generica nota consegnata a Reveal in cui afferma che “il la sicurezza dei lavoratori è al primo posto “. Questo promemoria è arrivato, afferma Reveal, dopo che Amazon ha ricevuto una richiesta di intervista il 19 agosto, seguita da 35 domande dettagliate il 9 settembre. La risposta ora arriva a livello globale in Italia da quando la nostra pubblicazione di ieri si è conclusa con la richiesta di pubblicazione dei dati italiani sugli infortuni sul lavoro (l’indagine Reveal riguarda 150 magazzini americani).

La prima parte della risposta è comune e riguarda lo smantellamento delle due accuse. La nota italiana inviata a Repubblica afferma che “l’autore ha interpretato male i dati. I documenti interni che sostiene di aver ottenuto, alla fine, evidenziano solo un elemento: a cui prestiamo grande attenzione. la sicurezza dei nostri dipendenti. “. Secondo Amazon, “Il giornalista di Reveal è stato trovato male informato su come l’indicatore di sicurezza della Occupational Safety and Health Administration (OSHA) misura i giorni di assenza e le limitazioni dovute a problemi di salute ( denominati tassi DART) e che l’autore dell’articolo definisce erroneamente come un tasso di incidenti gravi. Il nostro tasso DART mostra effettivamente come incoraggiamo chiunque abbia subito qualsiasi tipo di infortunio (non solo lesioni gravi), come lieve affaticamento o distorsione, ad astenersi dal lavoro fino a quando le loro condizioni non migliorano.

READ  Delizia i tuoi ospiti con la torta di zucca, pronta in soli 20 minuti

Insomma, e qui citiamo la sintesi del sito Il bordo, “Gli alti tassi di infortunio sono dovuti ai generosi tempi di recupero” concessi ai lavoratori. Il direttore di Reveal a sua volta ha risposto spiegando che nel sondaggio non vi era confusione nel calcolo del tasso di infortuni e che la scelta di tradurre l’acronimo DART (Days Away Restricted or Transferred) in ” incidenti gravi “è stato fatto per chiarezza; e che lo stesso Bureau of Labor Statistics degli Stati Uniti sostiene che il DART può essere utilizzato per calcolare il tasso di incidenti gravi.

L’altro punto evidenziato dall’indagine Reveal è la coincidenza tra un alto tasso di infortuni sul lavoro e la presenza di robot. A questo proposito Amazon Italia ci ha scritto che “le nostre metriche mostrano come i dati di sicurezza dei nostri siti robotici siano in fase con quelli della“ vecchia ”generazione”. Ma non ci ha fornito i parametri che indicano che i numeri interni non sono significativi se non confrontati con un numero nazionale. Anche nella nota inviata ai siti anglofoni, Amazon non fornisce cifre per smentire le indagini ma si accontenta di dire che “ci sono continui miglioramenti nelle condizioni di lavoro, nella prevenzione e riduzione degli infortuni”. Secondo Reveal, questi sono solo banali progetti pilota al di fuori della rotazione dei lavoratori da una postazione di lavoro all’altra durante il turno, una pratica che sarebbe stata sospesa nel 2019 durante la settimana della promozione. Prime Week.
Infine, la questione delle condizioni di sicurezza nei magazzini in Italia. Amazon dice a Repubblica: “Per garantire un ambiente di lavoro sicuro per i nostri dipendenti, continuiamo a investire in formazione, procedure, progettazione dei processi e attrezzature. Nel 2019 i nostri investimenti in progetti specifici per migliorare le condizioni di sicurezza e in nuove attrezzature hanno superato i 2,8 milioni di euro e abbiamo fornito ai nostri dipendenti oltre 81.000 ore di formazione sulla sicurezza. Sempre in Italia, impieghiamo più di 30 professionisti della sicurezza e 300 soccorritori che lavorano per proteggere i dipendenti e identificare nuove soluzioni per rendere più sicuro il loro ambiente di lavoro. Le cifre sottolineano anche facilmente l’impatto positivo delle nostre misure sulla sicurezza delle condizioni di lavoro. Il tasso di infortuni nei centri di distribuzione Amazon in Italia nel 2019 è stato di 11,02 contro il valore di 50 del settore logistico (Fonte INAIL – Istituto Nazionale di Assicurazione contro gli infortuni sul lavoro). L’Indice di frequenza degli infortuni sul lavoro misura l’incidenza degli infortuni sul lavoro per milione di ore che si verificano in un dato periodo, settore e area geografica, rispetto al numero di ore lavorate nello stesso periodo, stesso settore e stessa area geografica, moltiplicati per un milione. Prende in considerazione solo gli incidenti di più di tre giorni consecutivi. Nella nostra metrica degli infortuni, prendiamo in considerazione anche gli infortuni che durano solo un giorno. Il tasso di incidenza dell’11.02 è stato calcolato estrapolando i dati relativi agli infortuni superiori a tre giorni consecutivi per poterli confrontare con i dati nazionali “.

READ  Tampone in aeroporto, per i voli nazionali sarà necessario arrivare due ore prima. Fino a 4 per l'intercontinentale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *