Gli istruttori sportivi del carcere di Veenhuizen vanno in bicicletta in Italia

Gli istruttori sportivi del carcere di Veenhuizen vanno in bicicletta in Italia

Venerdì 2 giugno, tre educatori sportivi dell’istituto penitenziario (PI) Veenhuizen guideranno le loro bici da corsa per una corsa mostruosa di 1250 chilometri verso l’Italia. Con questa sfida sportiva, Arjen, Eric e René vogliono ispirare i loro colleghi e detenuti della prigione, ma in realtà tutti, a iniziare a fare esercizio. “Il ciclismo è un’attività molto salutare e fa anche bene all’ambiente. Vorremmo attirare l’attenzione su questo messaggio! “disse il trio.

Gli educatori sportivi del carcere di Esserheem percorreranno in una settimana circa 1.250 chilometri per concludersi il 9 giugno a Sirmione, sulle sponde del Lago di Garda. “Per mangiare lì un delizioso gelato italiano”, dice Arjen. “Ce lo siamo meritato!” Il programma dell’itinerario, con un minimo giornaliero di 150 chilometri, è sostanzialmente pronto. “Ma non abbiamo ancora prenotato nessun campeggio”, dice Eric. “Potremmo anche avere guasti alle attrezzature o maltempo, quindi potremmo dover fare meno chilometri al giorno”.

Con la loro avventura ciclistica, gli istruttori sportivi vogliono mostrare cosa si può ottenere con un po’ di impegno e buona volontà. “Chiunque può andare in bicicletta”, dice René. “Tuttavia, le persone sono spesso inclini a guidare. Perché non andare al lavoro in bicicletta più spesso? Molti datori di lavoro, incluso il nostro, hanno un piano bici in cui puoi acquistare una bici davvero bella per non troppi soldi. Al giorno d’oggi questa può ovviamente anche essere una e-bike.

Gli uomini stessi non hanno ancora bisogno di ausili per pedalare. Sono felici di fornire supporto da soli. E ispirazione. Ai detenuti, il gruppo target con cui lavorano quotidianamente. Insieme, Arjen, Eric e René hanno più di sessant’anni di esperienza come educatori sportivi in ​​carcere. “Lo sport fa bene al corpo e all’anima”, afferma Arjen. “Questo vale per tutti, ma certamente anche per i detenuti. È un bel modo per disattivare le frasi per un po’. Divertiti, renditi bello e stanco in modo da poter dormire bene la notte. Fare esercizio insieme fa anche bene alle tue abilità sociali e ai tuoi contatti.

READ  Inter-Milan, rivive MOVIOLA: espulso Ibra, rigore su Barella con il Var | Prima pagina

Al dipartimento sportivo di Esserheem, andare in bicicletta in Italia è un argomento di discussione regolare tra i detenuti sportivi. René: “Alcuni dicono che siamo pazzi, altri dicono: se solo avessimo qualcosa della tua perseveranza. In ogni caso, i detenuti vorrebbero essere informati del nostro viaggio, quindi faremo del nostro meglio per farlo.

I colleghi sportivi del carcere si sono presi dei giorni liberi per il loro giro in bicicletta. Ricevono sostegno dalle loro mogli, che intraprendono anche loro il viaggio in Italia in camper. I posti letto sono quindi forniti e se qualcosa va storto lungo il percorso, i soccorsi sono comunque nelle vicinanze.

///////////////////////////////////////////////////// /////////////////////////////////////////////// //

Nota per i redattori:

In caso di domande relative a questo comunicato stampa, contattare René Hut, consulente per le comunicazioni presso PI Veenhuizen, tel.06 527 536 09, e-mail: [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *